Curiosi aneddoti su due celebri musicisti genovesi

Quella piazza intitolata a Raffaele De Ferrari un tempo fu attraversata anche da un celebre genovese, il suo nome è divenuto poi immortale grazie al suo geniale talento.
Ed accadde proprio là il fatterello che vede protagonista il nostro Niccolò Paganini, un giorno egli si trova a passare nel cuore della Superba.

De Ferrari (4)

E come si può immaginare la piazza centrale di Genova è gremita di gente, davanti a un caffè c’è un vecchio lacero e malconcio.
Costui cerca di mettere insieme il pranzo con la cena, si potrebbe dire, ha un violino mal ridotto e con quello tenta un’improbabile esibizione con la vana speranza che le sue note inteneriscano i passanti e che questi gettino qualche soldo nel suo cappello.
Purtroppo l’improvvisato violinista è privo di estro, non sa proprio suonare!
Ed è inevitabile, la folla lo deride, lo sbeffeggia, è una pubblica umiliazione.
E tuttavia, come vi dicevo, tra gli astanti c’è anche il geniale violinista, all’epoca già celebre: Paganini si avvicina al povero vecchio, prende tra le sue mani il suo misero strumento e inizia a suonare.

Niccolò Paganini

Niccolò Paganini – Opera esposta all’Istituto Mazziniano Museo del Risorgimento 

Le sue note suadenti pervadono la piazza, si insinuano anche nei cuori più duri e commuovono gli spiriti degli indifferenti.
Ed è un’ovazione, un trionfale successo, uno scroscio di applausi si leva per celebrare la singolare e inattesa performance.
Paganini rende al povero il suo violino e con il cappello del mendicante passa tra la gente a raccogliere le offerte questa volta generose, tintinnano le monete, cadono ad una ad una e faranno la gioia di un misero vecchio bisognoso.
La folla applaude entusiasta e Paganini si allontana accompagnato da un tripudio di sincera ammirazione.
Ho trovato questa curiosa vicenda in certi vecchi libri e riviste, poi il solito Eugenio se ne è uscito fuori con un’altra fantastica storiella, state un po’ a sentire!
Accadde tempo dopo, alla stazione ferroviaria di una località del ponente ligure dove giunge un altro celebre musicista, anch’egli è violinista e compositore ed è stato allievo di Paganini: il suo nome è Camillo Sivori e ne viene da un concerto che ha ammaliato un folto pubblico, Sivori si è esibito con l’accompagnamento del maestro Firpo.
Sulla via del ritorno i due si recano alla stazione per prendere il treno.
C’è un gruppetto di curiosi è là, sul binario, c’è anche un vecchio che tenta di suonare il suo violino di poco valore, accanto a lui c’è una tenera bimbetta, la speranza è di racimolare qualche soldo.
E allora Sivori che fa?
Prende tra le mani quel malandato strumento e comincia a suonare e da quel violino si spande nell’aria una musica meravigliosa. nel frattempo il maestro Firpo va tra la gente con il cappello del mendicante tra le mani e in breve tempo al suo interno cadono le monete, alcune sono persino d’oro.
Scrosciano gli applausi ma non c’è tempo, arriva il treno e Sivori e il maestro Firpo si affrettano e continuano il loro viaggio.
E viene da chiedersi se Sivori abbia voluto emulare il gesto del suo celebre e amato maestro, chi lo sa!
Ho voluto raccontarvi questi brevi aneddoti in quanto per me racchiudono una straordinaria bellezza.
E in sottofondo dolce si ode una musica, è il suono melodioso di un violino.

Carlo Felice (6)

Annunci

34 pensieri su “Curiosi aneddoti su due celebri musicisti genovesi

    • Raf, questa questione mi ha a dir poco strabiliata… dopo la vicenda di Paganini ecco spuntar fuori quella di Sivori, fantastico!
      Eugenio è una persona meravigliosa, mia cara, hai ragione. Un abbraccio!

