Farfalle e lavanda

Questa è una piccola storia delicata come un volo di farfalle e ha il profumo fresco della lavanda che cresce generosa in un giardino di Fontanigorda.

Piccoli fiori gentili ondeggiano contro il cielo blu e di fronte a case dai muri di pietra.

Tra rose, sentieri e monti.

Lavanda (3)

Qui indugiano volentieri certe bianche farfalle che si dondolano pigre al sole d’estate.

Lavanda (4)

Tra dolci fragranze e colori della terra.

Lavanda (5)

Si posano proprio lassù certe avventurose piccole creature.

Lavanda (6)

E condividono i fiori odorosi con le api e con altri insetti ronzanti.

Lavanda (7)

In certi giorni attorno a quella lavanda svolazzano gioiose tantissime di queste farfalle.

Lavanda (8)

E questa è una delle bellezze dell’estate in Val Trebbia: cielo terso, tetti di tegole rosse e fiori dai colori intensi.

Lavanda (9)

Mentre danzano leggere le piccole regine dei prati, nel tempo dolce dei giorni d’estate.

Lavanda (10)

Annunci

La bellezza del codirosso

E torno ancora a mostrarvi le bellezze locali, coloro che svolazzano avanti e indietro e se la spassano tra prati e boschi della Val Trebbia.
Ed ecco qua un piccoletto di codirosso, questi uccellini sono delle vere meraviglie, come si intuisce dal loro nome hanno la codina rossa e quando volano la dimenano con una certa vivacità.

Il piccino che ho incontrato giorni fa era pure abbastanza spavaldo, non sembrava proprio intimorito dalla mia vicinanza.
Certi sono tipetti così, piccoli ma tosti.

Sempre in cerca di nuovi orizzonti.

Con cautela, ma con la curiosità che accompagna sempre i primi passi nella vita.

Qui intorno, vicino ai boschi e negli orti, è facile incontrare tipetti come questo.
Un piccolo e fiero codirosso, con tutta la sua perfetta bellezza.

Luglio 1917: una cartolina dal Bosco delle Fate

Era stato un viaggio lungo e a suo modo tumultuoso, la signorina Laura non vedeva l’ora di giungere a destinazione e lungo il percorso più di una volta si sorprese ad ammirare il panorama che le scorreva davanti agli occhi.
I prati, gli alberi fitti, la natura ricca e generosa.
E così quando prese posto nella sua camera d’albergo in quel di Fontanigorda si ritenne più che soddisfatta della sua scelta: il tempo della villeggiatura era iniziato, ora finalmente poteva godersi le passeggiate all’ombra dei castagni e le molte dolcezze dell’estate.

Dopo breve tempo acquistò anche una cartolina da spedire a Mary che in quel mese di luglio si trovava ancora a Genova tormentata dalla calura cittadina.
Forse Laura avrebbe voluto condividere con lei quelle passeggiate ritempranti al fresco e la meraviglia dei monti che circondano il piccolo paesino.

E così inviò una cartolina nel quale si vedeva di un luogo amato: l’incantevole Bosco delle fate meta dei suoi pomeriggi estivi.
La cartolina partì il 15 Luglio 1917 e dopo breve giunse tra le mani di Mary, chissà se a lei venne il desiderio di trascorrere qualche giorno in Val Trebbia, queste sono le parole che le scrisse la cara Laura:

“È un soggiorno davvero bello questo e se non fosse per il viaggio un po’ disagevole e l’albergo mancante del comfort al quale tu eri abituata ti direi di venire a passarvi qualche settimana.
La compagnia è simpatica e il vitto è buono e dei nostri alberghi montanini è il più pulito di quanti ne vidi.”

Frammenti di estati passate riemergono così nel nostro presente, la nostra villeggiante narra poi delle sue due brevi passeggiate giornaliere e dice che si gode l’ombra degli amorosi castagni.

Lo facciamo ancora adesso, oltre cento anni dopo.
Le rocce, il sentiero, la curva gentile.
Non c’è più la capanna, adesso ci sono gli scivoli, le altalene e i giochi per i bambini.
Ancora ci sono i castagni, fieri testimoni del tempo lontano e del dolce soggiorno di Laura che qui trascorse l’estate del 1917.

