Albissola Marina: un angolo poetico

Nel mio gironzolare qua e là nei posti belli della Liguria a me piace curiosare, imboccare vie mai percorse, meravigliarmi.
E intanto è così, in certi luoghi, c’è sempre modo di trovare nuovi stupori.
Così infatti è accaduto ad Albissola Marina e vi porto ancora con me per quelle strade.
Un archivolto, finestre, case e ripide scale, c’era poca gente in giro in quella giornata di primavera.

E poi ancora, pochi passi e ci si ritrova in una piccola piazzetta, un luogo raccolto, semplice e vissuto, uno di quei posti semplicemente veri che non hanno nulla di artefatto.
E là, sul muro, ceramiche d’artista, luce radiosa e ombra straordinaria di chiari panni stesi.

A noi in Liguria basta poco per comporre le nostre poesie: una scorcio di un luogo antico, il vento del mare, le corda da stendere e il sole che smuove il bucato sotto il cielo azzurro.
E già così questo angolo di Albissola ha la sua speciale bellezza, quella che io cerco e che amo ritrovare.

Ma poi, ancora.
Due porte dipinte di verde.
E altra vita, altre suggestioni.
Bambini e ragazzini, gli abiti alla marinara, i visi gioiosi, alcuni di loro sono intenti nell’arte della ceramica che ha reso celebri queste zone del ponente ligure.
E questo è un angolo davvero poetico di Albissola Marina.

Annunci

Albissola Marina: il Lungomare degli Artisti

Nel mio gironzolare per la Liguria trovo sempre particolarmente piacevole capitare in luoghi che non sono propri delle mie abitudini: essere turisti nella propria regione regala nuove scoperte e interessanti sorprese.
Nel bel mezzo della scorsa primavera ho così passato una piacevole giornata nelle due Albisole, celebri per le loro ceramiche artistiche e apprezzate località balneari del savonese.
Ad Albissola Marina poi si può ammirare una vero museo a cielo aperto a testimonianza del fermento creativo che per diversi anni animò questo tratto di Liguria.
Il Lungomare degli Artisti fu ultimato con la tecnica del mosaico agli inizi degli anni ’60 ed è costituito da pannelli realizzati su disegni di famosi artisti in qualche maniera legati ad Albisola e alle sue raffinate ceramiche.

Da principio erano venti coloro che diedero il loro contributo e tra questi vorrei ricordare Roberto Crippa, Emanuele Luzzati, Antonio Sabatelli, Lucio Fontana e Aligi Sassu.
Negli anni successivi sono stati poi aggiunti altri pannelli ideati da artisti diversi, il Lungomare è anche stato ricostruito nell’anno 2000 nel rispetto dei progetti originali.
E così per un chilometro ad Albissola Marina si cammina su un sogno coloratissimo e vivace, tra un pannello e l’altro ci sono mosaici di righe bianche e azzurre che donano un fantastico gioco di prospettive.
A lato di ogni opera troverete un cartello che descrive il soggetto del mosaico e le vicende del suo autore, nella foto che segue potete ammirare il lavoro di Eduardo Arroyo.

In quel giorno di aprile io ho fatto semplicemente la turista ad Albissola, non era ancora il tempo delle vacanze e non c’era poi molta gente a quell’ora, così ho potuto ammirare i mosaici in tutta la loro sgargiante ed estrosa bellezza.
Ed è infinita questa passeggiata, si cammina guardando lontano, immersi tra i colori, accanto alle file di cabine.

Ed è bianco e azzurro a perdita d’occhio.

E accanto a voi la lunga spiaggia di sabbia, bianco e azzurro di mare e di riviera.

A me è piaciuta molto la mia giornata nelle due Albisole, certo nel tempo d’estate la passeggiata sarà gioiosamente affollata come sempre sono le località della riviera nei periodi di vacanza.
È un tratto di Liguria unico e particolare, reso speciale da questi fantasmagorici disegni realizzati con piccole piastrelle, l’arte e la fantasia hanno così donato ad Albissola Marina il suo splendido Lungomare degli Artisti.

