La primavera in Piazza Lavagna

Ritorno a scrivere di una piazza di Genova che già in passato avete veduto su queste pagine, è primavera e la stagione dei nuovi tepori sa rendere certi luoghi ancor più suggestivi.
Ne sono certa, se in tutte le piazzette dei caruggi ci fossero alberi curati e rigogliosi il nostro centro storico sarebbe ancora più affascinante.

Sbocciano i fiori in Piazza Lavagna, colorano le prospettive di aprile.

E la primavera sfiora le persiane chiuse.

Dondola dolcemente tra il chiaroscuro di questi vicoli.

Trionfa contro il cielo turchese di Genova.

E qui, in Piazza Lavagna, diviene una melodia di fiori in boccio, caruggi e panni stesi.

Rosa tenue e delicato di questa stagione.

E sfumature di vicoli, in questo tempo di aprile.

Chiara e fragile è certa bellezza, si lascia ammirare solo per breve tempo e per questo è ancor più rara e preziosa.

E sono romantici certi scorci di Piazza Lavagna, tra alberi in fiore e ombrelloni chiusi.

Linee e geometrie della città vecchia.

E c’è un gatto nero disegnato con pitture e pennelli.

Questa è la primavera in Piazza Lavagna: tendine scostate, tinte accese e garbate fioriture.

E un effimero candore di petali leggeri.

Nel tempo di aprile, nella dolcezza di una stagione nuova.

Annunci

17 pensieri su “La primavera in Piazza Lavagna

  1. Alberi e fiori nelle città dovrebbero essere obbligatori, soprattutto dove non c’è nemmeno il mare a far da contraltare… (e vai con la rima baciata!)
    Allietano l’animo e fanno dimenticare il cemento anche solo per qualche secondo. Bacioni!

  2. Miss, decisamente, una bella piazza, con i panni stesi intonati al colore dei fiori… e considerando il verde delle quasi 200 finestre, che tutto l’anno vi si affacciano, potrebbe dirsi che in piazza lavagna sia sempre primavera…

    • Proprio così, l’altro giorno passavo da quelle parti e così mi sono fermata a fare qualche foto, anni fa qui c’erano delle botteghe di robivecchi dove andavo sempre a curiosare, erano caratteristiche e perfette per questa piazzetta.
      Piazza Lavagna è rimasta comunque bella, un gioiellino secondo me.
      Buona giornata Sergio, grazie!

  3. Nei miei ricordi di bambino, Piazza Lavagna era ben più bella; non c’erano gli alberi. Al centro della piazza c’erano i trogoli coperti dove ancora qualche donna faceva il bucato. Sull’angolo di Vico Corrieri affittavano le carrette a mano per il trasporto merci e facevano bella mostra di se; di fronte , angolo Vico Lavagna, c’era la friggitoria da “Scià Ernesta”, lateralmente Tito il parrucchiere, vicino Matteo il carbonaio e un mare di bambini che giocavano, contornati da gatti randagi: un via vai continuo di persone che animavano la piazza. E ovviamente si parlava solo genovese.
    Piero

  4. Stupenda…. a me pîace proprio perchè questi alberi sono inusuali in una piazzetta genovese. Altra annotazione per il mio prossimo tour genovese.
    Thank you, miss. Buona serata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.