Un terrazzino sopra Via San Luca

Accadde un po’ di tempo fa: ero sulla terrazza panoramica del Museo di Palazzo Spinola di Pellicceria.
E lì di fronte c’è un terrazzino.
Sapete, una di quelle meraviglie incastonate tra i tetti e l’azzurro del cielo.

Tetti di Genova (3)

Faccio una foto, la condivido su Twitter e scopro che questa è la casa di coloro che dispensano preziosi consigli sulla Superba: Genova4Tourist, dritte e bellezze per chi visita Genova direttamente da chi vive in città.
E ieri, sotto un sole scintillante, sono salita lassù.
E così oggi vi racconto Genova da quel terrazzino, è sempre un’emozione grande scoprire la Superba da un nuovo punto di vista.
Una scaletta, le geometrie spioventi del tetto, qualche gradino.

Tetti di Genova (4)

E ad ogni passo Genova si svela.

Tetti di Genova (5)

Guarda, ecco la celebre terrazza di Palazzo Spinola, è a breve distanza.

Tetti di Genova (5a)

Cielo azzurro, niente vento, il caldo d’inizio estate.

Tetti di Genova (6)

E i consueti stupori.
Da un palazzo all’altro, nella città vecchia, il panorama muta e ogni volta puoi scoprire nuove bellezze.
E vedi la linea del mare,  la vita di una città portuale, la curva della sopraelevata che si snoda tra le case alte.

Tetti di Genova (7)

Guarda lassù, i palazzi della Spianata e l’ascensore di Castelletto.

Tetti di Genova (8)

Mentre sbocciano i fiori e davanti a te si estendono gli splendori della Superba.

Tetti di Genova (9)

Ed è un continuo susseguirsi di campanili, finestrelle, altri terrazzi, il tempo di Genova sfiora il cielo.

Tetti di Genova (10)

E svetta maestosa la Torre degli Embriaci.

Tetti di Genova (11)

A sinistra dell’immagine si vede parzialmente la chiesa di San Luca, su tutto predomina la Cattedrale di San Lorenzo.

Tetti di Genova (12)

E poi persiane aperte ed abbaini.

Tetti di Genova (13)

Vicoli, caruggi e piazzette sono sotto di te.
Ed è proprio quella città, la sua poesia è in certe parole di Giorgio Caproni che amo sempre citare:

Genova città pulita.
Brezza e luce in salita.
Genova verticale,
vertigine, aria, scale.

Tetti di Genova (14)

E se hai un terrazzino come questo cosa fai?
Ci metti un tavolino, le sedie e ti lasci accarezzare dalla luce delle calde sere d’estate.

Tetti di Genova (15)

Tra comignoli, profili di caruggi ed ancora campanili.

Tetti di Genova (16)

E non potrai mai dire di aver veduto Genova se non hai ammirato la distesa dei suoi tetti, lo sanno bene i visitatori che salgono la scaletta che porta al terrazzino di Palazzo Rosso.

Tetti di Genova (17)

C’è un silenzio magico sopra San Luca, mentre osservo la città nella cornice della ringhiera.

Tetti di Genova (18)

Sono queste le armonie che svelano la sua identità, il suo spirito fiero, quella bellezza che dovremmo saper esaltare.

Tetti di Genova (19)

Cartoline da Genova, da un terrazzino sopra i tetti, in una mattina di giugno.

Tetti di Genova (19a)

E tutto attorno è un trionfo di fiori, piante e alberelli che respirano l’aria del mare.

Tetti di Genova (20)

Genova d’azzurro, di acqua e di cielo.
Si staglia candido il profilo di Palazzo San Giorgio, non lo avevo mai veduto da questa prospettiva.

Tetti di Genova (21)

E poi.
E poi, chiacchiere tra amici, ancora ardesia, estate e focaccia.
Lassù, sui tetti.

Tetti di Genova (26)

E petali che si aprono al sole e si dischiudono generosi.

Tetti di Genova (23)

Le campane suonano, i gabbiani si librano alti e un aereo sorvola la città.

Tetti di Genova (24)

Ringrazio gli amici che mi hanno ospitato, mi hanno regalato ancora nuove meraviglie.
Questa è la mia Genova, la città che amo, vorrei che tutti potessero vederla così.
Splendente, nella sua unicità.
Vera e Superba, da un terrazzino sopra Via San Luca.

Tetti di Genova (25)

38 pensieri su “Un terrazzino sopra Via San Luca

  1. Ma cara, ormai urge una categoria a parte, per la serie “missfletcher a casa mia”. Le case e terrazzini che ti hanno aperto le porte sono davvero tanti! Belle soddisfazioni! Bacioni 🙂

  2. Che meraviglia Miss! Che meraviglia! Ci hai regalato il privilegio di poter vedere la nostra bella Zena come fossimo rondini che volano! E le tue foto, al solito, sono stupende! Ancora una volta grazie, cara Miss!!!

  3. ….e chi l’ha mai vista un Genova così altolocata…anche se è superba e ricchissima….affascinante Post con foto inestimabili per gli scorci dei tetti e terrazze a noi comuni calpestatori di basalto carruggioso invisibili…grazie Miss complimenti e congratulazioni….grande saluto a te!

  4. Dai tetti piovono parole come petali di rosa, Bellezza luminosa, Bellezza nascosta, sugli scorci veloce l’occhio si sposta.
    Grazie Miss

  5. Ormai è un pò che ti conosco, cara amica Miss Fletcher e so che tu sei attratta automaticamente dal bello.
    Nulla è mai casuale, te l’ho detto pochi giorni fa e scusa se mi ripeto.
    Ma tu sei come una “Miss Autocercante-Bellezza”.
    Una garanzia venirti a trovare e scoprire cose bellissime (ma anche quella focaccia…direi che…)
    Un abbraccio Susanna

  6. Genova girata a piedi ed allora si cammina sempre con il naso in su.
    Poi Genova dall’alto ed allora davvero l’occhio si perde e ci si rende conto di avere sempre mille e mille cose da scoprire!
    Emanuela

  7. Ho una cara amica che abita in una casa con un terrazzo così, chissà se è lo stesso? Cara Miss, che citi Caproni, conosci il libro Genova ch’è tutto dire?

  8. Pingback: Genova in bottiglia | Dear Miss Fletcher

  9. Miss, il post è del giugno scorso, ma credo che le persone che affollano il minuscolo terrazzino di Palazzo Rosso, siano ancora lì… come si fa ad andarsene da un posto del genere? e anche tu, come hai fatto a lasciare il terrazzino sopra via San Luca, ci vuole un cuore arido per andarsene…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.