Camminando in Piazza della Nunziata, ieri e oggi

E accade, un giorno, di ritrovarsi in Piazza della Nunziata.
A dire il vero tutto appare come sempre è stato e questa rimane la piazza attraversata tante volte per andare all’Università, la mia porta d’ingresso per i caruggi, un luogo che frequento abitualmente.
Non è tanto diversa in questo scorcio di passato però non ci sono macchine e si notano due solerti spazzini intenti a pulire la strada.

Addossata al muro della chiesa si vede una piccola costruzione, gli arredi urbani di certe epoche mi sembrano sempre scelti con buon gusto.
E come al solito ci sono i manifesti pubblicitari, si legge anche la scritta bagni che ho ritrovato anche in altre immagini.

E in questo piccolo slargo così comodo nei pressi della Nunziata in un altro periodo della storia di Genova trovò la sua giusta collocazione il chiosco di un liquorista.
In alto i bicchieri, rincuoriamoci con un buon bicchiere di vino corposo!
E si cammina, in un tempo che non è più.

Un vecchio si regge al suo bastone, i ragazzini se ne stanno ritti in piedi sui gradini della chiesa e una giovane fanciulla osserva un po’ intimidita, lei potrebbe chiamarsi Amalia e magari chissà, abita in uno di questi caruggi vicini alla Nunziata.
E ha tutta la vita da vivere e tutti i suoi sogni da realizzare, ancora.

Si chiacchiera, in questo scorcio di tempo del quale noi non possiamo sentire i suoni anche se ci sembra di indovinare le voci e le parole.
E alcuni osservano con attonito stupore il lavoro del fotografo.
Eccole lì le due sorelle, io penso che siano tali, la più piccola porta la mano alla bocca, l’altra sembra quasi sistemarsi i capelli.

Ancora, in una diversa cartolina, si nota di nuovo il chiosco del liquorista e intanto la vita scorre come sempre.

Appoggiato alla base della colonna della chiesa, sulla sinistra, pare esserci uno degli spazzini, anche lui merita una pausa dal suo duro lavoro.
Le gentildonne si dirigono in chiesa, un bianco destriero trotta verso Via Balbi.

Sembrerebbe tutto esattamente come adesso ma c’è un uomo con un carro, il suo cavallo segna il ritmo di un altro tempo.

Ed è la mia piazza, quella di sempre.
Via Balbi sempre a piedi, in un senso o nell’altro.
E il mio liceo proprio lì dietro, in Via Bellucci.
E le corse per prendere l’autobus o la funicolare, accade sempre così, alla Nunziata.

Più bella ancora se la osservi sotto il cielo blu, lo stesso che avrà sovrastato i genovesi di un altro tempo.

Allora però c’erano le carrozze in sosta davanti alla chiesa, c’era un ritmo forse più lento ma certo più faticoso, c’erano parole che non possiamo sentire e desideri forse simili ai nostri.

E c’era una moltitudine di gente che attraversava la Nunziata.
Ognuno con i suoi pensieri, ognuno con la propria vita: una casa a cui ritornare, una famiglia, un lavoro, le gioie e gli affanni.

E così accade, un giorno, di ritrovarsi in Piazza della Nunziata.
E allora ti guardi intorno e osservi le persone che di fretta attraversano la strada.
Ognuno è immerso nel proprio presente, ognuno segue il battito del proprio cuore.

Proprio come sempre è accaduto, in quel tempo del quale non possiamo sentire i suoni, in Piazza della Nunziata.

26 pensieri su “Camminando in Piazza della Nunziata, ieri e oggi

  1. buongiorno mia cara Miss; mi ha molto commosso questo post, mi accade sempre di “sentire” il passato nei dettagli, nelle tracce, spesso minime e minute, di quello che è stato. Molto bello e profondo, grazie e buona giornata

  2. Miss, bello questo tuo modo di iniziare il 2018 con uno scorcio di vita del 1901… il chiosco del Liquorista sembra un tempietto… fossi stato io il “fotografista”, uno scatto al chiosco glielo avrei fatto perchè pare molto grazioso…

  3. Che belle le vecchie cartoline e che belle le tue storie che nascono da certe immagini ingiallite… Sai che mi sono sempre chiesta, fin da piccola, chi fossero le persone che capitavano dentro una cartolina? E poi ho conosciuto una ragazza che una volta ci si è ritrovata! Che magia…

  4. Per me la Nunziata é un simbolo di libertà.Avevo 14 anni e iniziavo il ginnasio,uscivo dalla cerchia delle strade familiari da cui mi allontanavo solo accompagnata e cominciavo una vita più autonoma.La chiesa allora era quasi nera,come tutta Genova,del resto,ma dentro era piena di luce.il traffico allora era molto più caotico,non regolato da rotonde e semafori.la prima volta che rividi la chiesa dopo la ripulitura restai incantata a guardare la “mia piazza”per una buona mezz’ora,dandomi della stupida per non aver mai colto tanta bellezza prima d’allora

  5. Che bello ritrovare i luoghi cari nelle cartoline d’epoca. C’è sicuramente il senso del tempo che passa, ma anche della stabilità, di una presenza certa in quegli edifici che resistono al tempo, forte. Radici persino

  6. Da qualche anno all’ora di pranzo la larga scalinata dell’Annunziata e’ affollata di giovani che chiacchierano tra loro, navigano nel web mangiano il panino e si godono il sole; alcuni studiano forse nell’attesa del prossimo esame. Davanti ai loro occhi scorre inesorabile il traffico caotico.

    • Sì, mi è capitato di vederli questi studenti che stanno sulla scalinata.
      Il tempo passa, cara Marina, sui gradini della Nunziata ci sono nuove generazioni di genovesi e questo è piuttosto emozionante, so che lei mi capisce.
      Buona sera a te e grazie!

  7. davvero belli questi viaggi nel passato della nostra città, devo ancora andare a vedere la mostra a Palazzo Reale di cui avevi parlato nel tuo blog.
    Da oggi ho fatto una prova, ho trasferito l’ultimo post del mio blog sull’altra piattaforma anche su questa, così mi puoi leggere anche te che su “iobloggo” non entravi mai. L’altra piattaforma ultimamente è in crisi, non si riescono più a lasciare commenti, può essere che mi trasferisca solo qua. Per ora scrivo a reti unificate (:-)))

Rispondi a Raf Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.