Autunno lungo il Trebbia e sul Lago del Brugneto

Oggi vi porto tra i colori dell’autunno, l’autunno della mia Val Trebbia.
E a dire il vero io non sono proprio abituata a vederli così questi miei boschi, io frequento questi luoghi in estate, quando tutto è verde e fiorito, quando sui prati svolazzano le farfalle colorate.
E ora, in questi giorni di novembre, gli alberi si vestono di sfumature brune, le tinte calde di questa stagione.

Val Trebbia Autunno

E le foglie tremano, basta un soffio a farle cadere.
E così accade, quando il tempo e il vento suonano la musica dell’autunno.

Val Trebbia Autunno (3)

Restano i rami ritorti, nudi e nodosi, rimane ancora qualche foglia che attende di precipitare al suolo.

Val Trebbia Autunno (4)

E poi si giunge qui, questa è Montebruno con il suo ponte medievale.
E là sotto scorre il sovrano di questa valle, il fiume Trebbia dalle acque chiare.

Val Trebbia Autunno (5)

E’ silenzioso l’autunno della Val Trebbia, ha sussurri e suoni flebili.

Val Trebbia Autunno (6)

E il cielo è coperto di nuvole, in questo giorno di novembre.

Val Trebbia Autunno (7)

E il colore, acceso e vivo, è su quei rami.

Val Trebbia Autunno (8)

E’ nel profumo della legna tagliata che giace sulla riva del fiume.

Val Trebbia Autunno (8a)

E’ nelle foglie addossate al muro del ponte.

Val Trebbia Autunno (9)

E’ nell’erba riarsa, scura, nella vegetazione d’autunno.

Val Trebbia Autunno (10)

Ed è sul fondo del Trebbia, se ti sporgi dal ponte e guardi giù vedrai tra i sassi le foglie cadute nell’acqua gelida.

Val Trebbia Autunno (11)

Ed è su ogni sentiero dove termina la sinfonia delle foglie che lasciano spogli i rami degli alberi.

Val Trebbia Autunno (12)

Si cammina sopra l’autunno, sopra questo novembre che è appena iniziato.

Val Trebbia Autunno (13)

E canta la sorgente, l’acqua scende e bagna la pietra scura.

Val Trebbia Autunno (14)

Sulle stradine tortuose e silenti.

Val Trebbia Autunno (15)

E accanto alla campanile è una melodia di giallo.

Val Trebbia Autunno (16)

No, io non sono abituata a vedere questi posti in questa stagione.
Si viene a Montebruno, in estate, a comprare il pane e i dolci, a fare la fila insieme a molti altri villeggianti, in questo paesino attraversato dalla Statale 45.
L’ho visto così, nella sua tranquillità autunnale.

Val Trebbia Autunno (17)

Si cammina sul tempo che scorre e muta.

Val Trebbia Autunno (18)

E i gradini della chiesa sono coperti di foglie.

Val Trebbia Autunno (19)

C’è poca gente, c’è tutto lo spazio di cui disporre.
Eppure, inspiegabilmente, qualcuno sceglie di accomodarsi in un posto davvero improbabile.

Val Trebbia Autunno (20)

Ed è rosso nei giardini.

Val Trebbia Autunno (21)

E una curva gentile sale tra gli alberi.

Val Trebbia Autunno (22)

Guarda a terra, c’è sempre chi si distingue: tra mille foglie brune, una più piccina spicca tra le altre.

Val Trebbia Autunno (23)

L’autunno di Montebruno, lo vedo quest’anno per la prima volta.

Val Trebbia Autunno (24)

Silenzio, davanti a una porta dipinta di celeste.

Val Trebbia Autunno (25)

E poi si sale, verso il Lago del Brugneto, lungo la strada il bosco si svela nella sua misteriosa e semplice meraviglia.

Brugneto Autunno (3)

E nell’incantevole silenzio di queste dolci salite.

Brugneto Autunno (4)

Guarda dentro al bosco, in estate così rigoglioso e ricco, ora è così, le geometrie dei rami si incontrano e quasi paiono cercarsi.

Brugneto Autunno (4a)

Guarda le nuvole che riflettono nell’acqua, ho camminato lungo il lago.
E tutto attorno era un cinguettare, così diverso da quello che ho udito nei giorni d’agosto.
Sono i suoni del bosco, avrei voluto restare e non andarmene mai.

Brugneto Autunno (5)

Guarda gli alberi e lo specchio del lago.

Brugneto Autunno (6)

Guarda le montagne, le cime sempreverdi, le stagioni che scorrono.

Brugneto Autunno (7)

E ascolta il silenzio, il silenzio ha le sue parole appena sussurrate, a volte pare di non sentirle.
Occorre altro silenzio, dentro di noi, per poterle udire.

Brugneto Autunno (8)

Fantasie di colori, nel bosco che si sveste.

Brugneto Autunno (9)

E felci che assumono nuove tonalità.

Brugneto Autunno (10)

E ancora curve e ancora alberi e ancora nuvole.

Brugneto Autunno (11)

Dentro al bosco che attende il gelo dell’inverno.

Brugneto Autunno (12)

E no, non occorre spostare i rami per farsi largo.

Brugneto Autunno (13)

E poi su, lungo la strada che dal Brugneto costeggia le valli dell’Antola e conduce verso Torriglia.
I doni della madre terra sono quadri di incomparabile bellezza.

