A Banchi, pensando a Govi

Tutti noi genovesi, quando ci troviamo in Piazza Banchi, pensiamo a un nostro illustre ed apprezzato concittadino:  proprio lui, il carissimo Gilberto Govi.

Gilberto Govi

Eh, Govi!
Quante volte avete visto i Maneggi per maritare una figlia?
Ecco, in questa sua indimenticabile commedia il nostro recita queste parole davvero rinomate tra noi genovesi:

Ero lì a Banchi, c’era piuttosto caldo, c’era niente da fare, c’era un bel sole.
M’hanno detto che ci sono dei raggi del sole che fanno tanto bene… raggi ultraviolanti… ultraviolenti… e ho detto, va bene, intanto non c’è niente da fare, mi prendo due o tre raggi.
Mi son levato il cappello e ho detto, beh, mi prendo due o tre raggi, ero lì che mi prendevo i miei raggi…

Piazza Banchi

Cartolina appartenente alla Collezione di Stefano Finauri 

E quindi quando noi passiamo da quelle parti pensiamo a lui, per lo meno a me capita sempre!
Ho da raccontarvi certe antiche vicende su questa piazza, sono tratte da un vecchio e raro volume comprato diverso tempo fa, rimando questo racconto ad un’altra occasione, oggi vorrei solo mostrarvi alcune immagini.
È bella e suggestiva questa piazza a metà tra i vicoli e il mare, zona di contrattazioni e di affari, qui c’è la splendida Loggia della Mercanzia con le sue ampie vetrate.

Piazza Banchi (4)

E insomma, come dire? Ero lì che mi prendevo i miei raggi.
Ah, che meraviglia la chiesa di San Pietro che domina la piazza in quella posizione sopraelevata!

Piazza Banchi (2)

E c’era il sole e il mio sguardo ha trovato un gioco di ombre in Vico De Negri.

Piazza Banchi (3)

Questo semplice caruggio, per quanto nascosto e poco famoso, ha una certa rilevanza a mio parere. Sapete cosa c’era laggiù? Un’osteria dove capitò un avventore particolare, qui trovate il racconto di quella vicenda.
Ogni ora del giorno regala magie diverse, a Banchi.

Piazza Banchi (1)

E quindi, l’altra mattina ero lì che mi prendevo i miei raggi.
E poi, poi ho guardato i vetri della loggia.
E sai, erano come tanti tasselli e riflettevano il cielo, i profili delle case, le persiane.

Piazza Banchi (5)

E la vita, la città.

Piazza Banchi (6)

Genova allo specchio, tra finestre aperte ed edifici altissimi, in un continuo viavai di gente.
C’è sempre una ragione per andare a Banchi, ad esempio questa.

Piazza Banchi (7)

E sai?
Verso sera tutto riluce e sfavilla nell’ampia piazza dei caruggi resa celebre dal grande Gilberto.
Noi ci passiamo e quando torniamo a casa diciamo: ero lì che mi prendevo i miei raggi.
Raggi di luna, a volte.

Piazza Banchi (8)

Annunci

28 pensieri su “A Banchi, pensando a Govi

    • Questa stagione qui è particolarmente mite, a parte qualche giornata di vento per il resto non c’è ancora stato il grande freddo… il sole lo inseguo anch’io, sempre! Un bacione cara, buona domenica a te.

  1. Banchi. Meraviglia.
    Ci passo ogni giorno, nella mia passeggiata pomeridiana , quando esco dal lavoro e torno a casa, con una gran voglia di camminare dopo ore seduta ed anche se il tragitto è , più o meno, sempre lo stesso, ogni volta è nuovo.
    Banchi ed il fioraio, con il colore dei suoi fiori dappertutto.
    Banchi ed chiosco dei libri, dove ho comprato una miriade di gialli, quando ero più giovane, appassionata di Dickson Carr ( o Carter Dichson ed i suo gialli della camera chiusa) quando cercavo ” proprio quel libro ” e lì lo trovavo.
    un abbraccio
    Emanuela

  2. Grazie Miss per aver ricordato il grande Govi con questo post. Ho sorriso nel leggere quelle parole e ho risentito la sua voce inconfondibile. Un caro saluto.

    • Grazie Paola, benvenuta su queste pagine! Ogni volta che passo a Banchi mi viene in mente Govi, ho voluto così portare qui questo pensiero, credo davvero che sia comune tra molti di noi. Buona serata a te!

  3. … e se non compri gialli…bisogna che inizi!!!
    sto scherzando, ma poteri consigliarti:
    Simenon, in assoluto. Maigret.
    quelli che ho citato prima.
    Bruno Morchio e le sue storie con protagonista bacci pagano, tra le migliori descrizioni di Genova che ho mai lewtto.
    un abbraccio
    Emanuela

  4. Miss, Piazza Banchi, nel suo insieme, costituito da San Pietro, dalla Loggia dei Mercanti, dai Fiori e dai Libri, già era un “ambientino” che mi piaceva… ora che grazie al post ho saputo che: Govi era lì che si prendeva i suoi raggi, Banchi non può che piacermi ancor di più… (in un video, mi sono pure goduto tutti “I Maneggi”, davvero fantastico, Govi!).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.