Una domenica al mare

Quando si avvicinava la stagione del sole e quando il vento finalmente si placava Geraldine iniziava a sognare.
Lentamente svanivano i rigori dell’inverno e lei sapeva che presto avrebbe sentito il fragore delle onde che si dissolvono sulla riva.
Il mare per lei era rinascita, speranza e vita, il mare era infinita libertà.
E avrebbe voluto trovarsi là da sola, avrebbe voluto camminare sulla battigia, raccogliere i sassi e le conchiglie, mettersi seduta sulla spiaggia e lasciar trascorrere il tempo immersa nei suoi sogni segreti.
L’ultima volta era andata là con tutta la sua famiglia, era stata una bella gita, in fondo.
C’erano suo padre e sua madre, la zia Sophie, suo fratello Antoine e Marie, la piccola di casa.
La sorella Adèle all’epoca era sposata da poco, ricordava di averla veduta allontanarsi dalla riva sorretta amorevolmente dal suo sposo, lui la stringeva a sé in un abbraccio tenero e protettivo.
Il cielo era turchese, l’acqua era fresca e frizzante.
Con una mano Geraldine teneva sollevato il lembo della sua gonna, con l’altra si teneva il cappello.
E con lo sguardo guardava lontano, verso l’orizzonte senza fine.
Il mare le accarezzava le caviglie, la brezza salata lambiva la sua pelle chiara, il sole potente la abbagliava.
Il mare, il suo mare.
Per lei era rinascita, speranza e vita, il mare era infinita libertà.

Cartolina spedita da Le Havre a Genova – Giugno 1924

15 pensieri su “Una domenica al mare

    • Vero? Ho scoperto che le cartoline francesi sono davvero belle e di particolare effetto, questa mi piace moltissimo.
      E i volti li puoi solo immaginare, giocando con la fantasia.
      Un bacione a te cara, grazie!

  1. Miss, racconto squisito di una fantastica domenica al mare! non precisamente “a mostrar le chiappe chiare”… ma del resto, pure i volti li possiamo solo immaginare…

  2. com’erano diversi i modi di rapportarsi al mare a quel tempo. Solo a vedere i costumi dell’epoca viene da sorridere pensando a come si va in giro ora. Eppure sono convinto che a quel tempo il mare, inteso come paesaggio marino, era meglio di oggi. (:-))
    Buon wek end.

  3. Complimenti! Seguo da tempo questo blog che mi ha permesso di conoscere angoli per me ignoti della Genova che tanto amo, ho una bellissima casa a Cogoleto pur vivendo e lavorando a Firenze.
    Francesca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.