Palazzo San Giorgio, gli illustri genovesi della Sala del Capitano

Vi porto ancora a Palazzo San Giorgio.
Vi porto con me in una Sala dove si possono ammirare opere meravigliose.
Benvenuti nella Sala del Capitano, che si trova nella parte medievale dell’edificio.

Sala del Capitano

L’allestimento venne curato dal D’Andrade e racchiude dei veri tesori.
Ho avuto il privilegio di restare a lungo in questa sala, io sola, attorno a me una parte importante della storia di questa città.
Immaginatemi davanti a queste lapidi, mentre tento di decifrare queste antiche memorie.
Che meraviglia!

Sala del Capitano (2)

E no, non ero proprio sola, nella sala del Capitano si trovano numerose statue.
Non ci si ritrova con una statua che immortala la propria immagine a memoria dei posteri senza aver fatto nulla per meritarlo.
Ma chi saranno questi illustri personaggi? Ognuno di loro indossa il robbone e il copricapo alla maniera medievale.

Sala del Capitano (4)

Signori, questi sono i benemeriti e i Protettori del Banco di San Giorgio, illustri genovesi forse ora dimenticati.
Le statue che vedete avevano un tempo altre collocazioni, alcune si trovavano nell’atrio, adesso sono qui riunite, alla base di ogni statua c’è un’iscrizione nella quale vengono descritte le gesta e i meriti del personaggio in questione.

Sala del Capitano (3)

E ognuno di loro regge un cartiglio sul quale è riportata una frase in latino che ancora rimanda alle virtù e alle azioni della persona che lo stringe tra le mani.
Ecco, lasciatemi in compagnia di cotanti genovesi e mi nasce una tale curiosità che voi non potete neanche immaginare!
E questi nostri tempi sono difficili e complicati, abbiamo tutti bisogno di fulgidi esempi.
E allora ve li presenterò brevemente uno ad uno, meritano di essere citati e ricordati, le loro parole hanno un valore eterno, lascio spazio alla sapienza e alle virtù dei Protettori del Banco di San Giorgio, è un  tributo a coloro che hanno concorso a rendere Genova grande e degna di rispetto.
I benemeriti sono seduti o in piedi, a seconda dell’importanza del lascito grazie al quale si potevano estinguere determinate gabelle.

Sala del Capitano (5)

E’ seduto in posa regale lo prestante nobbile Messer Francesco Vivaldi, così si legge sulla lapide.
Federico Alizeri lo definì esempio di civil carità.
Ricco mercante, in un momento di grande difficoltà per la Repubblica giunse in suo soccorso lasciando in dono una forte somma.
Nel 1371 inventò il moltiplico, cioè l’interesse composto nelle operazioni bancarie.
Con questo metodo i privati cittadini investivano nei luoghi delle compere, ovvero nelle quote del debito pubblico, il reddito che ne derivava doveva essere a sua volta reinvestito fino a che non si ottenevano somme che dovevano essere spese in opere pubbliche a beneficio della cittadinanza.

Francesco Vivaldi (4)

Grazie alla sua opera fu così possibile estinguere il debito pubblico, si può leggere il suo elogio su questa lapide, l’unica scritta in dialetto.

Francesco Vivaldi (3)

Questo è il cartiglio tra le mani di Francesco Vivaldi.

Francesco Vivaldi (2)

Ad me respicite et curate quod pacta serventur
Guardate a me e amministrate in modo che i patti vengano osservati

Ritto in piedi è Domenico Pastine di Rapallo anch’egli ricco mercante che morì a Famagosta.
E ancora di lui parla l’Alizeri e scrive: fornì per legato onde togliere di mezzo le tante gravezze che s’imponevano all’arrivar de’ frumenti.

Domenico Pastene

Grazie a Domenico Pastine le tasse che gravavano sul grano vennero annullate, nel 1475 venne così eretta questa statua.
Un esempio da seguire.

Domenico Pastene (2)

Ciascuno studii fare simili servicii a la sua Patria
Ciascuno studi come fare simili servizi alla sua patria

Luciano Spinola, esempio di liberalità e generosità.
Fu munifico e grazie a lui vennero sgravate gabelle sui servi, sulle cavalcature, sui vini e sull’arena.

