La famiglia

Il taglio degli occhi, dicono sempre tutti che è proprio uguale a quello di nonna.
Le attitudini di alcuni di noi a volte stupefacenti.
Ad esempio, nessuno in famiglia aveva mai dimostrato le inclinazioni creative di lui e questa è stata in un certo senso una piacevole sorpresa.
La più tranquilla di casa, sempre lei.
Timida, silenziosa, anche da bambina durante i pranzi di famiglia parlava poco e se ne stava sulla sua sedia dondolando le gambe avanti e indietro.
I discorsi, gli aneddoti memorabili del nonno.
La foto di gruppo, passano gli anni e piano piano cambiano i protagonisti oppure quelli che prima erano bimbetti adesso sono irrimediabilmente adulti.
E c’è sempre un posto vuoto o magari anche più di uno, accade in ogni famiglia.
Dopo le molte portate poi i più giovani non vedono l’ora di schizzare via per incontrare i loro amici: succedeva ieri e succede ancora adesso, è sempre così.
E gli altri invece se ne andranno tutti insieme a fare una passeggiata, dopo certi elaborati manicaretti è proprio quello che ci vuole e anche questa è ormai una tradizione.
Ognuno con il suo passo, ognuno alla propria velocità e poi magari ci si ferma ad aspettare quelli che camminano più piano.
E poi si continua il percorso, tutti insieme.
Accade così, in una famiglia.

Celle Ligure

Annunci

17 pensieri su “La famiglia

  1. Uno sguardo un po’ malinconico che fa da contraltare all’allegria, talvolta faticosa, dei giorni di festa… per conto mio preferisco le giornate comuni e i pranzi un po’ più sottotono. Baci cara!

  2. Miss, i classici pranzi di Natale in compagnia del parentado non mi entusiasmano… mi fanno piuttosto sentire nostalgia dei Natali argentini estivi che passavamo, per lo più, con amici, quando addirittura non eravamo in ferie… ho una foto del Natale 1957 nel mio terrazzo, in cui sono addirittura in canottiera… evidentemente se Gesù fosse nato a Buenos Aires, il bue e l’asinello sarebbero stati di troppo…

  3. Eh,si! per noi sono i capelli ricci, la buona voce e il senso dell’umorismo, il nostro retaggio più prezioso. Poi il senso del cammino come vicinanza spirituale, più che come direzione comune. La famiglia è anche questo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.