Dramma Eterno, il volto dell’inquietudine

Se l’inquietudine avesse un volto potreste vederlo in un luogo di silenzio e di mistica suggestione.
In certi giorni il vento smuove le foglie cadute e fa oscillare i fili d’erba ma non tocca quel manto che copre le due figure interpreti di una vera danza macabra.
E bisogna andare lassù, nel porticato superiore del Cimitero Monumentale di Staglieno, per fissare i propri occhi sul volto dell’inquietudine.
Questo è il monumento Celle, scolpito da Giulio Monteverde, artista autore di opere indimenticabili, sua è la scultura di quell’angelo dallo sguardo enigmatico e dalle forme eteree.
E sua è la statua che rappresenta la danza della Morte con la Vita, il dramma eterno.

Tomba Celle

Il progetto originale dell’opera prevedeva che la fanciulla fosse completamente senza veli, un vero azzardo per quell’epoca e venne richiesto che la giovane donna fosse coperta, così un manto andò a posarsi sulla nudità di lei.

Tomba Celle (2)

L’inquietudine è in quel movimento, in quel drappeggio che cade, nel tentativo disperato della Vita di sottrarsi alla stretta della Morte.

Tomba Celle (3)

L’inquietudine è in quelle dita di scheletro che afferrano con ineluttabile vigore quel polso giovane e lo tengono stretto, l’inquietudine è quella mano di fanciulla protesa a cercare soccorso e salvezza.

Tomba Celle (4)

La Vita ha forme sinuose e fattezze perfette, i capelli le incorniciano il viso, sul suo capo è posata una lieve farfalla che rappresenta l’anima.
La Morte è cupa, il viso della Morte è un teschio, non ha occhi e non ha sorriso, non ha sguardo e non ha pietà.
La Morte è misteriosa, inesplicabile, oscura, un velo la cela e la rende ancor più paurosa.

Tomba Celle (5)

Danza la Vita, pare di sentire l’armonia leggera dei suoi passi, cade il drappeggio sui suoi fianchi e sulle gambe.

Tomba Celle (6)

E la sovrasta quel volto, il volto dell’inquietudine implacabile e crudele, mentre quella mano la tiene avvinta e non le permette di sfuggire al suo destino.

Tomba Celle (7)

Non c’è scampo e non c’è fuga.
L’inquietudine è gesti e movimenti, la esprime quel capo reclinato all’indietro, tutta l’energia vitale è tesa nell’immane sforzo di divincolarsi da quell’abbraccio mortale.
La Vita non si arrende, la Vita cerca la vita, l’aria e il respiro.
La Vita cerca la libertà.

Tomba Celle (8)

Staglieno è tanti mondi, vi si trovano certe antiche genovesi con lo scialle di trine e l’ombrellino tra le mani.
E bimbe ritte in punta di piedi e marinaretti.
E angeli, angeli sottili e leggeri.
E poi, a volte, si incontra l’inquietudine e ha diversi visi e sguardi, presto li scopriremo insieme.
Silenzio, silenzio e ombra.
Lassù, sotto al porticato, la Vita e la Morte danzano per l’eternità.

Tomba Celle (9)

51 pensieri su “Dramma Eterno, il volto dell’inquietudine

  1. I tuoi post su Staglieno li adoro! Non credo avrei mai la capacità di osservare tutto con l’attenzione che hai tu, di solito sono un po’ frettolosa… fortuna che mi metti sotto agli occhi queste meraviglie così mi ci soffermo e non mi perdo nulla. Credo che ormai avrai fatto confluire a Staglieno tutti quelli che abitano a Genova e dintorni 🙂 bacioni

    • Cara Viviana, questo monumento è nei miei pensieri da diverso tempo, dovevo trovare le parole e ieri in qualche maniera le sensazioni hanno trovato una loro strada, non è nemmeno la statua più inquietante ma ha qualcosa di davvero coinvolgente, è la magia dell’arte, credo.
      Grazie delle tue belle parole Viv, un bacione!

  2. No gh’è ninte da di, con ti Miss, montemmo delongo ciù in aeto, un l’è in servisssio belliscimo,tenio,misteioso e velou de tristessa…..e fotografie son ecellenti, pa de ese lì vixin a ammia e tocca o capolavoro do Monteverde…..Ciao Miss!!!:)))

  3. ho sempre avuto un po’ di timore a passare vicino a questa bellissima scultura. Ma a forza di passarci l’ho osservata bene, e il senso di inquietudine che mi incuteva all’inizio è stato sostituito da una profonda ammirazione per la bravura di questo artista, capace di far sembrare vivi gli sguardi delle sue figure, e di trasmettere questa immagine di bellezza allo stato puro.

  4. Pingback: alcuni aneddoti dal futuro degli altri | 29.04.14 | alcuni aneddoti dal mio futuro

  5. Che dire cara Miss? Nell’ammirare quest’opera un velo di inquietudine sfiora anche il mio cuoricino, soprattutto in questi giorni non facili, ma la danza della fanciulla, leggiadra, fa decisamente dimenticare la durezza della Morte.
    Un bacio Susanna

  6. Ho sempre pensato che le ombre e i drappeggi di questa statua diano una delicata impressione di morbidezza.. ho la sensazione che allungando la mano la superficie al tocco sia come il velluto…
    Meraviglioso il velo che avvolge la morte e le gambe della ragazza, quasi fosse un abbraccio che con quelle pieghe delicate unisce le due figure.
    Sono sempre stupita di come la luce, a volte anche l’usura e la polvere possano dare certe impressioni a chi le guarda con ammirazione dal basso!

    • Hai ragione Kiki, a Stagleino la luce crea magie vere, questa statua è di grande effetto, per le linee e le sfumature, forse non è la più impressionante, ci sono altre statue piuttosto impressionanti, questa però è davvero unica.
      Un bacione cara, grazie!

  7. Pingback: Il dramma eterno | ♥ Rоѕa ♥

  8. E’ brava Graziella con poche parole ha fatto la sintesi più sintesi di questo capolavoro condivido il suo commento e ti esprimo tutta la mia ammirazione e stima per regalarci e renderci partecipi della meraviglie di questa magnifica scultura,un abbraccio grande ,Miss!:)

  9. Conoscevo la storia di questa Danza macabra, ma, non è per adularti, tu l’hai resa poesia. Grazie e ancora grazie ( P.S. Ora anche mio figlio ti segue con molto interesse!).

  10. la tua risposta a Stravagaria mi sembra perfetta: “non è nemmeno la statua più inquietante, ma ha qualcosa di davvero coinvolgente, è la magia dell’arte, credo” … lo credo anch’io, Miss… e penso che nei cimiteri il silenzio sia prezioso, ma in taluni, udire in sottofondo: La Danza Macabra di Saint-Saens, sarebbe la ciliegina sulla torta…

  11. …..Carissima nostra Miss è sempre bello rivedere,rileggere e gustare i tuoi impareggiabili post….il commento a volte diventa un piacere anche un po’ monotono perché meritano solo complimenti e lodi anche per questo vale lo stesso lodi lodi e lodi….grazie Miss un abbraccio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.