Luciano Spinola

Ancora un genovese da ammirare che ha un monito per i posteri.

Luciano Spinola (2)

Discite a me utilitati pubblice inservire
Imparate da me ad essere al servizio della pubblica utilità

Luciano Grimaldo, sulla sua lapide si legge che nella sua vita liberamente donò settanta luoghi delle compere di San Giorgio, i proventi vennero distribuiti fra i poveri.
E su quel marmo viene anche ricordato come Luciano fu abile nel far fruttare i suoi investimenti, soldi su soldi per un uomo abile in operazioni di alta finanza.

Luciano Grimaldo

E dalle sue mani giunge un consiglio che sarebbe bene seguire.

Luciano Grimaldo (2)

Exemplo meo discite patrie vestre bene facere
Dal mio esempio imparate a fare il bene della vostra patria

Un nobile, rappresentante di una illustre famiglia genovese e generoso filantropo, Francesco Lomellini.
E deve essere stato davvero munifico, in quanto siede fiero come si conviene alle persone come lui.

Francesco Lomellini

La statua venne eretta quando lui era ancora in vita, così si legge su questa lapide.

Francesco Lomellini (2)

Un saggio e antico genovese.

Francesco Lomellini (3)
Ad rem pubblicam augendam contendite
Aspirate a rendere florida la repubblica

Ancora un personaggio la cui statua venne scolpita mentre lui era vivente.
Ambrogio di Negrone, commissario di Corsica dove venne inviato nel 1488 per sedare una ribellione fomentata da un certo Gian Paolo da Leca.
Uomo astuto e valoroso, scacciò il suo nemico, riportò splendenti vittorie e si distinse per la sua clemenza.
Quando tornò un patria in suo onore venne eretto questo monumento.

Ambrogio di Negrone

E la lapide che si trova alla base di esso decanta le sue gesta.

Ambrogio di Negrone (2)

A breve distanza, un altro benefattore, Melchiorre Negrone, che regge un cartiglio dove è scritto: verae divitiae, la vera ricchezza.
Osserva l’Alizeri che Melchiorre pare eccezionalmente basso e si domanda se ciò fosse corrispondente a realtà.

Melchiorre Negrone

E lo definisce in maniera piuttosto efficace, provvido estinguitor di balzelli.

Melchiorre Negrone (2)

Altro esempio di illustre beneficenza è Antonio Doria,  al quale è dedicata quest’opera.

Antonio Doria Q. Filippo (2)

E ancora parole da ricordare.

Antonio Doria Q. Filippo

Uti Rempub. augeatis maiorum vestigis insistite
Adoperatevi affinché la Repubblica si arricchisca di maggiori vestigia

E da ultimo un uomo solenne e regale, Eliano Spinola, che fece ampi investimenti e destinò un terzo dei suoi proventi per sdebitare alcune gabelle, senza mancare alcune generose elargizioni.

Eliano Spinola

E anch’egli porge una frase che incita a fare il bene.

Eliano Spinola (2)

Eia agite o cives Patriae succurite mecum dupliciter Patriae qui dedit illud habet
Orsù agite o cittadini della patria provvedete con me doppiamente alla Patria
colui che lo diede ha

Saggi, munifici e provvidi di buone azioni, costoro sono i i benemeriti del Banco di San Giorgio, altri illustri personaggi sono ricordati con lapidi che sono affisse alle pareti.
Tornerò a mostrarvi ancora questa splendida sala, vi sono alcuni dettagli che ancora non avete visto, in particolare le piastrelle che ricoprono la sala ed altre magnifiche particolarità non visibili in queste immagini.
Oggi questo spazio è dedicato a loro, a questi uomini austeri e fieri, uomini che sapevano amministrare il bene pubblico e rendere la città ricca e fiorente.
Fuori c’è la città con la sua frenesia, la gente che corre e passa oltre.
Loro sono qui, nel silenzio antico di Palazzo San Giorgio.

