Gli azulejos di Palazzo Di Negro

La città vecchia e le sue antiche dimore, molte di esse celano le bellezze di Genova, le conservano insieme al respiro dei secoli passati.
Un giorno potrebbe capitare anche a voi di trovarvi qui, in Piazza della Lepre, l’edificio che si trova al numero 9 è Palazzo Grillo.

Palazzo Di Negro (1)

E chissà, magari anche voi incontrerete l’anziana e affabile signora che mi ha aperto questo portone, l’ha fatto con un garbato sorriso e con gentilezza, lei sa bene quale tesoro è racchiuso tra queste mura e ha compreso il mio naturale entusiasmo.

Palazzo Di Negro (23)

Un portale di pietra nera, finemente decorato, si distinguono due angeli al centro e poi altri minuziosi dettagli.

Palazzo Di Negro (3)

Silenziosi guardiani della dimora sono gli eroi effigiati in armoniosi profili racchiusi nei medaglioni imperiali, sono collocati sugli stipiti del portone e qui li vedete in un’unica immagine.

Palazzo Di Negro (4)

E il pesante e vetusto portone si aprì.

Palazzo Di Negro (2)

Su per le scale, basta salire alcuni gradini e i vostri occhi incontreranno lo splendore degli azulejos.

Palazzo di Negro (5)

Queste piastrelle decorano certi palazzi della città vecchia, ebbi già modo di mostrarvi quelli di Palazzo Pinelli Parodi, a Palazzo Grillo li troverete su muro delle prime rampe di scale.

Palazzo Di Negro (6)

E poi arriverete qui, c’è una sorta di panca sulla quale ho fatto diverse congetture, chissà chi si sarà seduto qui, ai tempi dei tempi!

Palazzo Di Negro (7)

Le bellezze nascoste di Genova, in un palazzo di caruggi.

Palazzo Di Negro (8)

Ecco le finestre che si affacciano su Piazza della Lepre e ancora gli azulejos.

Palazzo Di Negro (9)

Ogni volta che mi trovo davanti a tanta bellezza penso che noi avremmo tanto da imparare dai nostri predecessori in materia di armonia e gusto.

Palazzo Di Negro (10)

Le colonne di marmo e il gioco di colori delle piastrelle.

Palazzo Di Negro (11)

Un angolo in perfette condizioni.

Palazzo Di Negro (12)

Geometrie di tinte calde e fredde.

Palazzo Di Negro (13)

Turchese e verde si intrecciano oppure si alternano a rendere ancora più armoniose le foglie.

Palazzo Di Negro (14)

Palazzo Di Negro (15)

E poi ocra, terra e tonalità più scure.

Palazzo Di Negro (16)

Altrove predominano il celeste e il blu.

Palazzo Di Negro (17)

Uno dei disegni presenta una specie di rattoppo, probabilmente non c’era altra maniera per rimediare ad un’inattesa rottura.

Palazzo Di Negro (18)

E’ così Genova, in queste strade apparentemente umili che si snodano per la città vecchia, è sufficiente aprire un portone e le superbe meraviglie della Superba si mostrano ai vostri sguardi.
E io me ne sarei rimasta seduta lì, davanti alla finestra che guarda su Piazza della Lepre, sarei rimasta ad ascoltare il respiro e il sussurro dei secoli passati, in una dimora un tempo abitata da dame e nobiluomini.

Palazzo Di Negro (19)

E invece è giunto il tempo di tornare, ho ridisceso quelle scale, gradino dopo gradino.

Palazzo Di Negro (20)

E quando sono stata fuori ho guardato in su, voi lo sapete, io lo faccio sempre.
E sopra di me c’era la prospettiva dell’edificio e una tipica geometria di caruggi, la striscia di cielo che corrisponde al vicolo e un quadrato di azzurro che sovrasta la piazza.

Palazzo Di Negro (21)

Sull’antico portone c’è un pesante battente, forse anche voi incontrerete qualcuno che vi permetterà di entrare a Palazzo Di Negro e anche voi potrete ammirare lo splendore degli azulejos.

Palazzo Di Negro (22)

20 pensieri su “Gli azulejos di Palazzo Di Negro

  1. Quanti tesori nascosti custodiscono le antiche strade di Genova. Ogni volta stupore per tanta bellezza e gratitudine per chi ce la fa conoscere!💝

    • Ci sono meraviglie nascoste a Genova, io sono felice ogni volta che mi permettono di scoprirle!
      Non ho ancora terminato con gli azulejos Anna, spero di mostrarne presto altri.
      Grazie e un abbraccio a te!

  2. Quanto splendore nasconde un antico portone! Grazie alle tue immagini e alle tue parole si scoprono autentiche meraviglie della nostra Superba.Ciao Miss

  3. Anch’io ci voglio andare, Miss! Come si fa? quelle piastrelle sono troppo belle… e mi verrebbe voglia di riprodurle all’uncinetto (lo so, sono un po’ deformata dal crochet).
    Certo che tu, Miss, a Genova hai tutte le porte e i portoni aperti! Sei davvero un detective della bellezza! Brava, ancora una volta! Bacioni. Rita

    • Dai, la prima volta che vieni a Zena ci facciamo un passo, sperando che ci aprano il portone.
      Gli azulejos sono una splendida ispirazione per certa manualità, provaci Rita, sono certa che ti verrebbe un bel lavoo.
      Un bacione a te!

  4. “noi avremmo tanto da imparare dai nostri predecessori in materia di armonia e gusto.”
    Come dicevo tempo fa…il nostro bel gusto è andato ormai perso e ho poca fiducia che venga recuperato

  5. E’ uscito proprio in quest’anno 2014 un magnifico volume sugli Azulejos a Genova e in Liguria, casa editrice SAGEP. Lo consiglio a chi vuole avere preziose informazioni su questa particolare forma d’arte, di lontana ascendenza araba, ma particolarmente sviluppata in Spagna e Portogallo, e che in Liguria ha il nome di “laggioni” (per inciso, visto che la parola deriva dal persiano – e arabo, come mediazione – “az-ul-ay-cha”, pietra lucida), mi pare che l’aderenza fonetica all’originale sia più rispettata in Genova che non nella penisola iberica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.