Fino al cuore

C’era una scala di pietra, su un gradino una raffinatezza di porcellana forse un tempo destinata ad un angolo del salotto.
E c’erano i giochi di contrasti in alcune mollette quasi allineate tutte vicine, come i tasti silenziosi di un pianoforte immaginario, come una musica ancora da comporre e fatta di suoni colorati e vivaci.

E c’erano cestini di vimini con dentro fiori e pianticelle, una piccola edera tenace e gerani rossi.
È così la vita, sboccia davanti alle finestre, accanto a una scala impervia, è così la vita, si lascia accogliere dall’ombra confortatrice.

E c’era una corda ondeggiante alla quale erano appese tutte quelle mollette, erano messe a caso, ognuna in maniera diversa, idealmente erano come note sparpagliate che aspettavano soltanto di essere messe in fila su un pentagramma.
Così, in ordine sparso, in attesa di un accordo e di una melodia.
Dondolando, nell’aria d’estate, fino al cuore.

Annunci

16 pensieri su “Fino al cuore

  1. Miss… per sembrare, durante una pausa di lavoro, tasti di un piano forte immaginario e note che aspettano di essere messe in fila su un pentagramma, bisogna essere nate con la camicia, trattandosi di mollette, indossata e non appesa…

  2. Tanto surreale quanto poi reale, è bello girovagare con la mente, è bello fantasticare con le cose più semplici che abbiamo davanti e che spesso non notiamo neanche…..ma che a volte ci fanno viaggiare nella nostra fantasia……per chi fortunatamente la possiede ancora.
    Chapeau ……Miss.

  3. Il linguaggio espressivo delle mollette e’ da te interpretato in modo davvero convincente ed interessante…. Sai toccare le corde giuste….❤️

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.