1898: un celebre panificio di Soziglia

Questa è una storia che ebbe inizio tanto tempo fa, il protagonista si chiama Edoardo Oneto, proviene da Campomorone ed è nato nella seconda metà dell’Ottocento.
A volte la vita presenta dure difficoltà, Edoardo è ancora piccolo quando perde il padre, così lui e i suoi due fratellini Giacomo e Leopoldo vengono mandati all’Istituto degli Artigianelli: là impareranno un mestiere, apprenderanno la complessa arte della panificazione.
Il primo dei tre ad aprire la sua bottega è Giacomo, il maggiore: il suo forno sorgerà in una zona popolosa e viva, in Vico Nuovo di Ponticello.
Il documento che vedete e quello che seguirà sono le registrazioni effettuate presso la Camera di Commercio di Genova, ringrazio Federica Terrile e Anna Galleano per avermi inviato questi ed altri documenti relativi alle attività della famiglia Oneto.

Giacomo Oneto

Edoardo dapprima fa il garzone nel negozio di Giacomo, poi anche per lui verrà il tempo di mettersi in proprio.
E lo stesso vale per suo fratello Leopoldo, il suo negozio si trovava in Via Lomellini e figura sulla mia Guida Pagano del 1926, viene indicato come fabbrica di paste di lusso e panificio.
Edoardo, invece, aprirà le sue attività in un’altra parte della città molto amata dai genovesi.

Piazza Soziglia

Avrà un forno in Vico dell’Umiltà, un negozio di pasta fresca in Piazza di Soziglia, un panificio in Via ai Macelli di Soziglia.

Edoardo Oneto
Oh, che sbadata! Non vi ho ancora presentato l’eroe della nostra storia!
Dovete sapere che Edoardo nel 1898 prese moglie, la sua sposa si chiamava Paola.

Edoardo e Paola Oneto

Ed ebbero diversi figli, qui vedete i genitori con i primi tre, Giuseppe è quello che tiene il cerchio, poi c’è Antonietta e il piccolo Luigi.

Oneto

Abitavano in Vico della Rosa, a poca distanza dalle botteghe.

Vico Rosa

E con il tempo la famiglia divenne sempre più numerosa, quanti bambini c’erano in casa Oneto?
Non tutti ebbero una lunga vita, all’epoca le malattie minavano la salute di grandi e piccini e a volte non c’era davvero scampo.
Eppure eccoli qui, tutti insieme davanti al fotografo, le bimbette con l’abito chiaro, i maschietti con un mezzo sorriso e il patriarca fiero alle spalle della sua famiglia.

Oneto (2)

Lei si chiamava Antonietta.
Dolce, vezzosa e innocente, ebbe un destino sfortunato, era una giovane donna quando morì a causa del tetano.

Oneto (4)

Sai, la vita è così.
Non puoi sapere cosa ti attende nel mondo.
Resti accanto ai tuoi fratelli, sogni di diventare grande.

Oneto (3)

E non sai, non puoi sapere cosa ti accadrà, devi soltanto vivere nel modo più felice che puoi.

Oneto (5)

Bambini nati e cresciuti caruggi, questa foto di classe è stata scattata nel chiostro delle Vigne.

Oneto (6)

E nel tempo che noi non abbiamo vissuto qui c’era il negozio di paste alimentari di Edoardo Oneto.

Piazza Soziglia (2)

Fate qualche passo, imboccate Via dei Macelli di Soziglia.
E guardate in su, sempre.

Via dei Macelli di Soziglia

E fermatevi all’incrocio, esattamente in questo punto c’era il panificio.

Via Dei Macelli di Soziglia (2)

Provate a sentire le voci, il tramestio di passi, le voci cantilenanti, una folla di gente percorre il vicolo, guardate i bambini che corrono nei caruggi, immaginate i volti delle donne, le vedete?
Si affacciano da certe finestre, alcune passano trafelate, c’è la vita di ogni giorno in Soziglia.

Via dei Macelli di Soziglia (3)

Il negozio era stimato e rinomato, finì persino sulla rivista Il Successo.
Osservate il disegno che segue, il signore che vedete seduto sulla sinistra è proprio Edoardo, sta  sull’angolo dal lato opposto della sua bottega.
Vedete che c’è un uccello? Sì, proprio così! Lui aveva un pappagallo e anche una scimmia.
E negli anni ’50 in quell’angolo c’era di solito un limonaio con il suo banchetto.