Due casette molto speciali

Le due casette prefabbricate di Fontanigorda si trovano un po’ fuori dal paese, lungo la strada che porta a Casanova.
Negli anni ’70, noi bambini eravamo sempre in giro e spesso facevamo le nostre scorribande in bicicletta verso il mulino così chiaramente passavamo davanti alle casette che allora per me avevano un fascino tutto speciale.
Ora, devo dire che non ho mai conosciuto i nomi dei proprietari di queste abitazioni sulle quali ho a lungo fantasticato da bambina, all’epoca in proposito io avevo le idee molto chiare.
Quelle erano casette straordinarie, ne ero certa: le case erano prefabbricate e questo dettaglio le rendeva ai miei occhi assolutamente sensazionali.
Non si trattava di case costruite in solida pietra o con le travi di legno: queste erano case moderne e solo per un caso fortuito si trovavano in Val Trebbia, avrebbero potuto essere in qualunque altro luogo.
Capite?
E insomma, a mio insindacabile parere casette simili avrebbero potuto essere collocate in California o nel New Jersey, tanto per dire.
Erano talmente innovative da essere uniche, in un certo senso.
E si trovavano in quel punto, dove la strada si snoda sinuosa come una musica.

Le casette prefabbricate hanno intorno boschi e prati e da un lato c’è l’orto, mi ricordo che in altri anni una delle due aveva un colore verde salvia.
E per l’appunto, essendo case speciali, chiaramente io pensavo che fossero abitate da persone altrettanto particolari.
Ad esempio, una tipica famiglia americana con una schiera di figli biondi e bellissimi, tipo la famiglia Bradford.
Ora, chiaramente la logica dovrebbe aiutare a trarre certe conclusioni.
Come mai questi delle casette non si vedevano mai in paese?
Perché nessuno di loro veniva mai a far la spesa?
E per quale motivo tutti i loro bambini biondi non venivano mai a giocare con noi?
Non si vedevano neanche nei giorni di mercato, quando si andava a comprare le bolle di sapone!
La fantasia e la logica non vanno tanto d’accordo, quindi io non mi sono nemmeno mai posta tutte queste domande senza costrutto.
Ero certissima che in quelle casette ci fosse la cucina con l’isola centrale e tutti gli elettrodomestici del caso, proprio come nei telefilm.
Poi c’era la scala, altro dettaglio non trascurabile, nelle camere dei bambini c’erano i letti a castello.
E si faceva colazione con enormi tazze di latte, ovviamente.
E c’era un salotto con un tavolino al centro, il caminetto e la televisione.
Erano gli anni ’70 e io passavo in bici con le mie amiche davanti alle casette prefabbricate di Fontanigorda.
E c’era questo mondo fantastico e favoloso ed era proprio là, dove la strada si snoda con quelle curve meravigliose.

Quelli del piano di sopra

Quelli del piano di sopra sono arrivati in Val Trebbia prima di me, quando qui abbiamo aperto casa loro c’erano già.
E c’è da dire che nel sistemare la loro accogliente dimora hanno fatto cadere sul mio davanzale i loro particolari materiali da costruzione, chiamiamoli così.
Io però li ho perdonati, d’altra parte son vicini piuttosto speciali, mi comprenderete.

Quelli del piano di sopra non stanno mai fermi, anzi da loro è un continuo e ininterrotto andirivieni, non so proprio dove se ne vadano tutto il giorno comunque pare che abbiano abbastanza da fare!

Poi a volte sembra che non ci sia nessuno in casa ma in realtà se guardi bene c’è sempre un piccoletto di vedetta.

E a dirla proprio tutta questi miei vicini sono anche fin troppo mattinieri, stanno esattamente sopra la mia camera e di mattina molto presto iniziano a ciarlare e a chiacchierare, a discutere e a cinguettare e non la smettono più!
Tutti insieme, direi!
Ora, io delle volte vorrei anche un po’ dormire ma quelli del piano di sopra se ne infischiano!
Se ne stanno lì a cianciare e a far progetti per la giornata.

E d’altra parte qua intorno ci sono alberi ricchi di foglie, fili sui quali posarsi e tanta incredibile bellezza.
E ci sono anche loro, i miei magnifici vicini di casa, preziosi figli del cielo azzurro d’estate.

