Tortino di carciofi e patate

In questi giorni il clima è spesso bigio, questa primavera non ne vuole proprio sapere di regalarci belle giornate di sole.
E che freddo! A maggio!
Così si portano in tavola piatti adeguati anche se questa non sarebbe la loro stagione.
E oggi  vi propongo un tortino, rustico, semplice e facile da preparare.
Innanzi tutto occorre fare un passo dal besagnino.
Dovete sapere che a Genova, in Val Bisagno, un tempo c’erano numerosi orti, coloro che li coltivavano si recavano poi in città con le ceste cariche dei doni della terra.
Vendevano la frutta e la verdura, a Zena il fruttivendolo si chiama ancora besagnino ed è lì che dovrete andare per procurarvi patate, aglio, maggiorana e dei carciofi belli come questi.

Carciofi (2)

Prendete la vostra teglia, ungetela con un filo d’olio e copritene il fondo con le patate tagliate a rondelle, alte mezzo cm o poco più, sulle quali dovrete adagiare un abbondante strato di carciofi fatti a spicchi non tanto spessi, dovrete ottenere questo risultato.

Tortino di Carciofi - Copia

E adesso? Oh, non abbiamo ancora finito!
Ora occorre prendere un etto di mortadella, uno spicchio d’aglio e un’abbondante manciata di maggiorana, gli ingredienti vanno passati nel mixer quindi si uniscono a tre uova sbattute e si aggiunge un pizzico di sale.
Quando avrete ottenuto un composto omogeneo versatelo nella teglia e sopra mettete un filo d’olio.
Accendete il forno a 180° e fate cuocere per circa 30 – 40 minuti, il vostro tortino sarà pronto quando sarà ben dorato.
Si serve caldo ed è un gradevole piatto unico che sazia e vi lascerà pienamente soddisfatti.
Adesso non vi resta altro che portare in tavola!
E buon appetito a tutti!

Tortino di Carciofi (2)

50 pensieri su “Tortino di carciofi e patate

  1. Mi sta venendo l’acquolina in bocca… Mi sembra un’ottima idea, dovremmo cucinare pasta fredda e riso in insalata e invece tra un po’ presenterò polenta e spezzatino 😉 la tua ricetta è più trasversale perché immagino che sia buona anche tiepida . Smack

  2. In dialetto di Milano il fruttivendolo si chiama Verzerat, perchè la verdura che vendeva principalmente un tempo era la Verza. E con sto freddo effettivamente mi vien voglia di cassoeula.

  3. Provengo da una famiglia di besagnini. Il mio bis-bisnonno abitava nella zona del bisagno e coltivava gli orti. poi, man mano che la città avanzava, la famiglia si è dovuta spostare nelle zone ancora coltivabili:prima sampierdarena e infine rivarolo. Qui il bisnonno, nel 1917,i ha messo su un negozio, tipo bazar, ovvero il supermercato di quei tempi!
    Il negozio è resistito sino al 1979. ho tanti ricordi di quando bambina andavo in negozio dopo la scuola e, se potevo, mi piaceva stare proprio nel reparto del besagnino con tutti i colori e i profumi di stagione: se chiudo gli occhi li sento e li vedo ancora.
    Questo dal ramo paterno. Un’altra volta ti dirò di quello materno.

    • Che bello questo commento con le memorie famigliari e che tipo tosto tuo nonno, doveva essere emozionante per una bimba gironzolare per la sua bottega.
      Grazie Alessandra di aver condiviso i tuoi ricordi!

  4. patate e carciofi stanno bene insieme ,quello che solletica le mie papille e’ la Mortadella!! tritata e affogata nell’ uovo sbattuto .. deve essere proprio buona .l’ho trascritta nel mio quadernone di ricette ( c’e anche quella dei fiori di zucchine) se non la provo ora la faro quando ritorneranno i carciofi promessa di scout . ciao Miss tutto bello tutto buono , che vuoi di piu?

  5. Slurp, la proverò! Ne conosco una simile dove gli strati sono patate, carciofi, uova sbattute con trito di aglio e maggiorana, piccoli dadini di formaggio (emmental o fontina..) e una spolverata di pan grattato, un filo d’olio e via in forno

  6. La cucina ligure, insieme a quella emiliana, è la mia preferita.
    In Brianza, a pochi chilometri da Milano, il fruttivendolo è il “fruturò”. In provincia ne sopravvivono ormai pochi di negozi così e per avere della verdura buona e soprattutto fresca bisogna andare al mercato.
    Ma io ho voglia di gelato, quando arriva l’estate?!
    Tiptoe

  7. Wow (uaaooooo!) Caspita cara Miss Fletcher, ora mi stupisci anche con la tua vena culinaria.E che tortino superbo e decisamente appetitoso!
    Da provare, subito, approfittando del clima ancora piuttosto autunnale e dei carciofi che ancora si trovano.
    Un baciotto, grazie mille
    Susanna

  8. Oggi riesco a scrivere, cambiato destore e stravolto tutto anche le configurazioni. Comunque questa ricetta ci voleva, spero di trovare i carciofi e fare un nuovo tortino per l’arrivo delle mie due principesse, deve essere squisito. noi siamo tutti in adorazione di patate e carciofi. Con l’occasione sono andata di nuovo a far visita ai FRUTTARELLI.di via San Bernardo. Che goduria!!!

  9. Miss, Neruda in una sua poesia dedicata al Carciofo, dice che ha il cuore tenero e che sembra una bomba a mano… sono pronto, però, a scommettere che il tortino di cui parli, gli sarebbe piaciuto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.