IIT, viaggio nel futuro

A volte succedono cose strane, cose strane e molto belle.
Si incontrano persone speciali ed uniche, a me capita grazie a questo piccolo blog.
E pochi giorni fa ho avuto il piacevole privilegio di visitare il luogo dove nasce il futuro, l’IIT, Istituto Italiano di Tecnologia.

IIT (2)

Ad invitarmi e a narrarmi le meraviglie della scienza è stato il Professor Alberto Diaspro, direttore del Dipartimento di Nanofisica di IIT e vicedirettore dell’Istituto, qui trovate la scheda relativa ai suoi studi e alle sue ricerche.
E così sono andata là, a Morego.

IIT (3)

Come lo racconti il futuro?
Con la passione grande che anima il tuo lavoro e i tuoi studi, questa appare netta in ogni parola che il Professor Diaspro pronuncia quando ti racconta l’avventura di IIT, uno dei fiori all’occhiello della Superba.

IIT (4)

Questo centro di ricerca ha la sua sede principale qui a Genova, vi sono poi sedi distaccate in altre città.
Ed è una realtà dinamica in continua crescita ed evoluzione, attualmente impiega oltre 1300 persone, l’età media è di 33 anni e vi lavorano ricercatori provenienti da ben 50 paesi, 28% degli studiosi è rappresentato da stranieri, il 16% da scienziati italiani rientrati dall’estero, il 56% è di nazionalità italiana.
Ogni dipartimento ha un direttore ed è poi suddiviso in linee di ricerca, all’IIT si brevettano geniali scoperte e si comprende che il mondo offre sempre nuove opportunità di migliorare le nostre vite grazie alla scienza e alle sue meraviglie.

IIT (5)

Molti dei brevetti di IIT trovano la loro applicazione nella medicina e nei nuovi materiali, qui si studiano le neuroscienze e la robotica riabilitativa.
Argomenti complessi, decisamente per addetti ai lavori, ma se incontri una persona come Alberto Diaspro certe tematiche diventano accessibili anche a chi non le conosce.
E allora scopri che esiste un laboratorio del grafene diretto da Vittorio Pellegrini, si tratta un materiale costituito da uno strato monoatomico di carbonio, viene prodotto in fogli di 1 m x 1 m.
Si usa ad esempio per le racchette da tennis e per i touchscreen grazie alle sue notevoli capacità elettriche.
Un materiale eclettico e particolare ma come spieghi le sue proprietà a chi non sa nulla di questi argomenti?
Eccola qui la cifra di alto valore propria delle persone geniali, alcuni hanno il dono prezioso di saper comunicare.
Ed è certamente questo il caso del Professor Diaspro, per spiegarmi il grafene mi ha detto di immaginarmi di avere un abito perfetto per una serata a teatro, però che peccato, la mia borsa non si abbina a quel vestito!
Ecco, se la borsa fosse di grafene, sai cosa potresti fare? Potresti fotografare il vestito, inviare via wireless l’informazione alla borsa e questa cambierebbe forma e colore.
Cose inimmaginabili, spiegate in maniera chiara e comprensibile.

IIT (6)

E poi tra i tanti laboratori ho visitato Il Nikon Imaging Center, dove si studiano e si osservano le molecole per comprendere poi il loro funzionamento negli organi e nei tessuti.

IIT (8)

E dove ci sono microscopi ottici ad altissima risoluzione capaci di catturare i tratti e i contorni di queste molecole.

IIT (9)

E qui trovi immagini come queste, il mondo piccolo che compone il nostro universo è infinitamente variegato e per molti di noi misterioso ma non per gli scienziati che lo osservano e sanno comprenderlo.

IIT (10)

IIT (10a)

Complicato da spiegare, affascinante da ascoltare.

IIT (12)

E ci sono giovani ricercatori intenti a lavorare intorno ai loro microscopi.

IIT (13)

Strumenti che permettono di avere una visione definita di ciò che diversamente non si vedrebbe, i contorni delle molecole si fanno sempre più chiari e sugli schermi vengono svelati i dettagli di queste minuscole particelle.

IIT (14)

Questo è un microscopio in ultra alto vuoto, crea una sorta di ambiente vuoto e serve per studiare le proprietà atomiche della materia quando questa non interagisce con nulla.

IIT (15)

Ecco, poi ci sono postazioni di lavoro come questa e qui gli attrezzi sono più riconoscibili anche per me!

IIT (16)

Un istituto di ricerca dove lavorano scienziati di formazione diversa e dove nascono intuizioni geniali e allora potrà capitare che alla macchina del caffè si trovino un medico e un fisico, dal felice incontro di queste diverse competenze è nata la realizzazione della retina artificiale.
In IIT hanno brevettato la spugna intelligente che assorbe olio e respinge acqua, viene usata ad esempio per risolvere i problemi di inquinamento marino.

