Attraversando Vico delle Fiascaie

Vi porto ancora con me, in un semplice vicoletto dove troverete inattese testimonianze di tempi antichi e lontani dai nostri.

Scendiamo verso Vico delle Fiascaie imboccando Salita del Fondaco e seguendo la luce e l’azzurro.

Salita del Fondaco (1)

Dopo pochi passi ecco il nostro vicoletto che conduce alla più nota Salita di Matteo.

Salita del Fondaco (2)

La quotidianità del passato della Superba è sempre narrata sui muri della città e così è anche nel caso del Vico delle Fiascaie.
Come sempre cito il mio amato Amedeo Pescio che ci ricorda che le fiascaie nell’antico dialetto genovese erano proprio le osterie e non a caso questo vicolo è proprio una traversa di Salita del Fondaco, i fondaci erano un tempo depositi e spacci di vino.

Vico delle Fiascaie (1)

E come sempre accade mi è venuta la curiosità di sapere quali botteghe c’erano qui negli anni passati e così consultando la mia Guida Pagano del 1926 ho scoperto che in quel periodo qui non c’era alcun osteria ma in compenso c’erano un negozio di giocattoli, un parrucchiere e una libreria.
Ah, la libreria del signor Milanta, se ci fosse ancora andrei là a sbirciare tra volumi e volumetti, come sapete è uno dei miei passatempi preferiti.
E là, in Vico delle Fiascaie si conserva un’antica preziosità che merita attenzione ed è questo splendido portale.

Vico delle Fiascaie (2)

La pietra vetusta ha subito le ingiurie del tempo, molti secoli fa una mano sapiente scolpì parole a stento ora leggibili, stemmi non più visibili e un simbolo al centro che si staglia con evidenza.
Le tre lettere, IHS, rappresentano il trigramma di Cristo.

Vico delle Fiascaie (3)

Ed è così, sempre: nei vicoletti che possono sembrare insignificanti si celano autentiche meraviglie mai abbastanza valorizzate.
E la luce cade, illumina la vicina discesa che porta alla chiesa di San Matteo, c’è sempre un modo di guardare nuovo e differente.

Vico delle Fiascaie (4)

Un cordone di proporzioni perfette racchiude il lavoro di un valente artigiano ormai sconosciuto, la sua opera ancora resiste nelle città dove anche costui visse, camminò e respirò.
E così l’ho immaginato, nel tempo di questo suo minuzioso lavoro.
Ebbe sufficiente ricompensa? Fu elogiato come meritava? Lo ringrazio, adesso, da un altro tempo, lo ringrazio per averci lasciato la sua parte di bellezza.

Vico delle Fiascaie (5)

In un caruggio che forse distrattamente trascuriamo.

Vico delle Fiascaie (6)

In Vico delle Fiascaie, sotto il cielo turchese di Genova la Superba.

Vico delle Fiascaie(7)

14 pensieri su “Attraversando Vico delle Fiascaie

  1. Ancora una volta è riuscita a coinvolgerci, grazie alla sua immaginazione sembra proprio di esser li a vedere quel sconosciuto artigiano che con maestria scolpisce il marmo. Diamogli merito oggi, chissà,se come giustamente fa osservare lei, gli fu dato a suo tempo in modo dovuto. Genova è uno scrigno e a differenza di altre città d’arte, da proprio a chi la sa “esplorare” la gioia continua della scoperta di questi tesori nei posti più impensati. Buona giornata Miss.

  2. Eh Miss, le porte delle case di Genova sono spesso dei veri capolavori artistici. E che prospettive! Grazie. Vedo che il ponte non lo fotografi, e sono con te

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.