Giuseppina Grillo, la bambina che amava i fiori

Questa è la storia di una bambina e tutti voi dovreste conoscere certe cose di lei.
Giuseppina Grillo indossa una vestina leggera orlata di pizzi delicati, al collo porta una collanina con un Crocifisso, i suoi capelli setosi sono raccolti in boccoli ordinati.

giuseppina-grillo-1

E una trina sottile copre le sue ginocchia, i suoi stivaletti sono fermati da una nappina.

giuseppina-grillo-2

Ha un grande fiocco sulla schiena, vezzo delle bimbe del suo tempo.

giuseppina-grillo-3

Quante cose non sappiamo di lei, bimba perduta di un secolo fragile.
Forse Giuseppina a volte metteva il ditino nel barattolo dello zucchero?
E quando stava seduta dondolava le gambe avanti e indietro come spesso fanno i più piccini?
Amava le fiabe? E qual era la sua preferita?
Scriveva con una calligrafia compita e tondeggiante e magari nel suo libro di scuola teneva un fiorellino essiccato?
Quante cose non sappiamo di lei, di lei è rimasta l’immagine di eterna bambina, così la ritrasse lo scultore Giovanni Scanzi autore di molte mirabili opere situate al Cimitero Monumentale di Staglieno.

giuseppina-grillo-4

E di Giuseppina Grillo, appartenente ad una abbiente famiglia genovese, hanno lasciato memoria celebri autori che scrissero le epigrafi incise sulle sua tomba.
È lei stessa a parlare nelle parole lasciate da Aleardo Aleardi, Giuseppina consola gli affranti genitori.

giuseppina-grillo-4a

E racconta di lei Niccolò Tommaseo, tramandando ai posteri il ricordo del suo breve cammino terreno terminato nel 1874.

giuseppina-grillo-5
Così è giunto a noi un frammento dei dieci anni di questa bambina: con la mano tiene un lembo della sua gonna, ancora continua a raccogliere i fiori tanto amati.

giuseppina-grillo-6

Insieme a lei riposa una componente della sua famiglia, penso che sia la nonna citata nell’epigrafe di Aleardi.

giuseppina-grillo-7

Questa bambina sfortunata ebbe un destino comune ad altri piccoli vissuti in quella sua epoca nella quale non c’erano cure per certe malattie, il suo visetto dolce è così adombrato da un velo di tristezza.
Tutti i suoi giorni in uno sguardo, tutti i suoi pochi anni in un sospiro che si affievolisce lentamente.

giuseppina-grillo-8

Ricordatevi di lei e dei suoi petali profumati, dei suoi tratti immortalati da Scanzi.
Rammentate il suo nome e la sua storia, molto presto tornerò a scrivere della sua tenerezza perduta, la sua tragica vicenda ha un seguito che merita di essere raccontato.
Ritta nella sua grazia armoniosa, nel suo leggiadro candore, per sempre bambina.

giuseppina-grillo-9

Il suo nome è Giuseppina Grillo, lei è la bambina che amava i fiori.

giuseppina-grillo-10

23 pensieri su “Giuseppina Grillo, la bambina che amava i fiori

  1. Cara Miss, grazie per questo bellissimo articolo. Io credo che Giuseppina avrà di sicuro intinto il ditino nello zucchero e molto amato la natura attorno a lei.. Il suo ritratto è bellissimo e struggente. Staglieno non finisce mai di incantare. Bacio raf

    • Cara Raf, come sai a Staglieno sono purtroppo numerosi i monumenti alla fragilità dell’infanzia, di Giuseppina desideravo scrivere da tanto tempo e ancora leggerai di lei, doveva essere davvero una bambina bellissima.
      Un abbraccio a te, cara, grazie.

  2. Povera piccola Giuseppina. Che grazia ed eleganza le statue di Staglieno: non finiranno mai di colpirmi per la loro leggiadra finezza.
    Un abbraccio e buon inizio di settimana, cara Miss Fletcher
    Susanna

  3. Quanta tenerezza in questo monumento funebre…persino la retorica d’altri tempi è addolcita dallo sguardo garbato e dalle movenze aggraziate di questa bimba.
    Ma com’è che non ce l’avevi ancora mostrata? Staglieno non finisce di stupire! Bacioni😘

  4. Senza parole. La tua capacità di narrare è meravigliosa ed ogni volta mi fai commuovere.
    Dolce bimba dalla veste legata dal fiocco in vita.
    Dolce bimba che amava i fiori ed era sicuramente piena di sogni, là, sotto i suoi boccoli.
    Dolce bimba strappata troppo presto a questi sogni.
    Dolce miss, grazie per avercela restituita.
    Emanuela

  5. Pingback: Ada Carrena, tenero fiore gentile | Dear Miss Fletcher

  6. Pingback: Come son contenta! | Dear Miss Fletcher

      • ah ok…come ci si arriva al porticato superiore? ho visto la parte inferiore e di quella superiore non sono molto pratica, tra l’altro ho problemi con le strade in pendenza mi danno un pochino di vertigini. Ho visto però che c’è anche un bus interno…grazie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.