Le due Albisole: nella terra della ceramica

Nel tempo di primavera sono andata a trascorrere un pomeriggio sulla riviera savonese, in quei luoghi che già profumano di pigrizie estive e di vacanze.
Si susseguono sulla costa due località dai toponimi molto simili: andando verso ponente prima si incontra Albisola Superiore e poi si arriva ad Albissola Marina, si dice che quest’ultima località abbia questo nome per un antico errore di trascrizione.
Questa è la terra della ceramica, questa zona della Liguria è infatti celebre per le sue manifatture e per le pregiate creazioni di una tradizione molto antica.
Al tempo dei futurismo e durante il ‘900 numerosi furono gli artisti che lasciarono il loro segno e si distinsero nell’arte della ceramica, lascio a voci più autorevoli della mia gli eventuali approfondimenti sul tema.
Entrambe le località hanno anche una parte moderna, io vi porterò con me in certe strade antiche e questa passeggiata inizia qui, tra i colori di Albisola Superiore.

Qui dove il cielo è turchese e le case hanno colori vividi e caldi.

Ed è luce e ombra, oltre gli archetti ci sono case delle vacanze, finestre e vasi di fiori.

E nella terra della ceramica l’arte è un linguaggio per raccontare i luoghi, le persone e le loro storie: ed è celeste e azzurro l’omaggio all’artista che ideò questa fontana.

Albisola Superiore (4)

Ed è molto simile la sfumatura del mare chiaro che bacia l’orizzonte.

Anche le fontanelle hanno certe piastrelle decorate.

Albisola Superiore (6)

Si cammina per questi caruggi e per queste strade che raccontano un’identità, un passato che si conserva e del quale essere fieri.

Le ceramiche di Albisola hanno diversi toni di celeste e li trovate là, sopra una porta dove veglia la Madre di Dio.

Albisola Superiore (8)

E azzurri sono i numeri civici ai piedi di una scaletta.

E guizzano i pesci nelle onde inquiete.

Albisola Superiore (10)

E tutto è così vivace, luminoso e accogliente.
Ti fermeresti qui, in questo caruggio così vivido di tinte che noi riconosciamo come nostre: questa è la Liguria più vera, così semplice e genuina.

E poi ancora, andando verso ponente, raggiungiamo Albissola Marina, c’è un lungomare molto scenografico e troverò un’altra occasione per raccontarvelo, oggi vi porto solo con me per queste strade.

Qui dove anche le targhe stradali raccontano un luogo, la sua storia e le sue tradizioni.

Albissola Marina (2)

E ci sono vicoli, archetti, cielo spendente di Liguria.

Albissola Marina (3)

E piazzette, laboratori di ceramisti, mani operose che si muovono svelte.

E ceramiche, caruggi e panni stesi: anche le insegne dei negozi sono artistiche e particolari.

Albissola Marina (5)

Camminando così, nella terra della ceramica, questi luoghi non sono nelle mie consuetudini e io amo trovare modi di stupirmi e scoprire nuove bellezze anche senza andare troppo lontano.
E poi dopo tanto gironzolare mi sono fermata in posto speciale: il laboratorio e la bottega delle Ceramiche San Giorgio.
Nata alla fine degli anni ‘50 è una vera e propria eccellenza del settore, questa è un’opera che si trova all’esterno e dedicata a Giovanni Poggi, uno dei fondatori della San Giorgio.

Albissola Marina (7)

E poi ecco il negozio e le raffinate ceramiche artistiche.
Vasi di ogni misura, piatti, contenitori, stoviglie di diverso genere, statuine del presepe e chiaramente non si sa resistere così io ho comprato un piccolo oggetto per la mia casa.

Colori, forme e armonie.