Brugneto Autunno (14)

Il profilo delle montagne, ancora il silenzio.

Brugneto Autunno (16)

E il lago placido con le sue acque calme.

Brugneto Autunno (16a)

E la felicità è lì, nel disegno scosceso dei monti, nella pura semplicità di un panorama silente.
E nella gioia di esserci, di poter ascoltare e saper vedere con occhi trasognati ciò che è realmente sogno, la natura nella sua bellezza infinita, in ogni stagione.

Brugneto Autunno (17)

E lo sguardo si perde, oltre le nuvole, oltre l’orizzonte, nell’autunno dorato delle superbe montagne dell’Antola.

Brugneto Autunno  (18)

Annunci

52 pensieri su “Autunno lungo il Trebbia e sul Lago del Brugneto

  1. Splendido.. Mi mancano tanto le valli dell’Aveto e del Trebbia. Se pure non mi manca Genova, fremo per rivedere i miei boschi.
    Grazie per questo quadro d’autunno!
    Bacioni!

  2. Devo dirti che queste immagini rosseggianti e calde con una puntina di foschia mi piacciono molto e non mi fanno rimpiangere il verde brillante dell’estate. Questi paesaggi sono meravigliosi in tutte le stagioni! Se non sbaglio ora manca la primavera… mi pare che qualche veduta invernale tu ce l’abbia regalata per interposto fotografo. Ricordo bene? Un grande bacione!!!

    • Sì, ormai il Brugneto ve l’ho mostrato quasi in tutte le stagioni, mi manca giusto la primavera.
      E quelle meravigliose foto di Fontanigorda con la neve…ma sapessi quanto mi piacerebbe farle io, un panormama incantato.
      Un bacione Viv, grazie a te!

  3. Hai dipinto un altro bellissimo quadro della “Galleria Val Trebbia”, nelle foto e nei commenti si respira l’aria autunnale della nostra valle, un capolavoro…

  4. Nonostante io ami moltissimo l’estate, con questo post, stavi quasi per riuscire a farmi cambiare idea. E’ meraviglioso. Le immagini, le parole, sembra di leggere una poesia accompagnata da illustrazioni. Complimenti. Sai una cosa? Quest’anno nella mia valle i colori di cui parli e che amo molto anch’io, mi sembrano un pò in ritardo. Tu dici di non esserci mai stata in questo luogo in autunno ma non ti sembra anche a te che gli anni passati, queste tinte, coloravano prima i nostri monti? La valle Argentina è ancora molto verde… ma mi godo le tue foto Miss! Un bacione!

      • Ecco, quindi è una cosa generale. In effetti il caldo si è prolungato un pò. Dev’essere stata una meraviglia si, non hai bisogno di dirmelo, lo si capisce perfettamente 🙂

  5. Ancora una volta grazie miss! E’ come se mi restituissi un pezzo di vita troppo a lungo custodita in un angolo del mio cuore ma mai dimenticata: solo dolorosamente ammutolita. Mia madre sulla porta di casa sorridente come una bimba nel guardare la neve, o mentre parlava nel vento con me tra le braccia, le sere fredde d’inverno davanti al fuoco a parlarmi di fate e di re senza nome ne’ tempo mi regalavano al mio sonno di bambina: magico e meraviglioso, incantato.

    • Sono contenta di risvegliare in te dei bei ricordi, le tue parole sono dolcemente nostalgiche!
      Hai visto l’articolo dedicato a Fontanigorda con la neve? Le foto le ha fatte un fontanigordese doc, sono meravigliose!
      Un caro saluto a te, grazie Laura!

  6. Anche se quest’anno Fonta mi è stata un po’ stretta,queste foto mi hanno fatto venire nostalgia. Bellissime anche le parole, come al solito!!!!!! Daini???? 🙂

  7. Ebbene sì siamo in autunno. Queste immagini ci permettono di ritrovare il silenzio interiore, così importante per trovare chiarezza nel nostro cammino… Pensando a te, mi domando quante persone del passato illustri o meno, e con quali storie personali abbiano calcato questi luoghi. Un bacio e a presto 😉

  8. che foto bellissime!! hai colto tutti gli aspetti dell’ autunno .Mi piace la legna tagliata sulla riva del torrente che scorre tranquillo forse un po triste : e’ finita la stagione dei fiori e degli uccelliniche cinguettano cantando il loro amore…. mi ha colpito il profumo della legna si si l’ ho proprio sentito e ne ho udito anche il crepitio intanto che brucia nel camino. nella mia fantasia l’ autunno e’ la stagione dell’ attesa tutto muta ,ma tutto ritornerà .ciao non aggiungo aggettivi se vedessi i miei occhi ci leggeresti la mia ammirazione

    • Benvenuta tra queste pagine!
      Sono contenta di averti fatto rivedere luoghi che ami, io vado a Fontanigorda da tutta la vita, qui troverai molta Val Trebbia, ogni volta che mi è possibile ne scrivo, la amo molto.
      Grazie, ti auguro una bella giornata!

  9. Pingback: Il meglio della settimana 45 | MammaMoglieDonna

  10. Pingback: I colori di Montebruno | Dear Miss Fletcher

  11. stagione che vai, Miss Fletcher e la sua Nikon che trovi… bello pure il micio nero arrampicato su un albero che non ha perso solo le foglie…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.