Palazzo San Giorgio e la Madonna Regina di Genova

Vi porto ancora a Palazzo San Giorgio.
Vi porto a vedere una statua della Madonna che si trova nello splendido cortile che già conoscete.

Palazzo San Giorgio (7)

Per narrare la storia di quest’opera d’arte bisogna andare a un tempo remoto, al 1630, anno nel quale Papa Urbano VII emanò una bolla con la quale si stabiliva un ordine di precedenza nelle processioni per tutti i rappresentanti di Stati dove vigeva la Monarchia, i reali erano tenuti in grande considerazione.
La Serenissima Repubblica di Genova doveva correre ai ripari: ci voleva una soluzione per sancire la sovranità della Repubblica e l’autorità del Doge.
E così, il 25 Marzo 1637, con una fastosa cerimonia in San Lorenzo il cardinale Giovanni Domenico Spinola, nell’entusiasmo dei numerosi devoti, celebrò l’incoronazione di Maria, fu Lei a divenire Regina della città.
A lei vennero offerti i simboli del potere: la corona, lo scettro e le chiavi della città, l’immagine di Maria da quel momento figurò sulle monete della Repubblica.
Si stabilì che venissero erette due statue: una di esse, scolpita da Domenico Scorticone nel 1647, venne eretta sopra Porta Pila, potete vederla nella cartolina sottostante che è tratta dalla collezione del mio caro amico Eugenio Terzo.

Porta Pila

Cartolina appartenente a Eugenio Terzo tratta dal sito Genova Collezioni

La seconda statua, opera di Bernardo Carlone e risalente alla prima metà del XVII secolo, venne invece posizionata sulla Porta della Lanterna e lì rimase fino al 1877, anno nel quale la porta venne demolita.
I genovesi però vollero salvaguardare la loro Regina, così la statua di Maria venne posta nell’Oratorio di Sant’Antonio.

Madonna Regina di Genova

Trascorsero gli anni, nel 1937 la Regina della città trovò una nuova collocazione: davanti al nostro mare, la Madonna del Porto venne posta sulla punta del Molo Giano ai piedi della Torre dei Piloti.
E a lei si dedicò questa iscrizione:

La Madonna
potente presidio del nostro mare
per oltre due secoli sulla porta della Lanterna
demolita l’anno MDCCCLXXVII
dopo dodici lustri
per concorde volontà di popolo
ebbe qui novello trono
benedizione divina
alle navi ardimentose
che nelle terre più lontane
esaltano
il genio e la fede
di Genova credente operosa

Giunse poi la guerra che inesorabile colpì anche la Superba, in seguito a un bombardamento la nostra Regina andò a finire sul fondo del mare.
Ma la gente di Genova amava la sua Madonna, si attivarono le maestranze e il Consorzio autonomo del Porto, infine nel 1946 la Regina di Genova fu fatta riemergere dalle acque e venne rimessa al suo posto.
In tempi più recenti, nel 1997, si decise di tutelare ulteriormente quest’opera d’arte di così grande valore per questa città e così a Molo Giano fu esposta una copia fedele della statua di Bernardo Carlone.
L’originale giunse qui, a San Giorgio, il Palazzo sede dell’Autorità Portuale della Superba.
E’ assisa e sorride la Regina di Genova, ha la corona sul capo e nella mano destra regge lo scettro.

Madonna Regina di Genova (2)

Ai tempi della costruzione della statua gli antichi genovesi avevano stabilito che Gesù Bambino tenesse in mano le chiavi della città e stringesse a sé una carta sulla quale si leggono queste parole: et rege eos.

Dettaglio

Poco distante le onde si infrangono contro le banchine del Porto.
E’ vicina al mare colei che la Repubblica di Genova volle come sua Regina.
E ai suoi piedi, incise nel marmo, le parole scritte a gloria e lode di Lei che custodisce questa città.

Madonna Regina di Genova (3)

Annunci

39 pensieri su “Palazzo San Giorgio e la Madonna Regina di Genova

  1. Bellissimo post! Complimenti! Probabilmente ne sei al corrente ma volevo ricordarti che in occasione della creazione della Mura Nuove venne coniata una medaglia, murata proprio nella nuova costruzione, raffigurante la Regina di Genova e tutti i suoi Santi patroni! Se vuoi ti posso mandare un’immagine tratta da un libro!

  2. Bello il particolare delle chiavi in mano al bambin Gesù. Mi hai fatto venire una curiosità: l’altra statua, quella di Domenico Scorticone è ancora al suo posto o è andata perduta? Bacioni

    • No, per fortuna c’è ancora e si trova in una chiesa situata nella zona nella quale si trovava Porta Pila.
      Anche a me piace quel mazzo di chiavi in mano a Gesù, cara Viv.
      Un bacetto a te e grazie!

