Genova, anni ’20: quei buontemponi di Salita San Matteo

Questa è una piccola storia divertente che vi strapperà più di un sorriso, questa è una preziosa memoria del passato.
Certe vicende hanno il potere di farci rivivere giorni che non abbiamo mai veduto e di farci tornare là, nelle strade della nostra città, in tempi distanti dai nostri.
Questo simpatico aneddoto mi è stato narrato da Guido Dagnino, un caro lettore di questo blog e lo ringrazio per aver condiviso un ricordo di suo papà Alfredo, un genovese nato nel 1907.
E quindi andiamo agli anni ’20 e imbocchiamo Salita San Matteo, passo dopo passo, fino in cima.

Salita San Matteo (3)

Come tutti ben sapete il vicolo sfocia in Piazza De Ferrari, all’epoca in quella zona il quotidiano andirivieni era questo: carrozze e tram, signori con la bombetta e uomini d’affari.

1

Cartolina appartenente alla Collezione di Stefano Finauri 

Si va di fretta e si calpestano anche le teste di due grossi chiodi conficcati a terra tra due lastre nella parte finale di Salita San Matteo, là dove la via sfocia per l’appunto nella piazza centrale di Genova.

Salita San Matteo

Cosa ci fanno due chiodi in quella posizione?
Avreste dovuto essere da quelle parti nella notte del 31 Marzo per capirlo, eh già!
Allora, nel silenzio ovattato dell’oscurità, entravano in azione certi buontemponi e sapete cosa combinavano?
Con la dovuta cura saldavano su uno dei due chiodi un’invitante moneta d’argento del valore di uno scudo.
Si trattava di una discreta sommetta che poteva risolvere parecchi problemi, un bella fortuna trovarla per caso per terra, non pare anche a voi?
E veniva quindi il mattino tanto atteso: il primo di aprile, giorno da sempre deputato agli scherzi di qualsiasi natura.
E così i fantasiosi artefici della burla si piazzavano a debita distanza a godersi lo spettacolo dei tanti passanti che si chinavano speranzosi e invano cercano di raccogliere l’ambita moneta saldamente fissata al leggendario chiodo.
Uno scherzo in grande stile, non c’è che dire!

Salita San Matteo (2)

Io non avevo mai sentito questa storia e la trovo spassosa, chissà se tra di voi c’è qualcuno che la conosceva!
Guido mi ha raccontato di aver notato i famosi chiodi solo dopo aver sentito la storia di suo papà, la pavimentazione è stata poi rifatta e non c’è più traccia di nulla.
Resta la memoria bella di un racconto, il ritratto di quei buontemponi di Salita San Matteo.

Salita San Matteo (4)

27 pensieri su “Genova, anni ’20: quei buontemponi di Salita San Matteo

  1. Dear Miss Fletcher, non potevi esporre questo aneddoto in modo migliore!
    Grazie per averlo reso pubblico, credo che anche mio papà ne sarebbe contento!
    Un caro saluto.

  2. quanto amo queste storie di vita, che raccontano molto di più della storia ufficiale: grazie al signor Guido e grazie a te, che come sempre ci fai partecipi di queste tue meravigliose scoperte!
    ho la grande fortuna di aver avuto un papà che, fino a quando tre anni fa ci ha lasciato, conservava una memoria incredibilmente intatta, colpito nel fisico ma nel nel suo meraviglioso cervello e che mi ha lasciato in eredità migliaia di racconti come questi, che tramando quotidianamente ai mie figli. Certo, non si parla di Genova, ma delle marche: ma la sostanza è che, veramente, l’arguzia e l’intelligenza apparteneva a quella generazione. E sapevano utilizzarla!
    un abbraccio e buon fine settimana (…sotto un cielo così……)
    Emanuela

  3. Grazie per aver condiviso con noi questo aneddoto divertente Miss! Mi intriga molto la foto d’ epoca, n cui si vede sulla casa d’angolo scritto a grandi lettere un cartello pubblicitario con su scritto Nederland e sotto in piccolo Linea postale italo olandese. Interessante dovrei fare delle ricerche più approfondite, ma penso che si trattasse della compagnia che intratteneva via mare i contatti tra l’Olanda e l’ Indonesia, allora colonia olandese!
    Come vedi in questo tuo post ci sono cose curiose per tutti i gusti! Grazie Miss!

      • Cara Miss,
        Grazie per il rinvio all’altro post, dove il cartello è ancora più chiaro. La cosa non poteva non colpirimi, dal momento che nei ricordi di anziani olandesi, che abitavano nelle Indie Olandesi (oggi Indonesia), viene sempre detto che Genova era la prima città europea a cui arrivavano dopo un lungo viaggio in mare. Di lì poi partivano da Principe n treno per l’Olanda. Negli anni ’70, ’80 esisteva ancora un treno diretto da Genova ad Amsterdam, il Riviera express!
        Oghi non esiste nemmeno un volo diretto da Genova ad Amsterdam! Una vera vergogna!

      • Ma pensa come era importante Genova in quegli anni…mi fa piacere che tu abbia gradito l’altro post, in queste cartoline c’è sempre qualche frammento di passato che merita di essere messo in risalto… grazie a te cara, un abbraccio!

  4. In giorni più remoti lo scudo sarebbe stato attaccato da una parte con della gomma da masticare a un filo trasparente. Ogni volta che qualcuno avesse voluto raccogliere lo scudo ecco che si sposta di posizione perché uno dei buontemponi tira leggermente la cordicella…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.