Santa Maria di Castello, la sala delle reliquie

Tempo fa il mio amico Gian, mia guida tra le bellezze di Santa Maria di Castello, mi ha proposto di visitare la sala delle reliquie.
Oh che stupore, io non sapevo neppure che ci fosse!
E così, dopo essere salità lassù, sul campanile, sono andata a scoprire questa ulteriore meraviglia.
Non ne avevo mai viste tante tutte assieme e sono davvero rimasta colpita.
Vi sono alcuni pezzi molto preziosi, come il reliquiario del XIV secolo  che raccoglie le ceneri del Battista e fu Jacopo da Varagine a volere che parte di esse fosse conservata qui, oltre che in cattedrale.

Qui si trova anche un frammento della croce.
Va da sé che io e il mio amico ci siamo chiesti quanto dovesse essere grande questa croce, visto che pezzetti del suo legno si trovano un po’ ovunque.
Dubbio condiviso dallo scrittore Mark Twain, che non mancò di ironizzare al riguardo, pertanto siamo in buona compagnia.

Nella sala delle reliquie sono conservate le ossa dei santi.

Alcune sono raccolte insieme ad altre, in questa maniera, ad esempio.

E nelle teche ci sono dei foglietti, con delle scritte, spesso è riportato il nome del Santo al quale appartenevano quelle ossa, oppure ci sono delle frasi che elogiano la persona ed i suoi atti.

So che queste immagini sono un po’ macabre, me ne scuso con voi, ma io sono inesperta, non avevo mai visto nulla di simile, credo che sia interessante mostrarle.
Non so a quali Santi appartengano queste spoglie, ma qui si trova un teschio, abbellito, se così si può dire, con dei fiocchi rosa.

E a quanto pare, c’erano diversi modi di adornare i resti che poi i fedeli avrebbero venerato, ad esempio utilizzando dei fiori.

E decorano i teschi ma anche le ossa.

Sapete, in Santa Maria di Castello queste reliquie occupano un’intera parete, e mi rendo conto che questo post rischia di prendere una deriva vagamente noir, ma questi reperti mi hanno notevolmente impressionato.
Mi colpisce la cura con la quale sono stati conservati, la scelta degli ornamenti riposti nelle teche.
Mi colpisce la distanza tra la nostra cultura attuale e questo mondo, che pure è parte delle nostre tradizioni, del nostro passato.
Penso, immagino e con la fantasia vado a quei giorni, cerco di figurarmi coloro che hanno portato qui le reliquie, forse da terre lontane, penso a chi si fece carico di esporle in quelle teche, così come oggi noi le vediamo.
C’è comunque un filo che unisce noi uomini di questa epoca a quelle persone, così diverse da noi, che ci hanno lasciato queste testimonianze della loro fede.
Tra tutte le reliquie qui conservate, una in particolare ha attirato la mia attenzione.
Presumo che siano i resti di una santa.

Fili di perle, attorno alle ossa, nell’incavo degli occhi, molto particolare.
Forse le perle con le quali era stata sepolta?
Oppure sono un omaggio alla sua santità?
Chi mai sarà?
Apparteneva ad una famiglia nobile, era forse una fanciulla di alto lignaggio?
E quanti secoli hanno quelle perle bianchissime?
Le adornavano il collo, la fronte, forse era bella, forse era giovanissima quando è morta.
Forse.
Un tempo.
E la fantasia vola, come sempre.

Annunci

19 pensieri su “Santa Maria di Castello, la sala delle reliquie

  1. Santa Maria di Castello è un tesoro immenso, ci sono tornata più volte e non stanca mai.
    Capita anche a me di fantasticare e immeginare come fossero i visi di quelle persone… chissà!
    Buona domenica! 🙂

  2. Davvero interessante! Penso che andrò a vederla, coll’ormai prossimo liceale. Si può prenotare una visita guidata da Miss Fletcher?

  3. Quelle reliquie tempestate di perle mi ricordano il tesoro dei pirati più che un reliquiario. Non la mia passione più sfrenata, magari questo lo salto quando vengo in visita… Tu sempre bravissima! Baci

  4. In effetti cara Miss Fletcher questa storia delle reliquie dei santi lascia un pò perplessi. Ma non bisogna razionalizzare su quanto grande dovesse essere questa croce, se mettiamo insieme tutti i pezzi sparsi ovunque nel mondo.

    Bisogna prenderla così com’è, questa cosa.
    Ti assicuro però che quando ti trovi ad Assisi o al Santo Sepolcro, non puoi non credere che tutto sia vero.
    Un abbraccio e buona domenica
    Susanna

  5. c’era un vero e proprio commercio delle reliquie nei primi secoli dopo cristo. Si vendeva di tutto: ossa, mandibole, occhi, attribuendoli all’uno o all’altro santo.
    Anche della croce non vi è alcuna certezza. La ritrovò Elena, figlia di Costantino, quasi trecento anni dopo la morte, insieme ad altre due croci. Ma sai quante crocifissioni ci furono in quei tempi?
    Insomma, un conto è la venerazione di reliquie, un’altra cosa è la fede.

    • Beh, su questo sono d’accordo.
      Comunque del commercio di ossa non sapevo niente, ma tu pensa…
      Riguardo al legno della croce sono d’accordo con te.
      Come il mantello della Madonna, doveva essere di qualche metro!

  6. Wow Miss! In che posto ricco di fascino e mistero che sei andata oggi! Era questo che intendevi quando dicevi che mancava ancora una cosa di Santa Maria del Castello vero? Bè, non potevi non postarlo e poi, la particolarità di adobbare così riccamente le ossa in questo modo io non l’avevo mai vista. Che forte Miss…cosa mi hai fatto conoscere!

  7. Pingback: Il presepe di Santa Maria di Castello « Dear Miss Fletcher

  8. non vorrei dire una sciocchezza ma non è qui che c’è una reliquia a cui crescono le unghie o i capelli – non ricordo- …è forse solo una leggenda? o mi sbaglio io ad associare i racconti? grazie …

    • Grazie Max, benvenuto! Le reliquie con le perle mi avevano particolarmente colpita, può anche darsi che ci fosse scritto il nome del Santo ma io non lo avevo annotato.
      Un’informazione preziosa!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.