IIT (17)

Tu cammini per questi corridoi e vedi tutte le facce del mondo, sono giovani, entusiasti e rappresentano l’innovazione e il futuro.

IIT (7)
Questa è una cappa glove box o scatola a guanti che si usa per manipolare strumenti e sostanze in un ambiente separato da quello dell’operatore per  garantire così la sua sicurezza e non contaminare le sostanze.

IIT (18)

E poi ancora, dagli scarti alimentari si ricavano involucri di plastica che verranno poi reimpiegati nell’industria alimentare.
Ad esempio questo procedimento si applica agli scarti del cioccolato, quello nella foto sottostante è un materiale ricavato dagli spinaci.

IIT (19)

E questo invece è nato dalle alghe.

IIT (20)

E tra le varie persone che mi sono state presentate ho scoperto di aver stretto la mano a un candidato al Nobel, vedete un po’ voi!
E poi si cammina verso uno dei laboratori più affascinanti, dove si studia l’intelligenza artificiale, qui nascono i robot intelligenti.
Cosa accade in queste stanze?

IIT (20 a)

Qui si studia la scienza cognitiva, qui si cerca di imparare come si impara e come reagisce il cervello agli stimoli esterni.
Dall’uomo al robot, dal robot all’uomo.

IIT (20 b)

Comprendere il funzionamento della nostra mente permette di trovare valide soluzioni per curare malattie gravi come il Parkinson.
Il robot ha la pelle, sente, parla e vede.
Il robot è piccolo come un bimbo e cresce e apprende, il robot ha un nome, questo è iCub.

IIT (22)

Il robot ha una mano con le falangi, gliel’ho stretta, sappiatelo!

IIT (25)

Il robot che un giorno potrà essere nelle case di ognuno, il robot in grado di compiere il lavoro dell’uomo.

IIT (23)

Che impara a camminare, a crescere e si evolve.
E mi ha anche salutato, ha anche detto il mio nome.

IIT (21)

Ecco, insomma, me lo sarei portato a casa, devo dirlo.

IIT (26)

E poi ancora, questo è Coman, è più grande e più adulto di iCub ed ha maggiori prestazioni.

IIT (27)

Ve l’ho detto, qui si incontra il futuro.

IIT (28)

E il futuro è anche HyQ, un quadrupede che può correre, saltare e andare su terreni pericolosi e accidentati.
E il futuro è fantascientifico e imprevedibile per noi, eppure il Professor Diaspro ti racconta con estrema naturalezza che un giorno si potrebbe vedere iCub in sella a HyQ, per qualche impresa che io non so neanche figurarmi.

IIT (29)

Avevo un blocchetto sul quale ho preso appunti ma naturalmente questo mio articolo non può esporvi la ricchezza di particolari che io ho ascoltato dal Professor Diaspro, ovviamente non ne sarei capace, mi comprenderete.
Ho voluto però mostrarvi ciò che ho visto, semplicemente entusiasmante e meraviglioso, non solo per la fantastica complessità della scienza e dei traguardi raggiunti ma anche per la bellezza di una narrazione davvero unica e appassionata.

IIT (30)

A volte accadono cose strane e belle come questa.
Ringrazio il professor Diaspro per avermi dedicato il suo prezioso tempo e per avermi regalato questo viaggio magnifico nel nostro futuro.

IIT (24)

Annunci

34 pensieri su “IIT, viaggio nel futuro

  1. Genova ha delle eccellenze: è giusto dirlo! Hai fatto davvero bene a pubblicare questo articolo che va fatto conoscere! Io farò del mio meglio perché ciò avvenga!

  2. l’IIT genovese è sempre stato all’avanguardia, ricordo anche tanti anni fa le sperimentazioni in ambito informatica musicale. Grazie per far conoscere anche questo lato della nostra città

    • Sai, per me queste sono tematiche davvero difficili, eppure il Professor Diaspro mi ha regalato un racconto comprensibile e bellissimo, ascoltarlo è stato un vero privilegio.
      Grazie Plus, sono contenta che tu abbia letto questo articolo!

  3. In sce Wikipedia ho trovòu questa cösa:
    “Nella Grecia classica, il diaspro era ritenuto capace di allontanare alcuni fantasmi, tra i quali l’Empusa. Ne parlano Porfirio (Quaestionum Homericarum ad Odysseam pertinentium reliquiae X 323ss.) e Eustazio (ad Od. I 382).”
    A mi queste cöse da fantascensa in pö poia me-a fan, ma fòscia o profesô Diaspro o saviéiva fâmela pasâ!
    E a Zena gh’emmo questa ecelensa e i ciù tanti Zeneixi no-o san: t’æ fæto pròpio ben a fâghe ’n articolo.

