Controvento

Freddo.
Non così intenso, a dire il vero, quest’anno però non ci sono quasi abituata.
Dolce autunno, mite inverno, fino ad ora, per lo meno.
Freddo.
Il vento che fischia, canta, svanisce e poi ritorna.
Sbadabam!
Una finestra che sbatte.
E poi di nuovo, un colpo secco.
È l’annaffiatoio di plastica, di solito sta su un muretto in terrazzo.
Però, sapete, il vento lo fa cadere, rotolare, lo trascina via e poi si placa.
A volte, poi, devi camminare controvento e da queste parti, sulle alture, può essere davvero complicato.
In questi quartieri di curve e salite a volte i tuoi occhi incontrano un tetto.
In questi quartieri di curve e salite il vento sa essere un avversario temibile.
Solo per alcuni, altri invece restano immobili a guardare, imperturbabili.

Gabbiani

Nella luce dorata del tramonto, mentre il sole scende e veste di luce calda la costa.
Due, insieme.
Ed entrambi voltano lo sguardo in un’altra direzione, mentre tu cammini controvento.

Gabbiani (2)

Annunci

14 pensieri su “Controvento

  1. Sì,camminavamo davvero controvento negli anni delle elementari e della medie. C’era un punto soprattutto all’incrocio di via Oberto Cancelliere con via Lorenzo Stallo,proprio quando si era più esposti,in cui avevi la sensazione di essere sollevata di peso con cartella sciarpa e berretto.Poi si imboccava la discesa di mattoni rossi e si era più riparati.
    Andavo sempre così di corsa che il freddo passava subito!
    I gabbiani comunque sembrano imperturbabili….Buona giornata Nicla

  2. Cara amica, anche da noi ci stiamo abituando a delle vere tempeste di vento, improvvise, violente, che fanno danni incommensurabili ma tutto cambia. E ci dobbiamo abituare ed attrezzare.
    E pensare che una volta dicevo “Il vento ama…” 😉
    Un abbraccio Susanna

  3. Ah, il vento!
    Ma per me il vento è la tramontana, quella che pulisce ogni cosa e di notte soffia forte per poi regalarci l’azzurro che conosciamo, e se poi fa freddo a me non importa, se ci sono attorno quei colori meravigliosi!
    Emanuela, stesa sul divano per una lussazione alla caviglia……. Ghiaccio, arnica, mio figlio che fa tutto,libro da leggere plaid……e il freddo fuori!

  4. io quest’anno , per la prima volta, non mi son lamentata del freddo, qui il freddo é un po’ come a Genova, quando fa freddo é freddo freddo, poco umido a dire il vero, ma freddo troppo per me che, donna del sud, non ama tanto. Invece quest’anno é un freddo d’autunno che piace se non fosse per la troppa pioggia e dell’imbarazzato vento insolito da queste parti del clima temperato oramai, di quando non fa freddo freddo….un’abbraccio mia cara Miss Fletcher

  5. Come dimenticare il girare l’angolo e all’improvviso, la folata di vento che ti sbilancia … c’è ancora quel vento? Comunque non mi piace questo inverno autunnale, sono perplessa come i gabbiani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.