Gozzi di città

Accade in questi giorni, per le strade di Genova.
Sventolano le bandiere nautiche contro il cielo della Superba, questi allestimenti sono il benvenuto ai visitatori del Salone Nautico che è una tradizione consolidata di questa città.
E i colori del mare si mescolano a quello che è il simbolo della fiera Repubblica Marinara, quella Croce di San Giorgio che sempre è issata sulla Torre Grimaldina.

E in Piazza Corvetto, ai piedi della monumento equestre a Vittorio Emanuele II, sono posti due semplici gozzi addobbati per l’occasione.

Piazza Corvetto (1)

A dire il vero, riflettendoci, queste non sono soltanto imbarcazioni che celebrano un evento di rilevanza internazionale nel mondo della nautica.
Questo, in qualche modo, rappresenta per me la parte migliore di noi.

Piazza Corvetto (2)

È difficile parlare di noi, a volte.
E a volte per noi parlano le azioni, quello che sappiamo mostrare delle nostre vite e del nostro modo di stare tra gli altri.
Un gozzo, per un ligure, è simbolo di lavoro e di caparbia, è un legame con la nostra terra aspra e con la sua storia.
È la parte migliore di noi, quella che non si arrende mai.

Piazza Corvetto (3)

E così, se girerete per la città, troverete queste testimonianze che narrano di noi e di come siamo.
Rudi, di poche parole, a volte scontrosi.
Veri, sempre.

Piazza Corvetto (4)

E ancora sventolano quei colori che raccontano storie di mare in Salita Santa Caterina.

Salita Santa Caterina (1)

Salita Santa Caterina (2)

E trionfano nella magnificenza ottocentesca di Via Roma.

Via Roma (2)

Tinte sgargianti, profumo di onde e di viaggi, superbe immaginazioni anche in Galleria Mazzini.

Galleria Mazzini (1)

E qui, complice l’assenza di vento, si possono ammirare magnifiche prospettive.

Galleria Mazzini (2)

Anche questa è la parte migliore di noi, rappresenta il nostro saper riconoscere chi siamo e a quale mondo apparteniamo senza mai perdere di vista i nuovi orizzonti.
Questo fa la gente di mare, parte alla ventura e poi ritorna alla propria riva.

Galleria Mazzini (3)

Tavoli all’aperto, sedie colorate e bandiere.

Galleria Mazzini (4)

E ancora, in Piazza De Ferrari, un altro gozzo.

Piazza De Ferrari (1)

Se passerete lì nel tardo pomeriggio vedrete la luce della sera che lo accarezza.

Piazza De Ferrari (2)

E davanti al Ducale è ferma un’altra piccola barchetta capace di sfidare onde agitate e venti contrari.

Piazza Matteotti (1)

Appartiene ad una terra di gente fiera e indomita.

Piazza Matteotti (2)

E quella, credetemi, è davvero la parte migliore di noi.

Piazza Matteotti (3)

Annunci

26 pensieri su “Gozzi di città

  1. Più che mai quest’anno tornerò a Genova per il Salone che, come giustamente ricordi, è anche il simbolo della forza e della fierezza della gente di mare e di questa regione. Un anno che è stato e sarà ancora difficile… ma questa gente, operosa e caparbia saprà superarlo se ognuno di noi darà il suo piccolo contributo anche solo con una visita! Per questo non mancherò…

  2. Miss, trovo molto giusta questa tua riflessione sui gozzi… e le bandierine nautiche per le strade mettono davvero allegria, per cui, si potrebbe pure dire che in questi giorni a Zena si “gozzoviglia”…

  3. Già altre volte ho lodato la sua capacità di esprimere con le parole più appropriate il nostro sentire di genovesi. Oggi si è superata, mi unisco agli altri commenti “emozione” “commozione”.
    E’ proprio così, siamo come quel nome gozzo (suona quasi come rozzo) di queste mitiche imbarcazioni, e siamo così come quel nome un po chiusi, un po burberi . ma dentro chi ha il piacere di scoprirci siamo come solo lei sa descriverci. Grazie.

  4. … E’ vero ! … Genova non può prescindere dal mare … Ne ha influenzato lo sviluppo urbanistico, l’ architettura delle case, le attività economiche, la cultura e il carattere delle sue genti….. gozzi e lampare sono la testimonianza della sua maniera piu’ semplice di vivere il mare come risorsa quotidiana …

  5. Il Salone Nautico.
    Mio papà ha lavorato per anni al suo allestimento e nella darsena della Fiera per mettere in mare le imbarcazioni dei clienti del rimessaggio della ditta
    Per trascorrere la domenica “insieme”a lui in primavera/estate anche io con mia mamma e mia sorella andavamo con lui al lavoro.
    Bellissima l’idea dei Gozzi .
    Ciao.

Rispondi a Pendolante Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.