Quel tuo nome assurdo, da greco antico

Quel tuo nome assurdo, da greco antico.
So che una persona tra voi, una mia cara amica con la quale ho condiviso gli anni di Università, ha già compreso di chi stia parlando.
Quel tuo nome assurdo, da greco antico.
Stephen Dedalus, Ulysses di James Joyce.
Oh no, certo non voglio raccontarvi il romanzo più complesso del secolo scorso, oh no!
E mi viene alla mente l’epifania joyciana, se lo avete letto saprete già.
Un gesto, un evento che ti conduce a una sorta di visione, una realtà che si svela,  un vissuto che riemerge, mostrandosi in tutta la sua interezza.
D’accordo, basta.
Mi fermo.
Mica vorremmo tentare di discutere del monologo interiore, di quella Molly Bloom passionale, carnale, del suo pensiero che fluisce.
No, mi fermo.
Ulysses, la cronaca di una giornata, a Dublino, nel 1904.
Torno alla frase: quel tuo nome assurdo, da greco antico.
E’ dai tempi dell’Università che mi tormenta, a volte mi sovviene, così,  senza ragione.
E mica ho mai capito perchè mi sia rimasta così impressa. La pronuncia Buck Mulligan, l’amico di Stephen.
E mi è rimasta ugualmente incisa nella mente un’altra frase, che Buck dice.
Anch’io ho un nome assurdo, Malachi Mulligan. Due dattili. Ma ha un certo qual suono ellenico, vero?
Ecco, io vivo, sogno, penso, ma a tratti nella mia vita si insinuano questi due, Stephen e Buck.
Inspiegabile.
Ai tempi dell’università avevo un professore molto quotato, ancora lo è.
E’ autore di svariate pubblicazioni di gran pregio, molte di esse vertono proprio su James Joyce.
E appunto ai suoi esami si portava Portrait of an artist as a young man e Ulysses.
E insomma, ricordo che ci diede la mappa di Dublino.
E poi usava mettertela davanti e chiederti: adesso segnami il percorso che Stephen Dedalus compie per andare all’Università.
E beh, se uno a Dublino non ci è mai stato è dura, tocca studiarselo a memoria! E infatti ogni tanto qualcuno sbagliava, inevitabile.
E poi mi ricordo che faceva anche altre domande, ai tempi mi sembravano strane, lo ammetto.
E ammetto, Stephen Dedalus non è mai stato nelle mie corde. Portrait of an artist as a young man forse mi è piaciuto di più, ma Ulysses all’epoca davvero mi sembrava astruso.
A parte quella frase, quel tuo nome assurdo da greco antico, che ogni tanto mi rimbalza nella testa.
E poi gli anni sono passati, ammetto di non averlo mai più riletto.
Ho già dato, letto tutto e in lingua originale, passiamo ad altro.
E poi il tempo è trascorso, tanti anni, davvero tanti.
E sono andata a Dublino.

Davy Byrne’s Pub – Duke Street – Dublin 

E davvero non ero sulle tracce di Stephen Dedalus, no. L’ho detto, non era uno dei miei personaggi preferiti.
Io ho adorato i bambini di Dickens, Lolita, Huckelberry Finn, ma Stephen no, l’ho tollerato, come certi compagni di classe che ti ritrovi e non puoi scegliere di non frequentare.
Ma appunto mi sono ritrovata a Dublino.
Non so bene come sia successo, non so descrivere se si sia trattato di un momento epifanico, per dirla come la direbbe Joyce, forse oso troppo.
Comunque camminavo, camminavo per Dublino.
Lungo la Liffey, il fiume che l’attraversa, al St. Sthephen Green, il parco cittadino.
Sono stata al Trinity College, l’Università.
E infinite volte su e giù per O’Connell Street, la strada principale di Dublino.
E in ogni strada, ad ogni angolo ho incontrato lui, Stephen Dedalus.
Era lì, inatteso e inaspettato.
E camminavo e trovavo i suoi luoghi, quei maledetti posti segnati a pennarello sulla dannata cartina del professore, erano lì, senza che nemmeno li avessi cercati.
E’ stato un compagno di viaggio discreto Stephen Dedalus, mi ha guidato passo dopo passo per le vie della sua città.
E lo avevo proprio accanto, era lì, con me.
L’ho detta la frase, certo che glielo detta, cosa credete?
In una di quelle fresche serate dublinesi trascorse insieme a lui, l’ho guardato, ho sorriso e ho pronunciato quelle parole: quel tuo nome assurdo, da greco antico.

