Il presepe napoletano delle Suore Brignoline

L’antica tradizione del Presepe ancora vive nelle chiese e nei luoghi di preghiera e questo è il magnifico presepe allestito tra le mura della Casa Madre delle Suore di Nostra Signora del Rifugio in Monte Calvario.
Le suore dell’Ordine di Santa Virginia Centurione Bracelli, dette anche Brignoline, custodiscono nel loro convento questo presepe un tempo attribuito al Maragliano e alla sua scuola e in seguito riconosciuto invece come opera di Nicola Fumo, artista napoletano vissuto tra la fine del ‘600 e gli inizi del ‘700.
Queste statue lignee un tempo appartennero al nobile Gio Francesco II Brignole Sale, era lui a volere che questo presepe fosse allestito a Palazzo Rosso.

Vive la consueta vita di ogni giorno la comunità che accoglie la nascita del Redentore sotto la luce calda della nostra Lanterna.

Presepe (2)

E si cammina verso il luogo dove Egli è venuto al mondo.

Presepe (3)

Recando doni per la Sua nascita.

Presepe (4)

Con una cesta colma di frutti e con la speranza negli occhi.

Presepe (5)

In devota preghiera.

Presepe (6)

Seguendo un lungo cammino e un sentiero.

Presepe (7)

E poi scende piano la notte e una falce di luna rischiara questo cielo.

Presepe (8)

E si accende le luce che illumina una piccola edicola davanti alla quale ci si raccoglie in preghiera, questo dettaglio ricorda certi angoli dei caruggi un tempo frequentati anche da Santa Virginia Centurione Bracelli.

Presepe (8a)

E taluni indossano abiti ricchi, di tessuti preziosi e finemente decorati.

Presepe (9)

È un presepe da ammirare nei dettagli per la moltitudine di minuziosi particolari che sono parte della sua bellezza.

Presepe (10)

E l’attesa e il desiderio dell’incontro con il piccolo Gesù sono composti di fremente amore, di aspettativa e di autentico stupore che si colgono nelle espressioni di questi fedeli che si avvicinano alla capanna della Sacra Famiglia.

Presepe (11)

Uno accanto all’altro, vicini, in un cammino condiviso.

Presepe (12)

Avvicinandosi piano, con il cuore colmo di gratitudine.

Presepe (13)

E con la meraviglia negli occhi, nel giorno in cui si accoglie nel mondo il Figlio di Dio.

Presepe (15)

Il Presepe delle Suore Brignoline è visitabile fino al 2 Febbraio dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 19.00 nella Casa Madre sita in Viale Virginia Centurione Bracelli 13 nel quartiere di Marassi.
Là, nella quiete e nella pace del convento, una luce radiosa illumina la capanna dove nasce il piccolo Gesù.

Presepe (16)

Annunci

19 pensieri su “Il presepe napoletano delle Suore Brignoline

  1. Buongiorno cara Miss! Che meraviglia questo presepe! Le statuine sono bellissime, i visi, le espressioni, le pose, i vestiti.. Anche l’allestimento, così genovese, è una bellezza! Mi incanto di fronte ai presepi, cercherò di andarlo a vedere. Grazie, baci, Raffa

  2. Andar per presepi…. Ne visitammo tutti molti con i piccoli … adoravano quelli meccanizzati con accensione, dove si accendono e chiudono le fioche luci nelle case, gli artigiani sono all’opera nelle botteghe, le massaie impastano nelle piccole case, i ruscelli scorrono dalle montagne in lontananza, e dai pozzi qualcuno attinge l’ acqua con un secchio… Poi scende la notte e tutto si quieta nel silenzio…solo la piccola stalla della nativita’ resta in evidenza, protagonista assoluta della scena … Grazie Miss per questo suggerimento di visita che aggiunge valore artistico alla tradizione religiosa…

  3. Sono tutti vestiti così elegantemente che credo di aver visto ben più di tre Re Magi 😉 domani del resto è il loro giorno poi inizia la grande fatica dello smantellamento degli addobbi 😘 buona giornata cara!

  4. Oh davvero pregevole questo presepe, così ricco di dettagli accurati.
    Ma è innegabile che ogni presepe abbia il suo fascino: che sia cosi, come questo o anche di cartapesta!
    Buona Epifania, Miss Fletcher
    Susanna

  5. Che meraviglia!Io oggi ho visitato il presepe”do bronzin” di Lavagna: ogni personaggio ha nome e cognome,alcuni sono abitanti conosciuti di Lavagna, altri sono illustri genovesi. Ambientato nel caruggio di Lavagna ha come escamotage temporale l’omaggio a un piccolo presepe
    Oltre a papa Francesco si riconoscono de Andrè, Lauzi, Govi, Volonghi, Gassman, Crozza, Fossati e tanti altri. Come attualizzare ai nostri giorni il messaggio del Presepe

  6. Bellissimo questo presepe all’ombra della lanterna, popolato da gran signori riccamente vestiti.
    Si notano case a strisce bianche e nere, caratteristiche della nostra città. Ci sarebbero tante magnifiche cose da vedere, oggi abbiamo già faticato andando una seconda volta ai musei Vaticani e alla Cappella Sistina. Uno spettacolo sul quale lei potrebbe scrivere volumi.Pero’ non si può fotografare nulla.. Buon anno Nicla

      • Cara Miss del presepe che di solito ci incanta la grotta in quanto vi giace il Signore, quest’anno mi ha fatto fare una meditazione insolita,che tu hai centrato nella stesura del post. La vita quotidiana inesorabilmente tenta di nasconderci le cose importanti dello spirito. Grazie delle belle foto e grazie a nome di chi non ti conosce ancora.

Rispondi a SUSANNA Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.