Meravigliato paesaggio

Fuori c’è il gelo, pungente ed intenso, eppure anche in questi giorni vorrei perdermi per quelle strade viste tante volte, delle quali non sono mai stanca.
Ci sono tante maniere per conoscere una città, una di queste è scoprirla attraverso le immagini del tempo passato, con l’incanto e lo stupore che questa esperienza comporta.
Nelle stanze del prestigioso Palazzo della Meridiana ha aperto ieri i battenti la mostra Meravigliato Paesaggio, la scoperta della Liguria e i fotografi dell’800, a cura di Pietro Boragina e Giuseppe Marcenaro.

In esposizione si trovano veri capolavori della fotografia appartenenti a collezioni private: il paesaggio, meravigliato e meraviglioso, è quello della nostra Liguria, da Levante a Ponente, un’ampia sezione è dedicata alla Superba ed alle sue strade.
E allora eccola, la Liguria.
Ecco le palme di Bordighera, gli ulivi, le spiagge assolate e deserte.
E Dolceacqua, Noli, Ceriana, le immagini, antiche e seppiate, restituiscono un panorama a noi caro, vedute di luoghi conosciuti ed amati.
Autore di molte delle opere in esposizione è Alfred Noack, fotografo tedesco realmente innamorato della nostra regione, che ebbe il suo studio in Vico del Filo, nel cuore della città vecchia.
Luoghi e gente di Liguria, marinai con le loro vele, contadine che raccolgono l’acqua alla fonte.
All’inizio del percorso vi soffermerete ad ammirare delle lastre al collodio opera di Giuseppe Cortese risalenti al 1850, che ritraggono persone dell’epoca.
Forse anche voi, come me, indugerete davanti a quei visi, a quelle pose composte e studiate.
Oh, fra queste donne e questi uomini per caso c’è qualcuno dei miei antenati? Oh sì, questa sembra davvero la zia, siamo davvero sicuri che non lo sia? Eh, no, eppure lo sembra!
Le foto di quel tempo traggono in inganno, ecco le dame con i loro vestiti ampi, ritte davanti a un colonnato, i gentiluomini seri e compunti con tanto di soprabito e cappello, davvero sembrano i nostri bisnonni!
C’è un fascino assoluto in queste immagini, qualcosa lega il nostro presente a quei giorni che sembrano lontani ma che hanno come scenario le nostre strade, le nostre piazze, quelle che ogni giorno percorriamo e viviamo.
E le molte immagini di Genova qui esposte suscitano nel visitatore una meravigliata ed impagabile nostalgia.
Le strade, le nostre strade: Via Caffaro, Via Garibaldi, Via Palestro, Piazza della Nunziata.
De Ferrari, che a quei tempi si chiamava Piazza San Domenico.
E i carretti, i cavalli, le carrozze.
Dagherrotipi, stampe all’albumina, gli albori della fotografia.
Non si vedono quasi mai persone ed ho letto che questo è dovuto ai lunghi tempi di esposizione che richiedeva la tecnica della fotografia a quell’epoca: semplicemente, in certi casi, i passanti non rimanevano impressi.
In alcune circostanze i contorni della figura appaiono sfumati, come in dissolvenza, così accade nel caso di un’immagine di struggente bellezza, che ritrae l’ormai perduto Vico di Ponticello e la Porta di Sant’Andrea.
E poi ancora, Caricamento con la statua di Raffaele Rubattino, che guarda a ponente, là dove passava la ferrovia, come era in origine.
Rubattino era un armatore, suo era il Cagliari, la nave che Carlo Pisacane usò per la sua tragica spedizione di Sapri, e sempre a Rubattino appartenevano il Piemonte e il Lombardo, a bordo delle quali Giuseppe Garibaldi compì l’impresa dei Mille.
Così si pensò che il grande imprenditore, colui che aveva così tanto contribuito ad unire l’Italia, dovesse guardare quel mare, il mare di Liguria.
La statua venne girata e poi, ahimé, in tempi più recenti, le costruirono di fronte la sopraelevata e io davvero non so come l’abbia presa il Signor Rubattino!
Se verrete a vedere la mostra, troverete il grande armatore assiso lassù, e guardate bene Caricamento! Quanti carretti carichi di merci!
E poi soffermatevi su una fotografia del Fratelli Alinari, i panni stesi sventolano allegri sospinti dalla tramontana di Liguria, in quella Via Madre di Dio che non esiste più, la strada che i tutti i genovesi rimpiangono, perchè con lei ci è stato portato via un pezzo di cuore.
Si sogna davanti a queste immagini, si sogna, ci si sofferma incantati a guardarle.
E si gioca con quella nostalgia che inevitabilmente ti coglie, senza che tu possa evitarlo.
Ho visto un gruppo di genovesi che tentavano di indovinare una toponomastica ormai perduta sulle immagini del quartiere di Carignano. Ecco Corso Andrea Podestà! Ma questa costruzione imponente? Oh, non la conosciamo! Quante supposizioni, quante fantasie!
Ho visto una signora sospirare e soffermarsi a lungo davanti a una fotografia di Vernazza, una delle Cinque Terre sfigurata dall’alluvione.
Luoghi dell’anima, molti di essi sono identici a ieri.
Ecco Portofino, Camogli, San Fruttuoso.
E poi, una  sorprendente Santa Margherita, ai tempi semplice borgo di pescatori, ecco le case alte e strette, i gozzi, la sabbia, un bambino e poche altre persone che camminano.
Suggestioni infinite, questo vi lascerà la visita a questa splendida mostra, che è aperta al pubblico fino al 9 di aprile, trovate qui tutte le informazioni in merito.
Tornerete alle vostre case stringendo tra le mani un catalogo che raccoglie quelle immagini splendide ed uniche che immortalano luoghi che conoscete bene, altri invece non li avevate mai visti e li avete scoperti qui, a Palazzo della Meridiana.
Questa è Genova, questa è la terra di Liguria.
Oggi come ieri, un meravigliato paesaggio.