Diverse sfumature di rosso

La briosa estate di Fontanigorda regala a noi la bellezza dei suoi vividi colori e in questo tempo di sole brilla lucente il rosso smagliante.
È nei petali dei gerani che si nutrono di acqua fresca e di aria pulita.

Ed è rosso di rose che si arrampicano gagliarde su antichi muri.

E di amarene che dondolano allegramente sui rami.

Ondeggiano di rosso intenso nei prati chiari i fragili papaveri.

E i frutti del ribes maturano tra le foglie.

E poi montagne, alberi, fili da stendere e cuscini al vento.

E fragole dolci, dono del bosco generoso.

A Fontanigorda, poi, non può mancare una particolare sfumatura di rosso e di felina bellezza che qui è davvero di casa.

E poi un vasetto e certi piccoli fiori davanti alla finestra.

E un ombrellone aperto a regalare ombra confortatrice nel tempo d’estate.

Brillanti, accese e vivaci, così sono le diverse sfumature di rosso di Fontanigorda.

Rose gialle di Fontanigorda

Sono arrivata a Fontanigorda e tutto attorno, in ogni luogo, è un’esplosione di colori vivaci d’estate.
E sono gialle come il sole certe rose profumate che sbocciano gentili nel centro del paese.

Rose dolci e bellissime, le apprezzano anche certe ronzanti creature che si posano sui petali.

Fiori protesi e colmi di luce.

Boccioli pronti a schiudersi sotto al cielo blu della Val Trebbia.

E la panchina, le persiane chiuse, il cespuglio grandioso carico di fiori.

Le montagne, il silenzio, la pura bellezza della semplicità e se non sai vederla forse nessuno può raccontartela.

I petali adagiati sulle pietre.
Leggeri così, profumati di vita e di splendore.

E ancora fiori, fili da stendere e cielo limpido.

E rose, rose gialle e splendenti di Fontanigorda.

Gli agrumi della mia infanzia

Nel tempo dei profumi fragranti degli agrumi mi sono venuti in mente certi frutti della mia infanzia e forse non riuscirò nemmeno ad enumerarli tutti, in questo nostalgico viaggio a ritroso credo che i ricordi scaturiranno in ordine sparso.
Arance amare nelle aiuole del corso che attraversa il paese sulla riviera di ponente dove era la casa della mia famiglia.
Un marciapiede di piastrelle rosse e alberi a non finire, io mi sono sempre chiesta per quale ragione non fosse permesso andare con il cestino a raccogliere tutte quei frutti invitanti.
Limone e arancia, ancora in estate, erano i gusti delle granite e dei ghiaccioli gustati sulla spiaggia, sotto l’ombrellone.
E poi ancora agrumi, quelli delle deliziose caramelle frizzanti che hanno accompagnato la nostra infanzia, le ricordate?
Io le mangio ancora adesso, da piccola avevo una predilezione per quelle all’arancia, quindi prima mangiavo tutte quelle lì e poi passavo a quelle rifasciate nella carta gialla, il mio era un procedimento scientifico, per così dire, seguito con metodo e disciplina.
Tra le altre cose, ora che ci penso, da bambina mi piaceva anche un sacco fare merenda con fettine di limone spolverate di zucchero, oltre a piacermi il sapore devo dire che mi sembrava anche una cosa da grandi e per me era ancor più fantastico succhiare la fettina senza metterci nulla sopra!

