Jessie White e Alberto Mario, Miss Uragano e il patriota

Era inglese, appassionata e idealista, in anni nei quali gli ideali erano la linfa delle azioni degli uomini.
Non era bella Jessie, anzi era piuttosto mascolina, le immagini di lei rimandano la figura di una donna alta, dai tratti marcati e dal portamento altero.
Jessie White aveva la passione nel cuore, la passione per una causa che forse appare strano che lei abbia fatto sua: l’Unità d’Italia.
E fu l’incontro con Garibaldi e poi con Mazzini ad accendere in lei questa fiamma, un fuoco che mai si estinguerà.
E’ una giovane donna, ha molte aspirazioni, vorrebbe diventare medico.
E’ moderna Jessie, emancipata e dalla mente aperta.
Mazzini è in cerca di appoggi, ha conosciuto Jessie all’inizio del 1856 e ha riconosciuto in lei quel furore, quella veemenza che lo porteranno a chiamarla con un appellativo che la descrive appieno: Miss Uragano, così la chiamerà e con questo nome Jessie passerà alla storia.
E’ lei che viene prescelta per diffondere gli ideali dell’Unità in Inghilterra, è diventata giornalista Jessie e sul Daily News pubblica i suoi articoli a sostegno dell’Unità, e sono densi di parole cariche di significato e della potenza che solo chi crede in ciò che fa è in grado di esprimere.
Inoltre, sempre per promulgare il verbo di Mazzini, Jessie farà un ciclo di conferenze in giro per le isole britanniche, durante il quale raccoglierà  fondi per la causa italiana.
Ed è a Genova, nel giugno del 1857: ha venticinque anni ed un destino che l’attende.
Nella città ligure si prepara la spedizione di Sapri, il cui scopo è sollevare il meridione.
Jessie è una donna d’azione, dotata di grande personalità non è certo donna da tirarsi indietro e partecipa attivamente al piano di Carlo Pisacane, l’impresa finirà nel sangue ma è nelle mani di Jessie che Pisacane ha affidato il suo testamento politico, quello nel quale egli esprime e spiega cosa lo spinga a rischiare la sua vita stessa: un ideale.
Ed è per il medesimo ideale che Jessie White verrà arrestata e reclusa nel carcere di Sant’Andrea, dove rimarrà per quattro lunghi mesi.
E’ il 4 Luglio del 1857 e dietro le sbarre, insieme a Jessie, c’è l’uomo del destino.
Lui è originario di Lendinara, il suo nome è Alberto Mario, è amico di Mazzini, lo ha anche ospitato in gran segreto nella sua casa ed è in prigione per gli stessi motivi per cui vi si trova Jessie.

Alberto Mario, non più giovane 
immagine tratta da Della vita di Giuseppe Mazzini di Jessie White Mario
volume di mia proprietà

Si conoscono da qualche settimana e la prigionia non separa, unisce.
Lui le scrive lettere clandestine, le idee, i pensieri collimano, vanno in parallelo, il sentimento cresce, li scarcerano e a dicembre saranno sposi.
Uniti nella politica, uniti nella vita e nell’amore, che trova sempre modi misteriosi per svelarsi, saranno compagni per il resto dei loro giorni.
E saranno convulsi, gli anni a venire.
Jessie viene processata la tartassano di domande, le Autorità vogliono conoscere a fondo la natura dei suoi rapporti con Mazzini, con Pisacane e con la sua donna, Enrichetta di Lorenzo.
Mazzini? E’ il Cristo del Secolo, così risponde fiera Jessie White Mario.
Torna in Inghilterra, è il 1859 e con il marito decide di andare in America, per diffondere anche là quello in cui crede.
Ma è l’Italia il destino di Jessie.
E’ il 1860, Garibaldi e i suoi Mille salpano alla volta della Sicilia.
A maggio  il Nizzardo ha istituito a Palermo  un governo provvisorio.
Alberto e Jessie si mettono in gioco, un’altra volta, ma le Autorità vorrebbero fermarli, c’è il rischio concreto di finire di nuovo dietro le sbarre.
Interviene Garibaldi stesso, che Cavour si metta il cuore in pace, non intende assolutamente consegnare alla polizia due patrioti tanto coraggiosi e valorosi.
Restano i coniugi Mario, lui seguirà una scuola militare stabilita a Palermo da Garibaldi stesso, alla quale avranno accesso i trovatelli della città, Jessie invece presta la sua opera d’infermiera, unica donna al seguito di Garibaldi.
C’è lei sui campi di battaglia, è lei a bendare le ferite dei garibaldini, negli ospedali da campo, c’è lei tra quei giovani valorosi , Jessie è a Monterondo, a Mentana, e poi, in anni successivi a Digione, sempre al seguito di Garibaldi.
Instancabile, coraggiosa, guidata da una fede incrollabile.
Osservatrice attenta, scrisse le biografie dei grandi del suo tempo, di Cattaneo e di Bertani, di Garibaldi e di Mazzini ed un privilegio grande poter leggere le vite di questi uomini nelle parole di una donna di tale spessore che sa rendere dei ritratti unici e particolari.
Tra le molte sue opere, Jessie White si interessò anche al sociale, memorabile è un testo che scrisse nel 1877, dal titolo La miseria in Napoli, se lo desiderate lo trovate qui.
Provate a leggere qualche riga, qualche pensiero così come ce lo ha lasciato Jessie, una donna di un altro secolo eppure così evoluta e straordinariamente moderna, dalla quale abbiamo ancora molto da imparare.
Alberto Mario morì nel 1883, ma Miss Uragano terrà in vita la sua memoria, se lo terrà accanto ancora molti anni e chiederà soccorso a un amico di lui, Giosuè Carducci, per raccogliere in un unico volume gli scritti da Alberto, preceduti da una biografia scritta dalla stessa Jessie.
Il poeta le sarà poco d’aiuto però, sta stilando un’edizione dell’opera di Giacomo Leopardi.
Jessie non perdona il vecchio amico del suo perduto amore e gli fa recapitare un lapidario biglietto con queste parole:
Stupendo il Leopardi. Peccato che Alberto non possa leggerlo.
Il libro uscirà comunque nel 1901.
Restano pochi anni a Jessie, li trascorre in semplicità, ha scarsi mezzi economici, quando era giovane certo non ha pensato ad accumulare denaro, no.
Aveva altri pensieri, Jessie, un amore, una nazione da costruire, un’Italia ideale, ancora da sbocciare, una bandiera che non era la sua, una bandiera che oggi sventola dalle nostre finestre anche grazie a lei.
Jessie White vedova Mario, come usava firmarsi negli ultimi anni, mori il 5 Marzo del 1906.
Riposa nel cimitero di Lendinara, a fianco ad Alberto, l’uomo al quale in vita, in ognuno dei suoi giorni, è sempre stata accanto.