Sala del Capitano (6)

28 pensieri su “Palazzo San Giorgio, gli illustri genovesi della Sala del Capitano

  1. Eccomi Miss! Stò assente due giorni e guarda che popò di articolo che mi posti! Mamma mia, che splendore! Questo palazzo offre davvero tante sorprese per chi non lo conosce. Una sola domanda mi giunge spontanea: perchè non c’è più nessun Pastine a governarci? Gli faremmo anche noi la giusta statua! Un bacione.

    • Sì, è un palazzo meraviglioso, per me uno dei più belli di Genova e ne parlerò ancora, c’è ancora molto da mostrare e San Giorgio merita davvero di essere conosciuto. E questi personaggi mi fanno sentire anche più orgogliosa di essere genovese.

  2. Ma non ti sei seduta sullo scranno principale a guardare i tuoi concittadini dalla posizione del doge? Non hai fantasticato che un giorno ci sarà in quella sala anche la statua di miss Fletch, “Illustrissima qui declamavit pulchritudinem Zenae pro gaudio bloggerorum”?

  3. Questi personaggi che ci hai presentato sentivano la responsabilità del bene comune, possedevano grandi ricchezze che utilizzavano anche per grandi opere di carità, questa politica ha funzionato per secoli con esempi eclatanti come quelli dei Duchi di Galliera, oppure di Emanuele Brignole o di Ettore Vernazza e molti altri.
    Negli ultimi 50 anni sembra crollato tutto, i grandi patrimoni dovuti alla munificenza di quei personaggi che oggi ricordiamo finiscono tutti nelle Fondazioni, queste nuove forme moderne che permettono ai consigli di amministrazione di alienare il patrimonio, attraverso motivazioni il più delle volte discutibili.
    A noi non rimane che vivere di quei ricordi, testimoniati negli antichi libri o nelle lapidi di cui egregiamente ci parli.
    A oriente del palazzo nel 1404 venne trasferita la zecca di fianco all’attuale Raibetta, poi in periodo repubblicano venne collocata a ponente dello stesso palazzo (odierna piazza Caricamento), nel 1842 necessitò la distruzione di quell’edificio e il trasporto della zecca ai Forni Pubblici in Castelletto.
    Le monete battute dal banco erano bellissime, con l’immagine di S.Giorgio che uccide il Drago, in quel tempo la zecca
    utilizzava una metodologia interessante acquisiva monete aree consumate togliendole dalla circolazione ricavandone il materiale necessario per le nuove monete. Funzionava anche da fornitore, si poteva avendo metalli preziosi (oro e argento) portarli alla zecca e con un giusto cambio ricevere il controvalore in monete nuove.
    Una piccola curiosità il Francesco Vivaldi nel 1371 visto le condizioni gravi del debito pubblico che opprimeva Genova pensò bene di impiegare 90 luoghi, pari a lire 9000 nella Compera della Pace con la clausola del moltiplico.
    Senza farla troppo lunga, alla sua morte erano passati a 448 luoghi, pari a lire 44800, e nel 1467 i luoghi a suo nome salirono ancora a 1467, raggiungendo la somma di lire 800000.
    Da qui si capisce perché la repubblica genovese funzionava.
    Eugenio

    • Chissà che belle quelle monete Eugenio.
      E tu come sempre aggiungi notizie preziose al mio artivolo, certo che Francesco Vivaldi era veramente un mago della finanza, queste cifre lasciano stupiti e ammirati.
      Un abbraccio, carissimo e grazie di cuore!

  4. Questo magnifico Palazzo continua ad essere una sorpresa graditissima, mano che ci porti a spasso per le numerose e nuove stanze!
    Ciao Susanna

  5. Pingback: Storia di Luchino che amò Gianchinetta | Dear Miss Fletcher

  6. Bellissimo,solenne e austero come tutti i palazzi genovesi,li non ci sono ancora stato,oltre alle statue e alle lapidi mi sembra di vedere splendide maioliche,a Zena sono rarissime,ce ne devono essere in qualche androne di palazzo nobiliare,ma non ricordo dove,forse in Palazzo Spinola di P.za Pellicceria…e comunque un Grazie a Te per ogni cosa che scrivi…

  7. Pingback: Un’importante elezione a Palazzo San Giorgio | Dear Miss Fletcher

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.