  1. Mi immagino che tu stia tutto il giorno china sui libri per scovare queste chicche!! Sei veramente formidabile e oltremodo generosa di condividere queste curiosità con noi

  2. Straordinarie queste storie, carissima!!!
    Davvero di altri tempi. Non me le vedo le star di oggi compiere gesti di questo tipo, ormai l’umanità è diversa, tanto per usare un eufemismo.
    Grazie comunque. Questo giorno me l’hai fatto iniziare bene.

  3. Commoventi questi due aneddoti, cara Miss Fletcher.
    E mi è venuta subito in mente la recentissima esibizione di Bocelli a New York, che ha cantato improvvisando tra la folla dapprima distratta e frettolosa e poi attenta e coinvolta. Quindi il cantante ha devoluto le offerte raccolte, ad un senzatetto lì vicino.
    Un abbraccio Susanna

  4. Due storie bellissime che testimoniano la generosità d’animo di alcuni grandi personaggi. Grazie per averle raccontate ! Ciao Miss.

  5. Ecco un bel modo per cominciare la giornata, anche se io arrivo a leggerti che è quasi ora di pranzo oggi! Credo che tutti noi dovremmo mettere a disposizione i nostri talenti piccoli o grandi che siano, la solidarietà di nutre di piccoli grandi gesti. 🙂 e poi con un po’ di musica nel cuore di vive meglio! Baci cara!

  6. I due personaggi citati, sono delle vere colonne portanti della storia genovese.
    Peccato che nei confronti di Paganini le autorità di allora, ed alcune più recenti lo hanno trattato nel peggiore dei modi, rifiutandone il corpo prima e demolendogli la casa dopo.
    Più fortunato Sivori, che riposa nel Pantheon di Genova, ed ha una storia bellissima che prima o dopo dovrai raccontarci.
    Brava come al solito.
    Eugenio

    • Carissimo, su Paganini hai perfettamente ragione, la sua città è stata ingrata verso di lui, certo non lo meritava.
      Grazie Eugenio, questi aneddoti sono bellissimi per me, il fatto che Sivori abbia seguito l’esempio di Paganini è proprio particolare.
      E sì, di Sivori prima o poi scriverò, certo!
      Grazie infinite, un abbraccio!

  7. Da gesti così si vede la grandezza vera, al di là del loro essere artisti.
    Un abbraccio da spianata sto tornando dal lavoro
    Emanuela

  8. Dear Mrs Fletcher sai che sei stata una delle prime blogger che ha messo un like ad un mio post di Genova.Incuriosita ho fatto un clic ed è apparso un tuo post recentissimo su questa città che ha dato il la all’inizio di questa splendida avventura da blogger. Mi sono iscritta e speriamo di continuare quest’amicizia virtuale. A presto Bea

  9. Sai che con la musica mi conquisti e poi che musicisti! Poco importa se uno volesse emulare l’altro oppure no, se fossero ammalati di esibizionismo o meno… intanto hanno trasmesso e donato bellezza assieme a un gesto di buona carità.

  10. La musica ha possibilità di conquistare e unire tutti, se solo lo volessimo……………il mondo sarebbe diverso? io penso di si, questi aneddoti ne sono il riscontro. Grazie bravissima ciao

  11. Miss, visto che Paganini e Sivori, non sono due sconosciuti e gli aneddoti di cui sono stati interpreti, sono significativi, penso che una targa-ricordo in Piazza De Ferrari non sarebbe nè costosa nè inutile…

    • E non hai torto, Sergio. Le targhe per Paganini ci sono, si trovano per terra nei luoghi da lui frequentati, devo ancora scrivere del percorso paganiniano ma di sicuro lo farò. Buongiorno a te!

  12. I tuoi racconti mi ricordano un modo di dre di mio papà,quando voleva paragonare due oggetti,situazioni o capacità analoghe ma diversissime per qualità:”Gh’é a stessa differensa tra ô Paganini e ô Carubba,tutti e duî sônnavan o violin..”dove Carubba era un barbone di Sampierdarena che chiedeva la carità strimpellando un violino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.