19 pensieri su “Jessie White e Alberto Mario, Miss Uragano e il patriota

    • Ma grazie, le tue parole sono un vero onore per me. Io ho il tuo libro, bellissimo. Ed ero alla tua conferenza al Museo Mazziniano: mi hai fatto venire i brividi mentre raccontavi di Jessie, e ci siamo anche parlati, prima che iniziasse.
      Grazie, grazie davvero.

  1. Che bello questo post, si percepisce tutta la tua ammirazione per questa donna. Non la conoscevo, quindi grazie. Il file pdf che hai linkato lo converto e lo carico sul Kindle. Spero di riuscire a leggere qualcosa.
    Stai sempre un passo avanti Miss, c’è poco da fare.

  2. Ma questa Miss Uragano, “osservatrice attenta e dedita alle biografie di grandi del suo tempo”… mi ricorda vagamente una certa Miss, dei tempi attuali 😉
    Ennesima storia di vita reale, avvincente e coinvolgente, come sempre!
    Buon inizio di settimana cara amica
    Susanna

  3. Che grandi amori questi.Oggi non ce ne sono piu’!Non è solo amore,ma condivisione di idee,di ideali,di vita!!!!e’ un icontro intellettuale,che non puo’ svanire con la caduta della passione,dell’attrazione fisica.Un uomo per lasciare una donna cosi’ avrebbe dovuto trovarnr un’altra con altrettanta vitalia’,intelligenza,curiosita’ e passione.oggi gli uomini come massima aspirazione hanno le veline,cioè “sotto il vestito……niente”!!!!!!!!!!!!!

  4. Cavoli Miss, che bel post… non sapevo niente di questa Miss Uragano. Quando non mi fai commuovere (e qui ci sei andata vicino) riesci comunque sempre a stupirmi e a farmi pensare. bellissimo l’episodio con il Carducci. Non mi è mai stato particolarmente simpatico Giosuè, vedi? Ora ho un motivo in più.

  5. Grazie cara Fletcher, per questa bella storia che conoscevo bene.
    Anch’io possiedo il libro che hai citato, è importantissimo quello che fai divulgando queste storie affascinanti e piene di eroismo

    • Il libro è splendido! Solo che portarselo fino a casa da vico del Fieno, ehm…è un tomo mica da ridere!
      Il adoro le storie del Risorgimento, grandi avventure e vite movimentate, il fascino è inevitabile.

  6. Pingback: Emma, l’amore inglese di Garibaldi | Dear Miss Fletcher

  7. Miss, ottimo il tuo Risorgimento a dispense!… in Argentina mi hanno insegnato a detestare gli inglesi per via di due falliti tentativi di invasione, nel 1806 e nel 1807, per tacere delle isole Malvinas o Falkland… per la verità, io mi sono impegnato a fondo, ma non tutti sono riuscito a detestarli… taluni poeti e taluni rockettari li avevo assolti ben volentieri… da oggi, però, ai rockettari e ai poeti, aggiungo pure questa straordinaria Jessie, alta, non bella e mascolina, che il cognome del marito non aiuta, certo, a femminizzare… e di cui leggerò senz’altro “La Miseria in Napoli”…

    • Era meravigliosa Jessie, una donna davvero speciale e i suoi scritti sono davvero avvincenti, quello su Napoli era naturalmento drammatico ma molto realistico.
      Grazie Sergio, mi fa molto piacere che apprezzi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.