17 pensieri su “Quel tuo nome assurdo, da greco antico

  1. Ah cara Miss Fletcher, mi parli dello Ulysses di primo mattino ed io parto mentalmente per Dublino.
    Quando ci sono andata ho gironzolato per la citta con il libro in mano, ripercorrendo la giornata di Bloom fino all’ultimo.
    Sono stata anche alla Joyce Tower, fuori città, dove lui si era rinchiuso per finire lo Ulysses… posto spettacolare.

  2. Mia cara Miss, è sempre una gioia per l’anima passare da te e perdersi nelle tue pagine… scrivi bene, davvero bene, in modo così coinvolgente…
    Ti abbraccio e spero che la connessione mi permetta di perdermi di nuovo tra le tue pagine assai presto…

  3. Oh Miss, mi duole molto, data la mia immane ignoranza non sapere di cosa tu stia parlando e quindi evito di commentare. Sappi però che ti ho letto, come sempre, molto volentieri e perchè no, ho imparato qualcosa che non sapevo. Devo dire comunque che viaggiare hai viaggiato e per questo t’invidio un poco. Un bacione.

  4. Ed io mi sono avvicinata a questo post immaginando quali altre pruriginose avventure ci narrasse la nostra Miss Fletcher, magari relative ad uno bello “come un dio greco!”
    Ma sentirti parlare di Dublino suscita in me grande nostalgia e piacevoli ricordi. Pazienza. per le vicende amorose infantili della Miss in questione aspetterò pazientemente, tanto lo so che ne hai ancora da raccontare!
    Ciao Susanna

  5. Grazie, Miss Fletcher per questi ricordi letterari. Dublino, per me, e’ una meta non ancora raggiunta. Dovevo andarci l’estate in cui si ammalo’ mio padre. Forse ci andremo nei prossimi anni, anche se ultimamente i viaggi aerei li trovo sempre piu’ stressanti. Buona settimana. Io sta mattina inizio con Ammaniti, Io non ho paura. Gli studenti la settimana scorsa erano rimasti inorriditi dalla storia (poveri gigli virginali!).

  6. Miss, mi hai riportata ai tempi delle mie fortunose letture. A quando, a lume di candela per nasconderlo ai miei, trascorrevo gran parte della notte a leggere di mondi che non avrei visto mai. Eppure sì, in realtà li ho visti. Anche Dublino di Joyce senza esserci mai stata 🙂 Venire a passeggiare sul tuo laghetto è un po’ la stessa sensazione di viaggio. Grazie.

  7. E ti vengo a trovare..pochi attimi, in una casa lontana dalla mia, ed il risveglio è nostalgico… nostalgico e crepuscolare e in mente mi risuona..”ciò che poteva essere e non è stato”
    Ho letto Joyce troppo giovane, ho voluto caparbiamente arrivare fino all’ultima pagina di quell’Ulisse di cui non capivo nulla… ma , crescendo, e dopo aver letto Gente di Dublino, si è insinuato latentemente il desiderio di rileggere…. il desiderio dei luoghi….questo, insieme a molto altro, restarà fra le cose che il breve tempo rimasto lascerà andar via.
    Grazie Miss..grazie, notevolissimo post.
    Un sorriso

  8. Pingback: L’anima dei libri | Dear Miss Fletcher

  9. Miss, su Joyce non metto lingua… un corpulento Ulysses della Oscar Mondadori, gira per casa, forse, ancora più di quanto Odisseo girovagò prima di approdare alla sua Itaca, dopo la guerra di Troja… gira per casa, nel senso che mia figlia un po’ lo prende e un po’ lo molla… dicevo, su Joyce non metto lingua, ma invece la metto per il richiamo “L’anima dei libri”, uno stupendo post, impreziosito da altrettanti stupendi commenti… è stato un vero piacere leggerlo!…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.