Un ragazzino chiamato Pittamuli

 La storia a volte è fatta di piccoli gesti eroici.
La storia a volte si compie grazie ai più giovani, è il caso del celebre Balilla, a Genova tutti conoscono il suo nome.
Balilla, il ragazzo che scagliò verso gli odiati austriaci il sasso che diede il via alla rivolta del dicembre del 1746.
La sua vicenda è nota, se volete leggerla l’ho già raccontata in questo post.
E oltre a lui vi fu un altro bambino che fece la sua parte e diede il suo prezioso contributo.
Si sa poco di lui, si sa che aveva circa dieci o undici anni, lo chiamavano Pittamuli e aveva il coraggio e la sventatezza della sua giovane età e questo è ciò che avvenne in quei freddi giorni d’inverno.
Una rabbia crescente alimentava i cuori, i soldati austriaci che si trovavano in Val Bisagno tentavano di entrare in città ma a contrastare la loro azione trovarono il popolo di Genova.
Tumulto, disordine e confusione, la buona gente del quartiere era in allarme, alcuni dei soldati nemici armati fino ai denti avevano preso possesso di un’osteria che si trovava dalle parti del Ponte di Sant’Agata, non c’era verso di stanarli da lì.
E allora sapete cosa accadde?
Tra coloro che reagirono contro gli austriaci c’era proprio questo ragazzino soprannominato Pittamuli.
Eccolo, si fa largo tra i suoi concittadini e giunge proprio di fronte all’osteria.
Mi pare di vederlo, un piccolo coraggioso che nulla teme, in mano regge una fascina alla quale appicca il fuoco.
Ha anche un’arma, una pistola con la quale sparerà al primo austriaco che gli si parerà davanti.
E poi insieme agli altri che erano con lui sparerà ancora, getterà la sua fascina accesa nel locale appiccando così un incendio.
E il drappello di soldati nemici verrà sconfitto proprio grazie al gesto eroico di un ragazzino.
In uno dei miei libri ho trovato una poesia dedicata al giovane Pittamuli, è ricca di parole che ne esaltano il coraggio e la grandezza d’animo.
Lesto il piè, destra la mano, questo è un verso di quel componimento.
Riguardo a quei giorni di dicembre presto vi mostrerò una curiosità che ho scoperto da breve tempo, qualcosa che mi ha davvero sorpreso.
Al piccolo eroe fu dedicata una strada in Val Bisagno e un vico dalle parti di Via Colombo.
Aveva dieci anni e tutti lo chiamavano Pittamuli.

Via Pittamuli

Via Pittamuli  – Cartolina appartenente alla collezione di Stefano Finauri

Annunci

34 pensieri su “Un ragazzino chiamato Pittamuli

  1. Direi che il coraggio di Pittamuli, merita il bell’omaggio che gli hai dedicato… Chissà cosa avrebbe detto se avesse saputo che sarebbe stato ricordato sulle pagine del diario di bordo di Missfletcher . Un bacione 🙂

  2. scrivi sempre di cose belle e interessanti.trovaci, se puoi,

    qualcosa di bello e divertente su don gallo. sarebbe carino,no?

    • Ciao Ombretta, benvenuta.
      Grazie delle tue belle parole.
      Io non lo conoscevo personalmente, sai, lascio il racconto a coloro che lo hanno incontrato e che stanno condividendo con noi i loro ricordi e le loro memorie.

  3. ciao miss… stamattina ero in centro un pò di corsa..sai che.. mi sono ritrovata a guardare le persone in cerca della tua presenza…ero in via fossatello …… e da marescotti c’era una signora seduta al tavolo con il suo pc… e mi sei venuta in mente 🙂 mi è venuta voglia di girare x il centro… da fare prossimamente si si… sono tante le cose che non so … e grazie a te mi è tornata la voglia di curiosare…

    • Rosa, ma che bella cosa mi hai scritto 🙂
      Io dalla Marescotti sono stata ora, pensa un po’! E comunque sono spesso da quelle parti, sai! E leggere che ti è venuta voglia di girare per Zena grazie a questo blog è proprio bellissimo, sai? Un abbraccio grande a te!

      • è la veritààà .. e domani e domenica in giro x i rolli :-* , un saluto con simpatia e come ti riconosco se ti incontro a spasso? 😛 dammi un segno di riconoscimento… ah bè…che scema…ovvio macchina fotografca… emh… sarà difficile mi sa ahhah..:-*

      • Ah, cara! Speriamo che il tempo sia clemente in modo da poter girare in libertà! Come mi riconosci? Se apri l’intervista che ho fatto per il Secolo e che si trova qui a lato c’è la mia foto, facile quindi!
        Un bacione!

  4. Carissima, riesci sempre a farci scoprire qualosa di nuovo e affascinante. Nulla sapevo della storia di Pittamuli. Grazie davvero per tutte le belle scoperte che ci offri!

  5. il nome fa un po sorridere ma e’ un eroe giovane deciso senza nulla temere che bella storia ! mi pare di vederlo piccolo magro con un ciuffo di capelli sul viso .nascevano già adulti nel giudizio e serietà .forse il bisogno o la vita grama rendeva i ragazzi capaci di grandi e temerarie decisioni. mi e’ piaciuto questo antico lembo di storia genovese . ciao Miss Fletcher e grazie di renderci colti ed eruditi baci e abbracci

  6. Un gesto avventato e certo fatto senza riflettere. Mi ricorda un altro giovane genovese, di poco più grande che reagì senza riflettere, di pancia, a quello che riteneva un soppruso. Ci timise la vita lui. Per qualcuno un eroe, per qualcuno un delinquente.

  7. Non avevo mai sentito parlare di questo ragazzino eroe.Genova è proprio sempre in prima linea per una quantità di nobili vicende.Grazie di queste notizie.

  8. Miss, ragazzino davvero intraprendente, questo Pittamuli, forse un po’ trascurato dalla fama… come trascurato mi pare il Ponte di Sant’Agata, nei pressi del quale operava, Ponte che ad ogni alluvione, purtroppo perde un pezzo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.