Mostra prorogata fino al 6 Maggio 2012

Annunci

30 pensieri su “Meravigliato paesaggio

  1. Questa mole di informazioni mi travolge, ma non mi farò impressionare: una terra la si ama prima di tutto sapendolo a pelle, e sono bastate un paio di occasioni a Genova per arrivarci.

  2. Grazie Miss per l’informazione, si tratta di un bellissima iniziativa. Ho curiosato sul sito dedicato; i paesaggi lasciano a bocca aperta. Adoro le fotografie d’epoca, credo proprio valga la pena di farci un salto. Fortunatamente ho ancora tempo, ne approfitterò anche per visitare il Palazzo della Meridiana, ho vergogna a dirlo ma non ci sono mai stata. Che genovese da strapazzo sono?!?!
    un bacio e ancora grazie per documentarci giornalmente e per fornirci notizie suggestive sulla nostra amatissima città.
    sabrina

    • E’ una mostra che merita davvero, Palazzo della Meridiana poi è una meraviglia.
      Aspetto che tu ci vada, allora, e che racconti se ti è piaciuta, è davvero emozionante.
      Un abbraccio e buona gelida giornata!

  3. Buongiorno carissima.
    Questa mostra fotografica “antica” deve essere fantastica! Adoro soffermarmi ad ammirare le foto antiche, si scoprono dettagli che il tempo ha inesorabilmente cancellato…se abitassi più vicino, andrei senza dubbio a visitarla.
    Un abbraccio forte, cara amica, *Maristella*.

