Per Staglieno, una Onlus custode della bellezza

Ho già scritto di loro e torno a farlo volentieri in maniera diversa, in modo che tutti voi possiate conoscere un lavoro prezioso svolto a beneficio del patrimonio artistico di questa città.
I membri di Per Staglieno Onlus, associazione che ha come scopo la tutela del patrimonio di Staglieno, hanno tenuto una conferenza nell’ambito degli eventi della Settimana dei Cimiteri Storici Europei.
Hanno spiegato ai presenti la nascita del loro impegno e quale sia lo scopo della loro missione, a tutti è stato subito chiaro che alla base delle loro azioni ci sono l’amore per la città e per l’arte.
E i miei affezionati lettori già sanno che il deus ex machina di questa iniziativa è il mio amico Eugenio Bolleri, appassionato collezionista che spesso mi presta le sue cartoline.
Con lui alla conferenza c’erano alcuni di coloro che mettono a disposizione il loro impegno e il loro tempo per tutelare un patrimonio cittadino.

Per Staglieno

Emilia Bruzzo, Grazia Badino, Eugenio Bolleri, Emanuela Mantero

Presidente dell’associazione è la storica dell’arte Grazia Badino.
Ha raccontato che anni fa venne al Cimitero di Staglieno per un suo studio sullo scultore Eugenio Baroni, allora Grazia vide in quali condizioni versavano certi monumenti e così decise di mettere le sue conoscenze al servizio del bene comune.

Eugenio Baroni

Eugenio Baroni – Tomba Berthe Grosso Bonnin

E naturalmente ha parlato a lungo il nostro caro Eugenio che ha esposto agli ascoltatori come siano avvenuti certi suoi avventurosi rinvenimenti.
Primo tra tutti il ritrovamento del monumento del religioso Padre Luigi Fiorito da Stella riportato al suo splendore grazie all’Associazione, qui potete leggere il racconto di Eugenio e così saprete come vennero raccolti i fondi necessari per il restauro.

Per Staglieno (2)

E si deve a Eugenio la scoperta del tesoro di Staglieno, sapete di cosa si tratta?
Avvenne nell’anno 2000, in un edificio situato all’interno di Staglieno Eugenio rinvenne certi volumi dal valore inestimabile, sono i registri sui quali sono state trascritte tutte le lapidi delle tombe del nostro Cimitero Monumentale, buone abitudini del passato per tramandare ai posteri memorie preziose.

Il tesoro di Staglieno – foto di Eugenio Bolleri

 Oggi questo patrimonio è stato affidato alla Soprintendenza ed è una risorsa di immenso valore, molte lapidi sono erose dal tempo ma grazie a questi libri è ancora possibile conoscere il testo inciso sul marmo.
Oltre a ciò vennero ritrovati i bozzetti originali delle opere, i preziosi progetti degli artisti che lavorarono a Staglieno e in una stanza vennero rinvenuti  i tricolori che accompagnarono Giuseppe Mazzini durante il suo funerale.

Tomba di Mazzini (6)

E tutti noi ci siamo domandati cosa ne sarebbe stato di tutto questo tesoro se non fosse capitato tra le mani di Eugenio, si vede che gli angeli di Staglieno lo hanno guidato nel posto giusto.

Eugenio

Alla conferenza ha parlato Emanuela Mantero, lei è una volontaria che impiega impegno, forza e cuore in questa iniziativa.
Ha raccontato storie di vite e di persone, ha mostrato le immagini di certe giornate trascorse a strappare erbacce e togliere arbusti che minacciano i monumenti, di questo lavoro vi ho già ampiamente parlato in questo articolo.
Splendida Emanuela, grazie infinite a te.

Per Staglieno (4)

PerStaglieno (7)

C’erano le restauratrici Francesca Mensi ed Emilia Bruzzo che con la loro perizia riportano le statue al loro originale splendore, Emilia ha spiegato a tutti noi che quella patina che ricopre i monumenti non è una bella suggestione.

Per Staglieno (3)

Emilia Bruzzo ed Emanuela Mantero

E’ vero, segna le pieghe dei manti e le espressioni dei volti ma a lungo andare la crosta nera erode il marmo e lo sbriciola.
Ora, come si legge qui, il degrado mimaccia l’orecchino di una celebre e amatissima genovese, Caterina Campodonico, la signora delle noccioline.

Orecchini (6)

Immenso e meraviglioso Staglieno, se tutte le opere fossero curate con la dovuta attenzione avrebbero una diversa luce.
Osservate queste immagini di Giuditta di Santo Varni, la prima fotografia mostra la statua ancora parzialmente coperta dalla patina scura, la seconda la ritrae a restauro ultimato, in tutto il suo candore.

Giuditta

Giuditta (2)

Tutti noi dovremmo essere consci dell’immensa ricchezza che si cela sotto a quei porticati, questo articolo vuole essere un modo per farvi conoscere una bella realtà composta da persone animate da vero amore per le opere di Staglieno.
Qui trovate il sito dell’Associazione, qui la pagina Facebook che potete seguire per essere aggiornati sugli eventi.
E questo è anche un modo di dire grazie a tutti loro che si spendono per difendere l’arte e la bellezza del nostro Cimitero Monumentale.

Staglieno

20 pensieri su “Per Staglieno, una Onlus custode della bellezza

  1. ti leggo sempre ma non commento piu da tempo… le mie parole non passavano e strega non era piu fra le blogger che apparivano a destra. ma stamani ti voglio ringraziare per questo post … Staglieno fin dalla prima volta che ne scrivesti e’ entrato nel mio cuore e i suoi monumenti e le loro sirie sono emozionanti

    • Buongiorno cara, felice che Staglieno e i suoi monumenti siano rimasti nel tuo cuore, lo meritano davvero.
      Immagino la tua Sicila inondata di sole, si avvicina l’estate cara Gingi!
      Un forte abbraccio a te, grazie a te delle tue parole!

  2. Staglieno è un museo a cielo aperto ed è importante che ci siano persone dedicate che se ne occupano e cercano di preservare e custodire tanta bellezza. E poi ormai è familiare anche per noi lettori; io ormai alcune statue le riconosco anche senza didascalia 😉 è bello sentirsi di casa! Bacioni

  3. Un lavoro prezioso. L’impegno e la passione delle persone è importantissimo là dove le Amministraziono non hanno fondi e a volte interesse per preservare, scoprire e diffondere. Un grazie da non Genovese, ma da cittadina e futura fruitrice

  4. Cara Miss, ti ringrazio per la bella presentazione che hai fatto, i nostri soci ed io ti siamo grati, scrivendo spesse volte di Staglieno e di quei tanti monumenti che lo rendono così speciale ci aiuti a divulgare il nostro patrimonio artistico.
    Eugenio

  5. Staglieno è un luogo pieno di meraviglie, come la statua col cagnolino! Grazie a tutti voi che contribuite a mantenerne intatta la bellezza e che la divulgate con le vostre parole!

  6. Ebbè carissima Miss, hai saputo farmi amare queste meravigliose opere di Staglieno, come non riconoscere il grande lavoro di chi ci dedica tempo, studio, energie…la vita insomma!
    Grazie, un bacio Susanna

  7. Queste persone meritano articoli come questo Miss, brava e bravi loro ovviamente. Staglieno è una perla d’arte da ammirare ed è anche un vanto per la tanta bellezza che reca in se. Quindi i miei complimenti a te e a loro, un bacione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.