Oneto (7)

In questo disegno ci sono i panni stesi e le mampae, ve ne ho parlato in questo articolo, erano dei telai che venivano posti sulle finestre e servivano per riflettere la luce nel buio dei caruggi.
E ancora, il tratto di matita evidenzia la prospettiva di Soziglia e l’inizio di Vico Sottile.

Via dei Macelli di Soziglia (4)

Qui si vendeva pane fragrante e deliziosa focaccia molto apprezzata dalla gente della zona, c’era sempre la coda!

Focaccia

Focaccia del Panificio Sebastiano di Via Lomellini

La bottega aveva ante di legno e come in tutti i negozi dei caruggi al suo interno c’era un’immagine della Madonna con un luce davanti.
I maccheroni di Natale venivano legati con un nastrino rosso, un tocco di colore perfetto per le feste.
Al piano superiore si cuocevano ogni giorno i fagioli, le cipolle e le barbabietole al forno.
Lassù, dietro alla finestra con le grate.

Via dei Macelli di Soziglia (5)

La bottega veniva gestita da marito e moglie, la signora Paola certo non si risparmiava.
Molto tempo dopo fu lei a ricevere la medaglia per l’attività aperta nel 1898.

Oneto (8)

C’era la vita di città e il tempo del lavoro poi c’era la stagione dello svago, in estate a Campomorone.
Tutti insieme a fare le ceste, come vedete grandi e piccoli sono a piedi scalzi.

Oneto (10)

Sui prati, con i bambini.
E la signora sulla sinistra sfoggia proprio un cappello elegante!

Oneto (9)

Ed ora, cari amici, avrei una domanda da porre a voi lettori affezionati di queste pagine.
Lo avete riconosciuto Edoardo Oneto?
Certo, è proprio lui il signore con il bastone da passeggio ritratto tra i pellegrini alla Madonna della Guardia, di tutti loro ho scritto in questo articolo.

Alla Guardia (14)

A raccontarmi questa vicenda è stato un lettore di questo blog, lui si chiama Piero e questa è la storia della sua famiglia.
Ed io lo ringrazio per aver condiviso con me i suoi cari ricordi, siamo andati insieme nei luoghi che avete veduto e lui ha dipinto per me un mondo e la sua atmosfera.
E mi ha fatto conoscere il suo antenato, Edoardo Oneto.
Un uomo che si era fatto da sé, con il lavoro e la forza di volontà, proprio come i suoi fratelli.
Un tipo dal piglio fiero e deciso, un commerciante abile nel suo mestiere, uno che sapeva far fruttare i suoi talenti e il suo denari.
Le sue botteghe erano nei posti che frequento quotidianamente, se ci fossero ancora andrei di sicuro a provare la focaccia e tutte le altre prelibatezze.
Sì, avrei davvero voluto conoscerlo.
E in qualche maniera è accaduto, in qualche modo sono stata anch’io nei suoi luoghi, caro Signor Edoardo, nella sua Soziglia: e si sentiva un fragrante profumo di pane.

Oneto (11)

Annunci

29 pensieri su “1898: un celebre panificio di Soziglia

  1. Bellissima storia,sarebbe splendido poterne raccontare una per tutti i,partecipanti al pellegrinaggio alla Madonna della guardia! Il racconto avrebbe quella sua impronta un po’ retro’ e i personaggi sarebbero descritti con una tenerezza quasi filiale e nelle foto non mancherebbe mai un accenno alla nostra meravigliosa focaccia,qualcosa che nel resto d’Italia non sanno che sia purtroppo.complimenti Miss Fletcher! Nicla

    • Grazie Nicla, ci sono persone che hanno piacere di condividere le loro storie di casa con me e io sono sempre felice di poterle raccontare, sono frammenti di passato davvero speciale.
      Buon sabato a lei!

  2. Ogni volta che leggo una tua storia mi dico sì, questa è la più bella.
    Poi arriva il racconto successivo e …mi de o ricredere, perché ogni tuo racconto è migliore del precedente!
    …. Si può dire che.. Sono tutti migliori?
    Un abbraccio
    Emanuela

  3. Fantastica questa storia! Foto bellissime, la piccola Antonietta era una bimba deliziosa. Bello ritrovarli in altri momenti della loro vita come la gita di cui ci avevi raccontato. E l’ultima foto mostra un signore distinto davvero molto simpatico. Bravissima! 🙂 un super abbraccio

    • Eh Viv, queste vicende di vita vissuta hanno sempre un fascino speciale.
      Gente comune, vite normali e a loro modo comunque eccezionali, uno ad uno tutti loro compongono un quadro di anni che non ho veduto.
      Grazie Viviana, un grande abbraccio a te.

