Ottobre 1376, Santa Caterina da Siena a Genova

Preceduta dalla fama della sua bontà, celebre per le sue buone opere: così giunse a Genova in un giorno di autunno del 1376 Santa Caterina da Siena.
Proveniva da Avignone dove in quell’epoca era la sede papale, là Caterina si era recata come nunzia di pace in quegli anni tempestosi per la Chiesa, poco tempo dopo il Pontefice Gregorio XI compirà lo stesso percorso di Caterina lasciando Avignone alla volta di Roma.
Caterina è una giovane donna di soli 29 anni ed è una domenicana, insieme a lei viaggiano alcuni religiosi: uno di essi, Raimondo da Capua, scriverà le memorie di quei giorni.
Caterina, figlia di un tintore senese, rimarrà a Genova per circa un mese ospitata in una casa a breve distanza dalla così detta Croce di Canneto, così si chiamava il punto in cui Canneto il Lungo si interseca con Canneto il Curto.

Canneto il Lungo

Ad aprirle le porte della sua dimora è una nobildonna genovese, il suo nome è Orietta Scotto ed abita in un edificio situato proprio all’inizio di Canneto il Lungo.
Una Santa nei caruggi, nelle strade che sempre percorriamo.

canneto-il-lungo

Quanti genovesi di quell’epoca conoscono Caterina?
Quanti sanno di lei e della sua fede luminosa?
Sono tantissimi coloro che accorrono alla casa della Scotto per ricevere una parola di conforto e una preghiera da parte di Caterina.
Lei ascolta letterati e popolani, uomini di legge e gente comune, per ognuno la Santa di Siena ha una parola.
Le enfatiche cronache dell’epoca riferiscono anche di alcuni che la trattarono con tracotante arroganza e che furono per questo puniti dalla giustizia divina.
Gli storici riportano anche notizia di suoi miracoli, durante il suo soggiorno genovese salvò dalla morte due giovani del suo seguito che erano stati colpiti da tremende malattie.

santa-caterina-da-siena

E giunse il 18 Ottobre 1376.
In quel giorno a Genova arrivò Papa Gregorio XI, venne ospitato nella dimora del Doge nella zona dalla Porta di San Tommaso.
Il Pontefice andò diverse volte in casa di Orietta Scotto, la Santa di Siena fu per lui un grande sostegno: come aveva fatto già ad Avignone, lo confortò sulla sua scelta di ritornare a Roma.
Anche Caterina partì da Genova e lasciò il ricordo di sé, scrisse poi una lettera alla nobile Orietta, naturalmente il suo contenuto riguarda la carità e l’amore verso Dio.
La casa che ospitò Caterina subì diversi danni quando il Re Sole fece bombardare Genova nel 1684, venne tuttavia ricostruita e su di essa fu apposta una lastra marmorea in memoria di Santa Caterina da Siena.
Se volete trovarla dovrete cercare il civico numero 6 di Canneto il Lungo: dopo l’insegna della macelleria alla vostra sinistra vedrete la lastra che racconta di lei e dei suoi giorni genovesi.

canneto-il-lungo-2

La lapide è poco visibile, se non sapete della sua esistenza vi sarà difficile notarla, si perde in un’imprendibile prospettiva di caruggi.

canneto-il-lungo-3

E non ci sono indicazioni che ricordino ai passanti di alzare lo sguardo per leggere di lei che in un giorno lontano venne in questa città.

canneto-il-lungo-4

Nei secoli a seguire i discendenti di Orietta Scotto conservarono la devozione per Santa Caterina portandola anche lontano da Genova.
In Val Trebbia, a Gorreto, sorge lo splendido palazzo dei Centurione Scotto che furono appunto signori di questo luogo.

gorreto

E non è certo un caso che la chiesa del paese sia dedicata proprio alla Santa di Siena.

gorreto-2

Tornando invece nel centro storico di Genova troverete un’altra testimonianza dell’affetto di questa famiglia per Caterina.
Dovrete recarvi in San Siro, un tempo cattedrale della Superba.

san-siro

Tra le molte cappelle appartenenti alle blasonate famiglie genovesi una è dedicata alla Santa di Siena ed è proprio la Cappella della famiglia Centurione.
Il dipinto che si trova sull’altare è opera di Cesare e Alessandro Semino e immortala lo sposalizio mistico di Caterina.

san-siro-2

Lei è ritratta nel suo candore, nella sua lievità di giovane donna dal cuore devoto.

san-siro-3

Giunse anche qui, in queste strade di botteghe e di profumi, nei vicoli dove le altezze racchiudono i respiri e le voci di Genova.
Ospitarono anche lei, figlia di Dio e della terra di Toscana, per sempre Santa, una ragazza di nome Caterina.

canneto-il-lungo-5

Annunci

15 pensieri su “Ottobre 1376, Santa Caterina da Siena a Genova

    • Hai ragione Viv, forse anche la posizione favorevole era d’aiuto, alla visita di Santa Caterina da Siena avevo già accennato in un precedente post ma desideravo scrivere di lei da tantissimo tempo.
      Ho una predilezione per Canneto e per quella lastra che ricorda il suo passaggio nel mia città.
      Un bacione cara, grazie!

  1. Miss, una grande Santa in un caruggio stretto, anche se lungo… mi piace questa cosa… anni fa ero stato a visitare Siena e di riflesso, anche i suoi paraggi, cioè la Contrada dell’Oca e precisamente la Fontebranda, stupenda fonte in cotto, dove lei era solita attingere l’acqua, fonte a un centinaio di metri dalla sua casa natale, diventata un Santuario…

    • Sì, la lastra è posta abbastanza in alto, per questa ragione non è così semplice vederla.
      A Siena sono stata tantissimi anni fa, da ragazzina, ho vaghi ricordi ed è una di quelle città che mi piacerebbe rivedere, spero prima o poi di riuscirci.
      Grazie Sergio, buon pomeriggio a te!

  2. La lastra dopo l’insegna della macelleria… Sacro e profano. Che peccato che spesso questi “memoriali” siano poco visibili. Poi nei carruggi non c’è spazio per vederli bene

  3. Grazie! Un’altra storia incantevole. Proprio ieri ero in santa Maria di Castello, dove è conservato uno dei “proiettili” da catapulta usati dal Re Sole per il bombardamento di Genova.

  4. Pingback: Ottobre 1376: Santa Caterina da Siena a Varazze | Dear Miss Fletcher

  5. Nella basilica di San Siro, nella cappella dell’antica famiglia dei Centurione Scotto, vi sono anche le tombe dei Marchesi Giacomo Centurione Scotto e Vittorio Centurione Scotto, quest’ultimo eroico aviatore della Regia Aeronautica?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.