Da Vico di Santa Fede a Piazza Metelino, sulle tracce del passato

Una passeggiata per caruggi, ancora nei dintorni di Prè.
E inzia da qui, da questa piazzetta lucente e ariosa che ha una denominazione recente, questa è Piazzetta Vittime di tutte le Mafie.
E’ sovrastata da un cielo turchino, è il cielo che lascia la tramontana, quando scaccia via la nuvole e tutto rimane lucido e terso.
E c’è un terrazzino sul tetto, davanti a una finestrella un vaso e le piante che cadono giù.

Piazzetta Vittime di Tutte le mafie

E poi metti una corda da stendere tra un palazzo e l’altro.
E non potrei trovare scenografia più suggestiva, sono le vedute che piacciono a me.

Piazzetta Vittime di Tutte le Mafie (2)

Scendo per Vico di Santa Fede, in questa parte così antica della nostra città.
E potrebbe capitare di non incontrare nessuno.
Ha importanza? No, per me no.

Vico di Santa Fede

In questi caruggi ci sono splendidi portali in pietra nera.
Vico di Santa Fede (2)

E su quella pietra è scolpita una storia di antica devozione forgiata da mani abili, è la scena dell’Annunciazione.
Sul portone e anche sul muro di leggono tre lettere, IHS, è il trigramma di Cristo ovvero l’abbreviazione anticamente usata per indicare il nome di Gesù, se ci fate caso lo troverete spesso sui portali dei vicoli.

Vico di Santa Fede (3)

Le testimonianze della fede, su un muro della città vecchia.

Vico di Santa Fede (4)

E poi ci sono volti, limati e consumati dal tempo, su questa pietra nera di caruggi.

Vico di Santa Fede (5)

E c’è un battente che pare avere avuto un lungo passato.

Vico di Santa Fede (5a)

Sinfonia di persiane spalancate, in Vico di Santa Fede, una mattina di gennaio.

Vico di Santa Fede (6)

E’ un vicoletto breve che termina nella bella Via Prè, da qui si vede quella finestra rossa, ve l’ho già mostrata in qualche precedente post, ho un debole per certe prospettive e ogni volta che passo di qui scatto una fotografia.

Vico di Santa Fede (7)

Ancora antica pietra nera, in questo caso purtroppo manca parte delle  decorazioni.

Vico di Santa Fede (9)

E prima di giungere in Via Prè si passa davanti a una piccola piazzetta che è stata intitolata ad un’isola greca, l’isola di Metelino, anche detta Mitilene o Lesbo, che fu dominata dalla Repubblica di Genova.
E nella Superba l’abbiamo ricordata così, con una piazzetta a ridosso di Via Prè.

Piazza Metelino

Le case del vicolo la costeggiano, se tutto il centro storico fosse restaurato a questa maniera sarebbe ancora più affascinante.

Vico di Santa Fede (8)

Ed è davvero una piccola piazza ma ha una particolarità storica degna di essere ricordata.
Il Vico di Santa Fede prende il suo nome dalla omonima chiesa, ai nostri tempi questo edificio ha una diversa destinazione, vi hanno la loro sede gli uffici del Comune di Via delle Fontane, sembra incredibile eppure è proprio così.
E scrive lo storico Amedeo Pescio che in altre epoche ormai lontane la zona di Piazza Metelino era il cimitero della Chiesa di Santa Fede.
Viviamo e camminiamo sopra al nostro passato, sopra agli innumerevoli giorni che ci hanno preceduto.
E se alzate gli occhi da qui vedrete il campanile della Chiesa di Santa Fede.

Piazza Metelino (2)

Un giorno d’inverno, in una piccola piazzetta, dalle parti di Via Prè.
E davvero potrebbe capitare di non incontrare nessuno.
Guardatevi attorno, osservate le tante tracce della Genova antica, ci sono ovunque in questi zona.
E conservate uno sguardo per la bellezza che vi sovrasta, per le geometrie di cielo di una piazzetta di caruggi.

Piazza Metelino (3)

23 pensieri su “Da Vico di Santa Fede a Piazza Metelino, sulle tracce del passato

  1. ….come sempre belle foto….descrizioni accurate…vorrei averti come guida nei vicoli….io che ….arrivo solo in via Luccoli, perché non mi sento…sicura ad andare oltre….

  2. Che bello ammirare le tue foto e leggere quanto scrivi…. Nella mia giovinezza ho abitato in via Brignole DeFerrari per 16 anni …che bei ricordi .Questa estate , con mia figlia Marina , siamo andate in piazzetta della Giuggiola ed abbiamo girato per tutti i caruggi , dietro il vecchio mercato……
    Grazie !!!! Un abbraccio Giselda

  3. Sai non per ritornare su Pietra (che poi pensi che mi sono fissata… ribadisco che poi alla fine non è stato neppure questo gran libro) però … ho capito perché leggendolo mi venivi sempre in mente tu…. perché il girovagare solitario e attento ai particolari di Pietra nel centro storico del passato è mooolto simile ai magnifici viaggi nel presente e nella storia che ci fai fare tu… voglio dire altro che “Pietra” potresti scrivere tu se solo lo volessi 😉

  4. Post degno di Miss Fletcher, con belle foto e belle frasi (tipo quella che dice “Viviamo e camminiamo sopra al nostro passato, sopra agli innumerevoli giorni che ci hanno preceduto”: immagine bellissima).
    Mi domandavo… nella prima foto dall’alto cos’è quella “striscia colorata” sulla casa gialla, sotto la lampada? Ho provato a cliccare ma non riesco a vedere bene. Mi sembra bella e mi incuriosisce molto.
    Buona domenica, Miss.

  5. Miss, tante volte ho percorso la Via Prè, però mai mi sono introdotto nei posti che hai proposto, alla prossima occasione lo farò perchè i portali di pietra nera con attorno quell’intonaco rosso-ligure, meritano… e pure Piazza Metelino per quel suo passato di cimitero merita una sosta, diciamo, meditativa…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.