    • Grazie infinite a te Piero, conoscere storie come questa è sempre un bellissimo regalo e poterle anche raccontare con questa ricchezza di particolari è un autentico privilegio.
      Un abbraccio!

  4. ….é un post….bellissimo sia per il contenuto che per le foto come sempre uniche….gli Oneto che grande famiglia e che grandi artigiani della panetteria e pasticceria. Priaruggia via Grabriele Rossetti angolo via 5 Maggio Panificio e Pasticceria Oneto dalla mia infanzia fino a qualche lustri fa’ quante paste e fugassa Carissima Miss anche lí ottimi….stessa discendenza!??? Un abbraccio buona serata!!!

    • Carissimo, queste storie di vecchi genovesi sono bellissime, tanto lavoro, tanta volontà e famiglie numerose.
      Non so se gli Oneto dei quali mi parli sono parenti di questa famiglia, anche all’epoca c’erano diversi negozianti con questo cognome ma erano altre famiglie, li ho trovati sul mio prezioso annuario.
      Un abbraccio grande a te caro Pino, grazie come sempre per le tue belle parole!

    • Pino, carissimo, spero che tu legga questo commento! Sì, la pasticceria Oneto di Priaruggiaera dei discendenti del maggiore del tre fratelli, Giacomo.
      Meraviglioso, vero? Un grande abbraccio a te!

      • Ma Carissima sei grandissima….oltre a essere la migliore blogger nazionale e ligure…non ti arrendi mai basta un piccolo indizio e tu scopri il perché e per come….Oneto di Priaruggia non era diverso dai suoi vecchi eccellente pasticcere e fornaio era amato e frequentato da tutta Quarto e non solo era una delizia degustare i suoi prodotti tutti….grazie Miss contentissimo un grande abbraccio!!!

      • Qua è stato semplice, mi ha telefonato Piero dopo aver letto il tuo commento e per l’appunto mi ha detto che quel negozio del quale tu parli era dei discendenti di Giacomo.
        Bello, bellissimo, caro Pino!
        Ti mando un grande abbraccio!

  5. Miss, nella scelta delle storie da raccontare non ti batte nessuno!
    e concordo pienamente con chi dice che sarebbe splendido poter raccontare la storia di ognuna delle persone riprese nella foto del Pellegrinaggio… io ho provato a contarle e sono poco più di cento… quando cominci, Miss? e da dove? dalla prima fila in basso o dall’ultima in alto?

    • Sergio, sono le storie a scegliere me, questo è fantastico!
      Davvero li hai contati? Anch’io volevo farlo poi ho desistito… cominciamo dalla fila in basso, che dici?
      Buona serata carissimo!

  6. Ecco svelato il mistero del compunto signore con i baffi! Chissà che focaccia facevano, lui e la signora mia omonima, degna di medaglia. Ancora una volta grazie!

  7. Bellissima storia raccontata come sempre con sensibilità e maestria. Io adoro le foto del passato, scrutare quei volti e immaginare le loro storie
    E poi, sai cosa mi colpisce sempre in queste antiche immagini? La grande dignità che emanano queste persone, di qualunque estrazione sociale essi siano, hanno nello sguardo e nell’atteggiamento una incrollabile fierezza. Buona domenica e ancora grazie!

    • Quanto hai ragione Bianca, hanno sguardi belli e intensi queste persone, il Signor Edoardo era anche molto fotogenico, l’ultima foto è meravigliosa secondo me.
      Grazie a te, ti auguro buona serata!

  8. Cara amica, anche questa saga familiare è così bella e coinvolgente. Grazie delle ricerche che fai e di come ci narri queste storie di vita vissuta.
    E quella focaccia oleosa, profumata, morbida…messa lì per farmi ingolosire… 🙂
    Un abbraccio Susanna

  9. Finalmente il giallo è risolto ,mi hai tenuto sulle spine per tutti questi giorni, che bel signore fiero è uno che sapeva il fatto suo ,faceva la focaccia molto buona,molto ben cotta,con olio della riviera, non parliamo del pane croccante ne sento ancora il profumo.Ciao bravissima.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.