Gabbiani di Zena

Guardando i gabbiani.
E davvero non c’è luogo dove non capiti di incontrarli a Genova.
Si spingono fin quassù, sebbene io non abiti in riva al mare e così ogni tanto me li ritrovo sulla ringhiera oppure sulla cima di qualche tetto.

Gabbiani (3)

Eh, i gabbiani non sono creature dal carattere facile, prova ne è un increscioso incidente che si è verificato un paio di giorni fa davanti a casa mia.
Stavo beatamente leggendo quando d’un tratto ho sentito un’inattesa caciara, erano loro, i gabbiani.
In tre, in volo, a pochi metri da me.
E si beccavano a vicenda, furiosi e aggressivi, credo che il nodo del contendere fosse lo spuntino che uno di loro teneva saldamente nel becco, sono rimasta alla finestra a guardarli con una certa apprensione, poi finalmente la diatriba ha avuto fine e si sono allontanati verso altri lidi.
A volte capita di vedere tanti gabbiani tutti insieme, eccoli pronti a partire per poi lanciarsi in picchiata sul mare.

Gabbiani

I gabbiani di Genova presidiano i punti strategici della città.
Pensate di andare a fare una tranquilla passeggiata in Spianata Castelletto?
Può capitare di trovare un gabbiano sul muretto, certo!

Gabbiani (2)

E al Porto Antico non c’è lampione che non abbia il suo gabbiano, secondo me controllano la situazione dall’altro, mi sembra più che evidente.

Gabbiani (4)

E insomma, direi che ci mettono impegno!

Gabbiani (5)

I gabbiani scivolano sull’acqua dorata dalle luci della sera, uno accanto all’altro.

Gabbiani (6)

Dondolano silenziosi, tra le barche al Porto Antico.

Gabbiani (7)

E poi di improvviso spalancano le ali e si librano verso l’alto.

Gabbiani (8)

A volte il loro è un volo solitario, a volte li seguo con lo sguardo e li vedo scomparire all’orizzonte.
Vola un gabbiano sull’acqua piatta, sopra di Capo Santa Chiara, tra il mare e l’infinito.

Gabbiani (9)

50 pensieri su “Gabbiani di Zena

  1. Credo che i gabbiani rappresentino la parte libera di noi, quella mai “adattata”! Bellissimi testo ed immagini! Una poesia! 🙂

  2. Sono abbastanza strani questi volatili.
    Quando arrivi con la nave al Nord, nei porti di Helsinki o Stoccolma, i ponti sono attorniati da stormi di gabbiani che vengono a prenderti i pezzi di pane dalle mani; sono carinissimi e delicati, non beccano le dita.
    Ho visto però, nel porto di Ancona, un gabbiano che aveva attaccato un piccione e se lo stava divorando.
    A volte, però, i loro versi sono inquietanti.
    Chissà che anche i gabbiani non abbiano una cultura diversa a seconda del paese in cui vivono. 😉

    • uh questa era una delle mie domande preferite da bambina… quando una mosca rimane chiusa in macchina a torino e ne fuoriesce a lecce, come farà? capirà la lingua? farà amicizia?
      anche per me l’ultimo ricordo di un gabbiano è durante un banchetto a base di piccione. che poi in effetti, pare sia buono il piccione, come dargli torto…

    • I gabbiani sono da sempre il simbolo della libertà e quel libro ha certo contribuito a darci questa immmagine di loro.
      Io l’ho letto anni e anni fa, dovrei rileggerlo!
      Buona giornata a te, grazie!

  3. Ciao, verissimo i gabbiani sono uccelli “feroci” , ma in Italia sono ancora gestibili. Io in Australia sono stata letteralmente derubata del mio fish&chips..pochi attimi e il gabbiano ha afferrato dalla mia bocca il totano fritto richiando, tra l’altro, di portarmi via un occhio!

  4. Qui per fortuna non ho mai sentito di attacchi da parte dei gabbiani, a me piacciono molto. Mi danno una sensazione di maestosità oltre che di libertà. Questa mattina, stavo entrando in ditta ed un gabbiamo mi è passato proprio sopra la testa, era talmente bello che mi ha dato gioia e sono entrata al lavoro serena.
    bacione

  5. Per me vedere un gabbiano è pensare alla libertà ,sarà una reminiscenza ? no.Gli uccelli in genere mi hanno fatto sempre pensare a come si può essere felici, liberi di volare nel cielo infinito, come quando si è sull’aereo, che sensazione…………………………………ciao buon pomeriggio.

  6. Eh sì sono uccelli piuttosto aggressivi… Meglio trattarli con i guanti e non pranzare in loro presenza, per altro anche le loro colleghe papere non sono da meno, vero? Un bacione 🙂
    Ps. Stupende le foto, la penultima sembra una cartolina di quelle che collezionavo da ragazzina!

    • Uh, anche le papere sono dei bei tipetti!
      Le foto sono stata scattate in momenti diversi, ieri sono diventata matta a cercarle, quella che piace a te risale a diversi mesi fa e non la trovavo più, sono contenta che ti siano piaciute.
      Grazie Viv, un bacione a te!

  7. Direi che, deiezioni a parte, in porto potrebbero addestrarli al controllo del traffico marittimo.
    Qui a Cogo hanno la passione di riunirsi sul tetto di un palazzo sul lungomare: quando non volano sul mare ma sono tutti lì sul tetto il maltempo è sicuro.

  8. Personalmente ho il terrore dei gabbiani, tutta colpa dei lavori che hanno fatto nella piazza davanti al mio palazzo… LORO si mettevano tutti in fila sulla gru e di notte iniziavano una sinistra serenata!
    Trovo che a volte il loro verso sia simile ad un pianto disperato di un bambino… e poi qui a Genova sono grossi come Condor! 😯

  9. mi piacciono i gabbiani che volano sul mare ,che si librano seguendo le correnti dell’ aria senza muovere le ali ,penso che siano felici vedono dall’alto quella grande distesa azzurra come se la possedessero come fosse loro … vedono i rossi tramonti e le albe appena tinte di rosa se fossi un gabbiano vorrei vivere così, solo cosi ..ciao Miss grazie per le belle foto

  10. La prima volta che ho fotografato un gabbiano (ero a Camogli) il simpatico e spiritoso pennuto ha pensato di esibirsi in una performance poco raffinata davanti al mio obiettivo… tra le risa del mio compagno al quale avevo appena detto che il volatile si stava mettendo in posa apposta per me!!

  11. No io i gabbiani proprio non li amo (e dire che amo tutti gli animali)… però i gabbiani e le zanzare no! Sono troppo crudeli. Ammetto una punta d’invidia nel loro volare, quante volte avrei voluto trovarmi al loro posto… Però sono troppo cruenti, ora mio figlio mi tempesta di documentari sui dinosauri in cui gli studiosi sono ormai certi che i dinosauri si siano non estinti del tutto ma evoluti in uccelli… ecco a mio avviso non vi è ombra di dubbio: il gabbiano è il tirannosauro! Non per niente Alfred Hitchcock negli “Uccelli” concede loro un ruolo quasi da protagonisti 😉 In salita san Rocco al mattino ne incontro uno che mi guarda sempre altero, dall’alto al basso…. ah ah e io lo insulto verbalmente ih ih…. chi mi sente penserà io sia matta 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.