    Su Wikipedia ho trovato questa cosa:
    “Nella Grecia classica, il diaspro era ritenuto capace di allontanare alcuni fantasmi, tra i quali l’Empusa. Ne parlano Porfirio (Quaestionum Homericarum ad Odysseam pertinentium reliquiae X 323ss.) e Eustazio (ad Od. I 382).”
    A me queste cose da fantascienza un po’ paura la fanno, ma forse il professor Diaspro saprebbe farmela passare!
    E a Genova abbiamo questa eccellenza e la maggior parte dei Genovesi non lo sa: hai fatto proprio bene a dedicarle un articolo.

    • Sì, mia cara, credo proprio che il professor Diaspro potrebbe farti passare qualunque timore a proposito di queste fantastiche scoperte di IIT. Curiosa la notizia che hai trovato, no lo sapevo.
      Grazie Isabella, mi fa davvero piacere che tu abbia apprezzato questo articolo.

  4. Che avventura! Ecco che scopro da dove è saltato fuori il robottino che ci avevi presentato in anteprima su fb, mi ricorda quello del film Hugo Cabret. Impossibile non desiderarne uno 🙂 bellissima presentazione, un vero onore essere stata invitata a visitare l’IIT. Bacioni!

    • Che avventura, hai detto bene Viv! Ah, iCub è spettacolare, impossibile non innamorarsene.
      E sì, è stato proprio un grande onore, sono felice di aver visitato questo posto incredibile.
      Un bacione cara, buona serata!

  5. Questo articolo me lo segnerò come il tuo migliore in assoluto, visto che tocca le mie due anime: quella del genovese e quella del fisico 😉
    E questo, nonostante sia forse il tuo primo articolo in cui (da fisico, appunto) non scopro nulla di nuovo, nulla che già non sapessi… ma nonostante ciò… 🙂
    E poi iCub è dolcissimo!!! Rivederlo è sempre bello.

    • Grazie di cuore Mauro, è stato semplicemente meraviglioso scoprire IIT e le sue meraviglie, per me è tutto nuovo e affascinante, mi fa davvero piacere che tu abbia apprezzato Mauro, davvero!
      Un abbraccio a te, buona serata!

  6. visto con gli occhi di una specie di aliena…………ho sempre nutrito un’ammirazione sconfinata ed un timore quasi reverenziale per gli ” uomini di scienza”, specie se, in queste loro meravigliose ricerche….mettono un pochino di poesia! E l’aspetto del professore…..non è secondo te un po’ da mago?
    E credo, ho sempre creduto, che in queste ricerche di livello così alto ci si davvero “poesia”, espressa con parole diverse da quelle cui sono abituata.
    Grazie, Miss e buona, dolce serata Qui ” si sferruzzano” pantofoline di lana rossa…. Emanuela

    • Sì, c’è tanta poesia e tanta passione, non si può che ammirare studiosi come loro.
      Il Professor Diaspro è una persona semplicemente meravigliosa, Emanuela.
      Un abbraccio cara, buon sferruzzamente e un bacione a te!

  7. Ottimo articolo ed ottimo blog, complimenti!

    Un consiglio per un prossimo articolo: cosa ne dici di visitare il Talent Garden e il parco scientifico tecnologico degli Erzelli?
    Scropriresti un altro mondo interessante quasi quanto l’IIT, con persone fantastiche pronte a disegnare il futuro 🙂

    Baci!

    • Grazie Dave per le tue belle parole, benvenuto qui!
      Sarebbe molto bello visitare il Talent Garden, mi piacerebbe davvero molto, conosco persone che ci sono state e ne sono entusiaste.
      A presto, buona serata a te.

      • Bene, mi fa piacere leggere che l’idea possa interessarti!
        Conosco molti ragazzi del Talent Garden e credo sarebbero felici di farti visitare il loro “ecosistema” e il parco tecnologico degli Erzelli.

        E’ sufficiente solo che tu scriva loro una mail: genova(AT)talentgarden.it

        Un bacio!

  8. Ottimo articolo, da condividere, per far conoscere anche i lati positivi della nostra città…complimenti!
    Abbiamo bisogno di pensare al futuro e alle prossime generazioni.

  9. Nooooo….incredibile Miss Fletcher le risorse segrete (ma non a noi, evviva!) e le opportunità che offre il tuo blog 🙂
    E passare dalle creuze ad iCub…è incredibile!!! Scommetto che te ne sei innamorata e lo hai chiesto a Babbo Natale.
    Interessantissimo tutto ciò che ci hai mostrato. Lo farò vedere all’ing stasera, che insegna Meccanica e Robotica ai suoi alunni!
    Bacetti Susanna

    • Ooooh, hai visto che chicca Susanna? Il robottino non ne parliamo, spettacolare. L’Ing. gradirà questo post sulle meraviglie di IIT, ne sono più che certa.
      Un bacetto amica, a presto e grazie a te.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.