Gente di Via del Campo

In piazza Fossatello forse tanti non la notano, anche perché, da lì, il punto di osservazione è un po’ disagiato.
E ci vuole una certa attenzione per vederla, in effetti.
Così può capitare di imboccare Via del Campo e di perdersi tra le vetrine di cineserie, tra i negozietti che espongono argenti indiani, sete odorose d’incenso e chincaglierie.
E magari può accadere che ci passiate proprio sotto, senza accorgervi della sua presenza.
Poi si arriva al negozio di Gianni Tassio e si è presi dalla nostalgia per Faber, per le sue affabulazioni, per quelle note inconfondibili che ci ha lasciato e si pensa che sì, quello è proprio il suo luogo, la sua strada, la sua casa.
E si prosegue, lungo Via del Campo, verso porta dei Vacca.
E magari, in un giorno in cui non si è proprio distratti, ci si volta indietro e si alza lo sguardo.
E bisogna proprio tirare la testa indietro, per vederla, e puntare lo sguardo verso l’alto.
Allora, in quel preciso istante, come sempre capita a me quando vado ad ammirarla, vi accorgerete che non siete i soli a star con il naso per aria:  intorno a voi, per un reazione dovuta alla nostra umana curiosità, genovesi e no, con gli occhi spalancati verso il cielo, resteranno stupiti a guardarla, sorprendendosi per non averla mai notata.

È la torre dei Piccamiglio, famiglia di origine tedesca, che aveva in questa zona i suoi palazzi.
Fu costruita nel 1437 e nella sua gloriosa maestosità, svetta sugli altri splendidi edifici che la circondano e, per un gioco di prospettive, non è così facilmente visibile.

Dalla retrostante Piazza di San Marcellino la torre vi si presenterà così.

Non sono stati soli, i Piccamiglio, a lasciare un segno in Via del Campo.
Poco distante, oltre Piazza del Campo, in corrispondenza di uno slargo, una colonna testimonia l’infamia che, nel 1628,  il notabile Giulio Cesare Vachero intendeva perpetrare ai danni della Repubblica di Genova in favore dei Savoia, che, con un colpo di mano, volevano prendere il potere nella nostra città.

Il Vachero e gli altri congiurati vennero scoperti e il loro destino fu amaro.
Processati, furono condannati a morte per impiccagione, tranne il Vachero medesimo, che pretese di essere decapitato.
L’abitazione del traditore venne abbattuta e al suo posto fu eretta la colonna, ad eterna memoria del suo gesto scellerato e su di essa vennero incise queste parole:

Infame memoria di Giulio Cesare Vachero,
il quale avendo cospirato contro la Repubblica,
mozzatogli il capo, confiscatigli i beni, banditi i figli, e distruttagli la casa,
espiò le pene dovute.
Nell’anno del Signore 1628

Va da sé, che le colpe dei padri ricadono sui figli, e ai discendenti di Vachero toccò l’esilio.
Tornati a Genova, in occasione della costruzione della fontana dei Raggio, insistettero tanto affinché la fontana fosse edificata in modo da nascondere il più possibile quella colonna che gettava un’ombra sul loro nome.

Quando passate in Via del Campo, non siate frettolosi.
Prendetevi il tempo per sbirciare dentro ai portoni e alzate lo sguardo, verso la torre.
E regalate un pensiero ai Raggio, ai Piccamiglio, ai Vachero e a tutti quelli che, con i loro passi, hanno calpestato la vostra stessa terra.

Annunci

15 pensieri su “Gente di Via del Campo

  1. Cielo Miss Fletcher, sempre più intriganti le storie che ci narri.
    Aumenta il mio desiderio di conoscere la tua bella città.
    Intanto prendo diligentemente nota di questi tuoi appunti e mentre scrivo canticchio inconsapevolmente le poesie del sagace Faber.
    Buona serata Susanna Cerere

    • Io ringrazio te, per aver letto, benvenuto tra queste pagine.
      Ogni tanto, quando ho desiderio di grandezza e di bellezza mi metto lì, sotto la torre dei tuoi antenati e resto ad ammirarla, è di una bellezza stupefacente.
      E sono sempre felice di vedere che, con me, altre persone alzano lo sguardo verso l’alto.
      Ho sempre avuto la curiosità di sapere com’è dentro…

      • Cerco à sapere dove era il palazzo dei Piccamiglio, forse vicino alla torre, ho visto una bella porta alle 4 del vico san macellino, chi sa dirmi se il pallazzo si trova qui.
        Grazie

      • Benvenuta Corinne.
        Sì questa era la zona dove vivevano i Piccamiglio, questa era la loro Torre.
        Se riuscirò a salire sulla Torre ne parlerò qui!
        Buona domenica!

  2. Pingback: I tetti sopra Via del Campo e la Torre dei Piccamiglio | Dear Miss Fletcher

  3. Pingback: Gli sguardi di Giano Bifronte, simbolo di Genova | Dear Miss Fletcher

  4. Miss, nel muro di fianco alla fontana, c’è ancora la scritta:
    “ci hanno insegnato
    la meraviglia verso la gente
    che ruba il pane
    ora sappiamo che è un delitto
    non rubare quando si ha fame…”?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.