La grazia di una virtù

La trovate nel Porticato Inferiore a Ponente, in quella parte del Cimitero di Staglieno i monumenti sono oggetto di accurati restauri, la tutela di simili opere restituisce così al visitatore l’originaria bellezza di splendide statue forgiate da valenti scultori.

chiappella-de-katt-1

Lei è una figura di donna scaturita dal talento di Domenico Carli, fino a qualche tempo fa la sua candida leggiadria era adombrata da una patina scura.

chiappella-de-katt-1a

Sotto a questo marmo dormono il loro sonno eterno il dottor Giuseppe Chiappella e la sua consorte Virginia De Katt, entrambi se ne andarono nel 1877.

chiappella-de-katt-2

Il restauro del monumento si deve ancora alla generosità di Walter Arnold, lo scultore americano è un attento filantropo e ha davvero a cuore il patrimonio artistico del nostro Cimitero Monumentale.
In passato ho già avuto modo di parlarvi della sua associazione, AFIMS si occupa di raccogliere fondi per questi restauri che vengono poi donati alla città.
E così è stato anche per la fanciulla che custodisce il riposo dei coniugi Chiappella.

chiappella-de-katt-2a

Un gioco di luci e ombre evidenzia le pieghe del manto indossato da questa giovane donna dai tratti dolcemente regolari.

chiappella-de-katt-3

Il tessuto scivola sul suo corpo e cade fino a terra, in parte restano scoperti i piedi e i sandali di lei.

chiappella-de-katt-4

Una bellezza armoniosa e soave, una statua che sembra possedere il palpito della vita.

chiappella-de-katt-5

La giovane scolpita da Domenico Carli regge in una mano uno specchio e attorno al suo braccio è attorcigliato un serpente.
Non è una casualità, questi due simboli sono riconducibili all’allegoria della Prudenza che lei rappresenta: attraverso lo specchio ognuno conosce se stesso e ognuno dovrebbe essere cauto e prudente proprio come i serpenti, entrambe le allegorie si riferiscono a citazioni bibliche.

chiappella-de-katt-5a

La luce lambisce quella mano e quel gesto simbolico.

chiappella-de-katt-6

Nel silenzio del porticato un mistico chiarore accarezza l’incomparabile grazia di questa fanciulla nel suo ritrovato splendore.

chiappella-de-katt-7

31 pensieri su “La grazia di una virtù

  1. Se non avessi letto la tua spiegazione avrei pensato che specchio e serpente mettessero in guardia da vanagloria e superbia. Ps. La cura di Staglieno è davvero senza fine, tanto lavoro per cui occorrerebbero fondi immensi 😘

    • L’interpretazione dei simboli è sempre complessa e a suo modo affascinante, a un oggetto o ad un animale possono essere attribuiti anche significati diversi, ho un libro interamente dedicato a questo argomento ed è davvero interessante.
      Questa statua è meravigliosa, meritava tutte le cure che ha ricevuto e ora si mostra davvero in tutta la sua bellezza.
      Grazie Viv, un bacione!

  2. Ti sono grata per aver spiegato la simbologia dello specchio assieme al serpente. I dettagli sono assai importanti per capire l’insieme. Mi commuove il fatto che moglie e marito siano morti nello stesso anno, un po’ come continuare a “vivere” insieme anche dopo.

  3. Grazie Miss per il tuo post sul Cimitero di Staglieno. Un Grazie dal più profondo del cuore allo scultore Walter Arnold, che con il suo impegno, ha riportato alla loro antica bellezza diverse sculture.
    Saluti
    Piero

  4. I De Katt sono una famiglia nobile originaria delle Fiandre. Virginia era figlia di Cristoforo (rettore dell’istituto Brignole) e Anna Nicolay, anch’essi sepolti a Staglieno come tutto il resto della famiglia. Il marito, Giuseppe Chiapella, era medico chirurgo presso l’Albergo dei poveri. La famiglia è strettamente imparentata con i Cordero di Montezemolo.

    • Conosco bene, sono tutti cippi di valenti scultori e tombe a pavimento nel porticato inferiore, su questa importante famiglia sulla quale ho fatto diverse ricerche pubblicherò presto un articolo, questo specifico monumento a mio parere meritava un intero post.

      • Qualcosa si trova anche nelle gallerie superiori a fianco del Pantheon, vicino a Pierino Beccari

    • Amelia Chiappella, figlia di Giuseppe e di Virginia De Katt, sposò Umberto Cordero di Montezemolo.
      Melchiorre Chiappella (fratello di Amelia?) sposò invece Maria Cordero di Montezemolo (sorella di Umberto).

  5. Pingback: Le sorelle De Katt, ragazze di un altro tempo | Dear Miss Fletcher

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.