    • Ti sarebbe piaciuta la cassetta di chiavi che aveva mia nonna nella casa del mare, erano chiavi di tutte le forme e misure, molte piene di ruggine.
      Mia nonna teneva tutto, anche le chiavi inutilizzabili!

  3. Ciao a tutti,volevo ricordare che dopo il 1637 anche la corona dello stemma divenne Reale,per poi passare comitale con i Savoia nel 1815.

  4. Preservare attraverso i monumenti tutto quello che ci ricorda il passato non è solo giusto, ma è un obbligo da parte delle autorità verso i cittadini e le generazioni future.
    Nella seconda metà dell’ottocento, durante i lavori di demolizione delle mura venne sottratto il grosso medaglione d’argento, di cui avete dato un accenno.
    Questo medaglione venne addirittura venduto ad un’asta pubblica, e da quel momento se ne sono perse le tracce.
    Nessuna autorità intervenne per sequestrare quel prezioso reperto, nel medaglione era rappresentata Maria regina di Genova.
    Questo atto vandalico ricade sugli amministratori di quel tempo, ma ancora oggi sono sicuro che sarebbe possibile recuperarlo, basterebbe seguire il mondo dei grandi collezionisti, un’opera come quella non è certamente stata distrutta.
    Un abbraccio cara Miss.
    Eugenio

    • Caro Eugenio, trovi sempre le parole perfette tu, è proprio come tu dici, tutelare le nostre ricchezze è un obbligo verso le generazioni future.
      E il medaglione? Sono stupefatta di quanto mi scrivi, certo credo anch’io che sia tenuta ben nascosto e non sia andato distrutto.
      Ma perduto sì, che peccato!
      Un abbraccio grande a te, grazie del prestito della fotografia e di leggere sempre i miei articoli, ne sono davvero contenta!

  5. Non solo una Madonna.E’ un’imperatrice a tutti gli effetti. Un post interessante e piacevole anche per chi come me deve assolutamente venire a vedere tutta questa bellezza di persona prima o poi.

  6. Ma dunque Miss l’originale è quella nel Palazzo San Giorgio e… ne ha viste di tutti i colori, anche sul fondo del mare? Caspita però. Ben fecero a metterla al riparo e a preservare tanta bellezza, già provata da tutti gli eventi che ci hai riferito, con la tua abituale, confortante dovizia di particolari!
    Un abbraccione Susanna

  7. Una statua meravigliosa, che da secoli acocmpagna le vicende di Genova col suo enigmatico sorriso.
    grazie, Miss, di averla ricoradata nel tuo splendido post.

  8. Wow! Caspita Miss, che meraviglia questa Madonna! E quanti spostamenti ha subito! Mi piacciono tantissimo le chiavi antiche e l’idea di metterle nelle mani di Bambin Gesù. Un altro curioso e intrigante post investigatrice, bravissima!

  9. Domanda: perchè la “statua della madonna” che si trovava sulla torre dei piloti del porto di Genova non ha “protetto” le persone che sono morte nel crollo della torre?

  10. dopo che la porta della lanterna venne smantellata la madonna venne dapprima collocata all’ interno dell’ oratorio di s. antonio della marina ora conosciuto come s. antonio abate in piazza sarzano e successivamente posto a molo giano

  11. Pingback: Ala est di palazzo Ducale: cosa c’era dentro? | Douce

  12. Pingback: Le Madonnette di Genova, dai caruggi a Sant’Agostino | Dear Miss Fletcher

  13. Pingback: La Madonna di Ponte Reale | Dear Miss Fletcher

  14. Fu anche commissionata una statua in legno, poi sostituita dall’attuale in bronzo, per la cattedrale di San Lorenzo. Ora quella statua è nella chiesa di San Michele di Fiorino (Voltri). Complimenti per l’articolo

  15. Miss, una statua davvero importante, splendida come fattura e per il significato che per Genova ha… le chiavi di una città non si danno al primo che capita!…
    la decisione di proteggerla portandola a Palazzo San Giorgio, appare saggia, soprattutto, dopo il terribile incidente della Torre dei Piloti, costato la vita a ben 9 persone… c’è chi si domanda come mai la Madonna non abbia compiuto il miracolo di proteggere quelle 9 vite… certe statue hanno un’anima, evidentemente la copia in vetroresina, no…

    • Eh Sergio, ieri nel condividere l’articolo mi sono ricordata di quei commenti ai quali non ho saputo dare risposta, una pagina davvero tragica della storia di Genova.
      La Madonna del Porto è dolce e bella, mi piace molto questa statua.
      Grazie, un abbraccio a te.

  16. Interessantissima la storia della Regina di Genova di cui non avevo mai saputo nulla.Magnifica anche la decisione della Repubblica di Genova che se un monarca doveva esserci fosse la più grande Regina che sia mai esistita ma spirituale. Come sempre dobbiamo esserle grati di queste notizie così garbate .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.