I capricci di marzo

I capricci di marzo rendono le giornate imprevedibili, è un mese bizzoso questo e bisogna adeguarsi alle sue intemperanze e ai suoi entusiasmi da ragazzino.
È così marzo.
D’improvviso, una mattina ti fa trovare i primi boccioli rosa sui rami degli alberi, io li ho visti al Carmine, sotto a un cielo splendente.

E poi.
E poi il giorno dopo sono arrivate le nuvole.
Marzo però è anche generoso e regala luce che scivola sull’acqua trasformandola in magico specchio.

E a volte, poi, rimbalzano i raggi del sole sui muri dei caruggi e cadono giù, scivolano piano per le discese, accarezzano le finestre e le nostre mani desiderose di primavera.

E invece no, magari ritorna ancora a piovere ma poi di nuovo risplende il sereno e il cielo si riflette tra gli alberi e nella pioggia caduta in Spianata Castelletto.

Marzo poi porta anche nuova vita ed è sempre una gioia per me ospitare nuovi fiori qui sul terrazzo.

Sono così i capricci di marzo, non puoi sapere quando avrà smesso di farti i dispetti con il suo caratterino vivace.
E accade così prima del tramonto, quando l’azzurro del mare pare velarsi d’argento mentre l’orizzonte si tinge di pallido rosa.
È marzo che ci dona i suoi colori nelle sere di primavera.

20 pensieri su “I capricci di marzo

  1. È proprio vero, ogni mattina è una sorpresa e non si sa mai come sarà il tempo. Per ora qualche accenno di sole è arrivato ma le temperature sono ancora freddine… buona giornata! Bacioni!

  2. Miss, indipendentemente dal mese, il piovere non è che mi entusiasmi tanto, ma il potere che ha, poi, la pioggia di deporre il cielo ai nostri piedi e, in particolar modo le cupole, mi affascina… presto farò una capatina a Genova e spero che il giorno prima sia o abbia piovuto abbastanza da creare pozzanghere in grado di resistere fino al giorno dopo, per cui, dammi l’indirizzo esatto di quella che hai postato…

    • Oh, avviso la Superba del tuo prossimo arrivo!
      le due foto sono fatte in Piazza Dante e Spianata Castelletto, ma le pozzanghere come sai possono sorprenderti ovunque… per non parlare della mia pozzanghera di Fontanigorda!

  3. Stupende le immagini che hai saputo cogliere magistralmente. Bellissima la primavera, in tutta la sua precaria instabilità. Speriamo solo che il gelo non danneggi inevitabilmente le gemme che sono esplose anche qui. Ma sentissi, Miss Fletcher, come “pela” in questo momento, una sottile e tagliente tramontana!
    Un abbraccio Susanna

  4. Miss e’ vero…Non c’ e’ altra stagione cosi provvida di profumi, colori e contrasti come la primavera … Oggi ho avvertito i primi raggi di sole tiepido che fendevano l’ aria ancora gelida.. Sembrava un’ anteprima di quel che sara’ il tepore di un pomeriggio di primavera

  5. Anche le mie viole sono fiorite. Ero a Genova due giorni fa, arrivata col luvego, poi si è aperto il sole. Ma l’aria, mossa, leggera, è sempre così piacevole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.