Genova, 1915: saluti marini

Estate, tempo di spiaggia.
Un ricordo per chi è lontano, soldato di guerra nel 1915.
Si chiamava Agostino e in una trincea ricevette questa cartolina, solo due parole l’accompagnano: saluti marini.
Tu sei distante ma i tuoi cari pensano a te e ti mandano i loro sorrisi.

Mare 1915 (1)

E tra queste persone ritratte sul bagnasciuga c’è una giovane mamma accoccolata per terra dietro al suo piccolino.

Mare 1915 (2)

Scroscia il mare di Liguria, un gozzo guadagna il largo.

Mare 1915 (3)

E in questo scorcio d’estate c’è un ragazzino che porta la mano alla faccia, forse gli è andata l’acqua nel naso mentre nuotava, succede a tutti i bambini.
Alle sue spalle una fanciulla con un fazzoletto in testa, lo mette per ripararsi dal sole.
E poi il giovanotto con il costume scuro, lui è un provetto nuotatore!

Mare 1915 (4)

E loro, i più piccini, sono sempre numerosi in queste immagini del passato e ci ricordano che la storia dell’umanità si ripete sempre allo stesso modo.
I bambini, in ogni epoca, hanno sguardi ingenui, incerti e fiduciosi.

Mare 1915 (5)

I bambini di questa epoca indossano magliettine a righe e se ne stanno seduti sui sassi abbozzando timidi sorrisi.

Mare 1915 (6)

E c’è anche lei, la ragazzina di buona famiglia, io giurerei che la signora alla sua sinistra è la nonna mentre colei che sta ritta alla sua destra potrebbe essere la governante.
E insomma, la ragazzina vorrebbe correre libera, non le piace affatto starsene sulla spiaggia così coperta, ha anche il cappellino in testa.

Mare 1915 (7)

Bambini.
Pensano, sognano, immaginano.
Imbronciati, quasi seri, uno strizza un po’ gli occhi a causa del sole.

Mare 1915 (8)

Bambini.
Sei sei il più timido anche se resti quasi nell’ombra ti va bene così, poi come sempre ti metti vicino al tuo amico, quello più sfrontato.

Mare 1915 (9)

Quattro generazioni di donne.
Una matriarca dall’aspetto fiero, parrebbe indossare un abito di pizzo, tiene le mani sulle spalle di una bimbetta in un gesto protettivo.
Al centro dell’immagine c’è un’acerba adolescente: è una che parla poco lei, abbassa lo sguardo ritrosa.
Accanto a lei un fiore di bellezza, una giovane dai tratti dolci, a mio parere è molto sicura del suo fascino: ha scelto l’abito con la cintura e il colletto a pois e il cappellino di paglia con i fiorellini, è perfetta!

Mare 1915 (10)

E d’altra parte, chi ha detto che la vanità è donna? Non è affatto vero!
Il provetto nuotatore è molto fiero di se stesso, ho l’impressione chi si piaccia molto, mentre la giovane mamma che gli è accanto è una creatura semplice e diretta, il suo sorriso racconta di lei e della sua maniera di stare nel mondo.

Mare 1915 (11)

Sulla spiaggia, tutti insieme, con lo sguardo rivolto verso il futuro, in tempo di guerra.

Mare 1915 (12)

In questi volti di un tempo distante c’è qualcosa di noi.
Siamo stati anche questi, su una spiaggia, sui sassi.
Con i bambini in braccio, tutti insieme, una grande famiglia in un giorno d’estate.

Mare 1915 (13)

Era il 1915: saluti marini dalla spiaggia di Genova.

Mare 1915 (14)

19 pensieri su “Genova, 1915: saluti marini

  1. La giovane mamma vicino al “provetto nuotatore” ha un’espressione estremamente moderna e comunica equilibrio, tra tutti i volti di questa (meravigliosa!) foto è quello che preferisco. Bacioni 🙂

  2. Miss, piuttosto numerosi i cari di Agostino… forse sono andati a farsi fotografare in spiaggia perchè nei caruggi non ci stavano…

  3. Che tenerezza, Miss! Penso ad Agostino al fronte e al rimescolio di sentimenti che avrà provato vedendo tutti i suoi cari che gli sorridono da una spiaggia di Liguria!! Baci raf

  4. mi ha colpito la bimba vestita di bianco, con i lisci capelli a caschetto.Mi ha colpito perchè a casa, nelle Marche, c’è una fotografia della zia di mamma che, se fosse viva, avrebbe 102 anni….pettinata proprio così, biondi, liscissimi capelli, frangetta, neppure un capello fuori posto…
    E la bimba vestita “alla marinara”? Papà mi raccontava spesso di quanto odiasse quel vestito”. Blu, pantaloni al ginocchio, calzettoni, scarpe impossibili, bavero orlato di bianco. Vecchie fotografie dove lui e gli zii e le zie hanno il visetto corrucciato ……nessuno di loro sopportava questo abbigliamento, perciò immagino cosa deve essere stato indossarlo in spiaggia!
    un abbraccio
    Emanuela

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.