E a proposito di agrumi non posso certo trascurare i ricordi legati alla zia.
Come ho già avuto modo di raccontarvi in passato, la zia era un’appassionata insegnante di inglese e ogni anno accompagnava i suoi alunni in Inghilterra per le vacanze studio, da quei viaggi tornava sempre con qualche regalo.
A volte tra i suoi doni c’erano vasetti con certe delizie e devo dire che da piccola mi pareva molto insolito che si facessero le marmellate di agrumi e non parliamo poi di quella stranezza che era il lemon curd.
La zia era la sorella di mio papà, entrambi erano dei gran cuochi ed entrambi si dilettavano a fare per l’appunto le marmellate.
Quelle erano cerimonie lunghe e laboriose, era tutto un via vai di pentoloni, coperchi, conche piene di chili di frutta, mestoli di legno, vasetti da sterilizzare ed etichette da scrivere con la dovuta cura.
E poi, un giorno ecco l’assoluta novità prodotta dalle mani d’oro della zia: la marmellata di kumquat.
Sapete, all’epoca il piccolo frutto succoso era per me una bontà sconosciuta, non lo avevo mai sentito nominare.
Ed è anche questo il bello dell’essere bambini, hai sempre qualcosa di nuovo da scoprire come i kumquat o magari il pompelmo rosa che solo per il fatto di essere di quel colore mi piaceva molto di più dell’altro!
E poi, altri ancora sono gli agrumi della mia infanzia.
Ad esempio, quelli che erano in una villa al mare, a Moneglia, si trattava della casa delle vacanze di amici dei miei genitori.
Ecco, io di quel posto non mi ricordo proprio nulla ma ho stampata nella mente l’immagine della scalinata di mattoni rossi e un grande albero di limoni, chissà perché non l’ho mai dimenticato.
È rimasto in un angolo della mia memoria, tra quegli agrumi della mia infanzia.

Le facce dei marinai

Ci sono immagini che racchiudono un tempo definito delle nostra vita e quella frazione di giovinezza resta in qualche modo scolpita nella memoria.
Certe fotografie fissano sensazioni, gioie, felicità, sbalzi del cuore, risate mai dimenticate, momenti condivisi e fratellanza vera.
Tra marinai, quando non sai ancora dove ti porterà il vento, quando ignori tra quali tempeste andrai a finire insieme ai tuoi compagni.
Tu però sorridi con l’audacia propria della tua giovane età.
A braccia scoperte, con i muscoli a vista e il sole negli occhi, accanto ad un compagno, un collega e un fratello.

Dura fatica quella dei marinai, resa più lieve da quel senso di appartenenza difficile da spiegare.
E poi in ogni comunità ci sono sempre coloro che in qualche modo si distinguono, magari per il carattere o per la loro inconsueta capacità di coinvolgere gli altri facendo così svanire ogni malinconia.
Con un gesto scherzoso, con una risata aperta e fragorosa.

E il tuo lavoro ti sembra persino meno duro se lo affronti con questo spirito.
Insieme, vicini.
Mentre il sole scurisce le facce dei marinai e regala una ruga in più, passeranno gli anni e poi sarà persino bello saper rammentare quella fatica.

Ridere, lavorare, mai lamentarsi e mai perdersi d’animo, aiutarsi.
Esserci l’uno per l’altro, su una nave si è come in famiglia, si è tutti fratelli.
Poi scorreranno le stagioni e alla mente ti ritornerà quel momento preciso: la battuta di spirito, la leggerezza di saper affrontare ogni giorno nella maniera giusta.

Un battito, un’emozione, un tempo che ritorna.
E una testarda gioia di vivere per sempre impressa sulle facce di questi marinai.

Passeggiando a levante

Aspetto soltanto una di quelle giornate di tepori primaverili e cielo blu.
E poi.
E poi prenderò il mio zainetto celeste, gli occhiali da sole e me ne andrò verso levante, a camminare senza alcuna meta.
A me piace gironzolare senza andare da nessuna parte e in certe stagioni queste passeggiate iniziano così, davanti al mare di Nervi.

E poi lungo strade infinite, su e giù, passando davanti a villette e casette accoglienti, a volte un cancello si apre e si svelano giardini, altalene, gatti sonnecchianti e vasi di fiori circondati da insetti ronzanti.

E alberi carichi di limoni succosi, zone ombrose, foglie che si arrampicano.
La vita, semplicemente.

E a volte, tra case alte, il mare.

Aspetto soltanto il sole brillante, il clima dolce e gentile.
E poi, andando ancor più verso levante, verso Bogliasco, potrei vedere una grata, tetti lucenti e tutto questo verde palpitante e così vivo.

E poi non ho fatto programmi, mi piacerebbe soltanto camminare fino a quando ne avrò voglia, intanto come vi ho detto non devo andare da nessuna parte, vorrei solo esserci quando la natura si risveglia e trionfa.
E allora magari mi metterei seduta su un muretto, mentre il mare luccica.

E starei lì, soltanto a guardare.
Aspetto soltanto una di quelle giornate perfette per andare a passeggiare tra le bellezze del levante.