Il Palazzo dei Pagliacci

Non mancano mai, a Genova, le ragioni per stupirsi, i suoi quartieri celano infatti autentici gioielli testimoni di architetture del passato.
A Sampierdarena vi invito ad andare a cercare il civico numero 55 di Corso Martinetti, è un edificio che si distingue da tutti quelli che lo circondano ed è davvero meritevole di menzione.
Si tratta del Palazzo dei Pagliacci del quale, purtroppo, non è noto il nome del progettista, la costruzione sembra comunque risalire al 1905.

Su questo edificio ho trovato alcune notizie in due pregevoli pubblicazioni della Fondazione Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Banca Carige: il primo volume è “Il Mito del Moderno – La Cultura Liberty in Liguria” nella parte scritta da Pietro Millefiore, il secondo libro è invece “Genova e l’Europa Continentale – Opere, artisti, committenti e collezionisti” dove trovate un testo scritto da Caterina Olcese Spingardi.
Così si svela il Palazzo dei Pagliacci, una mirabile eccezione tra le architetture liguri e genovesi, si tratta infatti di un edificio in stile secessionista e chi lo progettò pare essersi ispirato alle architetture viennesi della scuola di Otto Wagner.

Così il portone è arricchito di raffinate decorazioni con motivi floreali.

E ancora petali, intrecci, foglie e simmetrie.

E ancora fiori e armoniose verticalità.

Riguardo al nome decisamente insolito attribuito all’edificio sembra che si riferisca a qualche decorazione ormai perduta ma i pregiati testi da me consultati non forniscono alcuna spiegazione in merito.
Motivi verticali e curvilinei si alternano e compongono uno stile unico e davvero particolare non soltanto nell’ambito genovese.

Non mancano mai, a Genova, le ragioni per meravigliarsi: se passate a Sampierdarena alzate lo sguardo e ammirate anche voi il Palazzo dei Pagliacci.

16 pensieri su “Il Palazzo dei Pagliacci

  1. meraviglioso esempio di modernismo, ne avevo letto tempo fa durante una mia ricerca sulle costruzioni liberty italiane maggiormente rappresentative. Ha un bel colpo d’occhio ed evidentemente al tempo della sua realizzazione era più ricco ( si parla appunto della figura di un clown disegnata sulla facciata col tempo sparita) , poi il successivo sviluppo costruttivo del dopoguerra ne ha soffocato parzalmente la bellezza

  2. Ma pensa non sapevo nulla dell’ esistenza di questo particolare palazzo !!!!!
    Pero’ mi fa pensare a qualche assonanza con avilla Grock in quel di Imperia che visitai qualche anno fa ….

  3. E’ veramente simpatico, le sue rifiniture fanno pensare allegria, e se non erro anche un po’ di stile liberty. Il portone vivace quasi a bombè, ma chissà dentro!!
    Grazie Dear Miss Fletcher, dal tuo scrigno Genovese tiri fuori proprio il meglio.

  4. Carissima Miss Fletcher, succedi sempre a stupirci, scoprendo e poi mostrandoci dei dettagli particolari e bellissimi della tua Genova tanto amata. Ti mando un bacio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.