  4. Ecco Miss Fletcher, mi sono un pò persa appresso ad una telefonata ad un’amica genovese ma… il tuo post è uno stimolo a visitare questa bella mostra e potr apprezzare tutto ciò che riguarda la vostra splendida regione.
    Bacetto, ancora più nevoso
    Susanna

  5. A me piacciono un casino le foto eh, ma adesso, mia cara miss, con tutta quelle neve che hai visto nelle mie foto, come faccio, io, povero me, venire fino a Genova a vedere quelle splendide foto? Meglio rimandare a questa estate, magari davanti a un bel cocktail in un bar piccino incastrato fra i vicoletti:)

  6. Brava mia cara Miss Fletcher, oggi pomeriggio l’ho passato a ricamare un nuovo lavoro. Le mie cucciole hanno fatto il pupazzo di neve.
    Io adoro la neve ma mi piace guardarla da dietro un vetro. Sono moooolto freddolosa sai.
    Stefy

  7. Visto che sono un po’ lontanuccia mi sono guardata le foto che offre il sito della mostra, davvero belle! Le mostre fotografiche sono nelle mie corde e le vecchie foto hanno un fascino che merita di essere portato in primo piano. Brava!

  8. Ah Miss, insomma….grazie alle foto te ne sei venuta un pò verso Ponente eh? Brava, brava….. Chissà che meraviglie hai veduto in questo luogo ricco di foto e quante informazioni…grazie! Bacino.

  9. le lastre al collodio! Pensa un po’…ho stampato anche io delle foto su delle lastre di vetro, recuperate non so dove. Forse in cantina…qualche pezzo di vetro c’è ancora

  10. La mostra, purtroppo non l’ho vista trovandomi distante da Genova, ma conosco e possiedo moltissime fotografie ottocentesche, sopratutto di Noak di Sciutto e di Neer, il grande fotografo Noak pochi sanno che è sepolto a Staglieno, all’inizio del viale dei protestanti proprio sulla sinistra appena inizia il viale, pensa che la sua tomba è diventata perenne dopo che mi ero accorto della sua scadenza.
    Pertanto appena gli addetti al turno di esumazione avessero rimosso tutto, la nostra città avrebbe perso per sempre un’altra testimonianza importante.
    Mi sono recato corso Torino presso gli uffici comunali, ho parlato con l’Assessore ed è stato deciso che la tomba del fotografo più importante di Genova non sarà toccata, venne inserita alla mia presenza una nota nel registro che si leggeva così : non rimuovere, monumento e personaggio di interesse storico.
    Eugenio

    • Conosco la tomba di Noack, grande Eugenio che hai fatto in modo che rimanesse!
      Certo, se la tenessero un po’ meglio, sarebbe bello, era coperta d’erbacce l’ultima volta che sono stata a Staglieno.
      Buona serata!

  11. Cara Miss Fletcher,

    leggiamo con immenso piacere il tuo articolo sulla mostra Meravigliato Paesaggio ospitata presso Palazzo della Meridiana.
    Abbiamo raggiunto i 4.000 visitatori e pensiamo possa essere un grande orgoglio anche per la nostra amata città.
    Ti invitiamo a tenere sotto controllo il nostro sito internet e il profilo facebook perchè stiamo progettando un’altra mostra per i primi di giugno…di più non possiamo svelarti!
    Ti aspettiamo, inoltre, per la visita guidata del Palazzo che si tiene ogni prima domenica del mese dalle 14 alle 18 (partenze visite guidate ad ogni inizio d’ora)!
    Grazie ancora per il tuo interessamento, per la passione e l’entusiasmo trasmessoci!

    Lo Staff di Palazzo della Meridiana

    • Io vi ringrazio tanto, sono io a leggere con immenso piacere le vostre parole di apprezzamento per il mio articolo.
      La mostra è veramente di pregio come lo è il contesto, lo splendido palazzo verso il quale alzo sempre lo sguardo ogni volta che ci passo davanti.
      Verrò certamente alla prossima mostra e vi verrò a trovare la prima domenica di maggio, per visitare il palazzo e le sue stanze, mi piacerebbe molto poter raccontare ai miei lettori le sue meraviglie.
      Grazie di cuore da una genovese innamorata della sua città.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.