L’ amico impertinente di Garibaldi

A volte vado al lavoro a piedi.
E’ una passeggiata gradevole, se il cielo è terso e l’aria frizzantina è una bella maniera di iniziare la giornata.
Oh, veramente ho i minuti contati, non ho mai molto tempo per guardarmi attorno!
La mia soglia dell’attenzione, tuttavia, è sempre alta e quindi noto stranezze e fatti insoliti, osservo e sorrido.
Accade ogni mattina.
E ogni volta io mi stupisco, ma è possibile?
Passo in Fontane Marose, poi su per Via XXV Aprile, arrivo a De Ferrari e ormai lo so, sono certa che lo troverò lì.
E infatti alzo lo sguardo e immancabilmente lo vedo, piazzato, fierissimo, al solito posto.
Ma non ci sono altri luoghi sui quali planare, dico io?

Questo gabbiano ha eletto quale sua piattaforma prediletta il cappello di Giuseppe Garibaldi e oltretutto, trattandosi di un pennuto palesemente sovversivo, si mette sempre in direzione opposta rispetto alla statua.
Garibaldi guarda la piazza e lui il Carlo Felice.
C’è da dire che l’Eroe dei Due Mondi pare veramente non curarsene.
Per forza, è una statua, direte voi! Beh, guardate con certi personaggi non c’è da fidarsi, non si può mai sapere che reazioni potrebbero avere, seppur sembrino immobili e inamovibili come statue, appunto.
Ma Garibaldi ostenta fierezza, incurante del bianco volatile che beato passeggia sul suo cappello.

Il gabbiano sosta per qualche minuto, poi si fa un voletto e se ne va.
Dev’essere proprio una precisa scelta politica, garantisco di non aver mai visto gabbiani su nessun altro monumento: mai e poi mai su quello di Vittorio Emanuele e neanche  sulla statua Mazzini, per non parlare di quella di Cristoforo Colombo, quella non è gente che dà confidenza, figuriamoci! Il Nizzardo, invece, ha un altro carattere, accomodante certo non direi, ma quando si tratta di aver a che fare con gente di mare, certo lui sa il fatto suo.
Chissà cosa ha in mente quel gabbiano, a dirla proprio tutta sono quasi certa che quei due tramino qualcosa.
A volte, poi, il gabbiano pare dimostrare una certa impazienza , ci giurerei che da lassù, nella sua maniera, riesce a comunicare con Garibaldi.
E dev’essere anche un tipo insistente, chissà, immagino che ogni mattina se ne esca con frasi di questo genere:
– Allora, Generale, che si fa? Si parte? Andiamo? Oggi il mare è liscio come l’olio, Generale, tengo io la rotta. Basta un cenno e sono pronto, in qualunque momento!
Eh, se non fosse che al mattino vado sempre di fretta, mi fermerei per accertarmi della situazione!
Comunque state tranquilli, quando riuscirò a svelare il mistero, sarete i primi a saperlo.

Annunci

29 pensieri su “L’ amico impertinente di Garibaldi

  1. Già il titolo mi ha fatto sorridere, perchè ho un amico che porta proprio questo cognome 😀
    Ma sveliamo un mistero su Miss Fletcher: che lavoro fai? siamo curiosi…

    • Haha…lasciami mantenere un po’ di mistero, dai 😉 !
      Comunque nulla che abbia a che vedere con il turismo o con le storie che leggete qui, magari facessi un lavoro così! Beh, per questo c’è il blog, no?

  2. Il gabbiano mi ha sempre dato l’idea del genio solitario che fa volare il suo pensiero stagliandosi contro il cielo ed il mare blu. Un puntino bianco nell’immensità del colore blu. E che anche quando si ferma si posa sempre in posti sopraelevati e guarda fiero in basso i piccioni come nella tua foto.

    • Ehi, ehi, ehi…certo che no! E infatti stava solo passeggiando!
      Ho messo qualche puntino di sospensione, non mi piace proprio leggere certe parole, scusami eh, è una delle mie fisse…buona serata Hombre!

  3. Lo trovo molto impertinente questo Gabbiano Johnathan Livingstone! Ma hai ragione tu: di certo sono diventati coppia di fatto con la statua 🙂
    Bacetto Miss
    Susanna

  4. Mi piace molto l’idea del tuo incontro mattutino con il gabbiano che sta di vedetta sul cappello di Garibaldi. Gli uccelli sono abitudinari… chi lo schioda più? Baci!

  5. Complimenti Miss Fletcher, sei proprio brava invidio la tua capacità nel costruire una storia fantastica come questa, pochi elementi grande fantasia e meritato plauso.
    Eugenio

  6. Dear Miss Fletcher,
    questo è almeno un gabbiano simpatico, la maggior parte dei suoi fratelli sta diventando sempre più aggressiva a causa della mancanza di cibo e dell’inquinamento ambientale.
    Il mare è sicuramente malato se è vero che ogni mattina vedo stormi di gabbiani che risalgono la val Bisagno fino a Struppa e persino oltre. Non parliamo poi di quelli che sul greto del torrente, sotto i resti del ponte di Sant’Agata, non esitano a uccidere e divorare i piccioni e persino i ratti.
    So che non è una visione esattamente idilliaca, ma la realtà è questa e mi fa davvero piacere sapere di questo pennuto che invece tiene compagnia al nostro Gioxe e si lascia pacificamente fotografare dalla Miss.
    E mi piace anche pensare che per lui ci sia sempre un bel pesce per pranzo, come sarebbe giusto che fosse per tutti gabbiani.
    Fabio – Zeneize since 1965. Così stanno uccidendo il mar…

  7. Interessante pennuto.
    Di gabbiani ne ho visti molti, un paio di loro sempre a volteggiare allo stesso posto, qualcuno a rubare il cibo lasciato per i gatti randagi e così via…
    Però, uno di questi che mi ha colto per la sua costanza, l’ho visto sulla strada per il lavoro. Sempre appollaiato sulla stessa macchina nella stessa via.

    Io passo, lo saluto (i suoi occhi li vedo al livello dei miei) e passo avanti, quasi controllasse il traffico o mi chiedesse come mai il giorno prima non sono passato a salutarlo… Mah…
    Misteri dei volatili…

    A presto Miss

  8. Ho la vaga impressione che Garibaldi sia solo un comodo trespolo dal quale controllare il tuo arrivo….e la tua puntualità nel recarti al lavoro! Sarà forse una spia del capo?!? 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.