E bianco e azzurro tipico di questi luoghi, delicatezze che ancora apprezziamo in tutta la loro bellezza.

Nascono là, in questi luoghi adagiati di fronte al mare blu della Liguria, nella terra della ceramica.

Tornerà l’estate

Tornerà l’estate, tornerà anche per te.
E sarai un po’ più grande, sempre curiosa e così vivace.
Tornerà l’estate e avrai imparato a scrivere veloce, a contare fino a cento e pure oltre, ti farai le trecce da sola e ti rimirerai allo specchio.
Avrai piccoli orecchini d’oro, una collana di perle, un cappellino per i giorni di festa.
Tornerà l’estate e tu vedrai quella fotografia di te bambina: ha un difetto di stampa, è sgualcita e persino macchiata, è passato tanto tempo da quel giorno!
Tornerà l’estate e tu ritornerai ancora là, sulla spiaggia di Albissola.
Allora eri piccolina e te ne stavi ritta su quel gozzo, eri tu nei giorni della semplice felicità.
Frangetta, capelli a caschetto, sandalini bianchi, un completino a righe e il vento di Liguria che smuove quel tessuto leggero.
Una manina sul fianco, l’altra sulla barca.
E osservi.
La tua fotografia.
Tornerà l’estate e sarai ragazza, coraggiosa tuffatrice, sirena sinuosa tra le onde agitate.
Tornerà l’estate e ancora tornerai, sposa felice e madre amorosa.
Cadranno le foglie d’autunno, la neve coprirà le gemme e spunteranno timidi, ancora, tanti piccoli boccioli.
E verrà il solleone, con i suoi profumi intensi e tu li sentirai.
Tornerà l’estate e tornerà per te e tu sarai ancora là, con i tuoi ricordi, davanti al mare di Albissola.

3 Agosto 1922: saluti da Albissola

I ricordi dei giorni di vacanza sono memorie preziose che a volte regalano un sorriso nostalgico in tempi più difficili.
È il 3 Agosto 1922, ad Albissola.
E là, davanti al mare blu, su uno scoglio liscio e spazioso ci sono dei bagnanti in posa: madri e figli, si riconoscono le diverse parentele dallo stile dei costumi da bagno.
La moda, all’epoca, prevedeva anche il costume con una sola spallina.
Lo indossa quel piccoletto dai capelli biondi che si appoggia dolcemente alla sua mamma, accanto a questa c’è un ragazzina, lei sembra tranquilla e giudiziosa.

Si sta seduti a gambe incrociate, sullo scoglio.
Strizzando un po’ gli occhi, si vede che il sole picchia forte e abbaglia.
E davvero, ci vorrebbe un tuffo in mare, chi ne ha voglia di star lì a farsi fotografare?
Poi passeranno gli anni e proverai una certa gratitudine per quell’istante rubato al gioco: un frammento di te per sempre fissato sulla carta.

Certi tipetti poi non riescono a star fermi.
Come si dice? Questo qui ha l’argento vivo addosso, è una piccola peste.
Fa quel movimento con la mano, apre e chiude le dita, sarà il primo a correre via quando il rito della fotografia sarà terminato.

E a dargli manforte ci sarà lui, è un po’ più grandicello ma quei due si intendono alla perfezione, ne sono sicura!

Difficile star dietro a tipi così, ci vogliono pazienza e dolcezza e lei, la giovane madre, ha queste ed altre doti.
Ha tre figli, la più piccolina ha la frangetta, i capelli a caschetto e fa una specie smorfia.
Poi, quando sarà grande e si rivedrà, forse le verrà da sorridere nel rivedersi bambina, ci sarà una sorta di emozione e sentirà un tuffo al cuore nel rammentare quei giorni d’infanzia.

Sul retro di questa fotografia c’è una scritta a matita: saluti da Albissola, bacioni tanti. 3/8/1922.
È il ricordo di un giorno d’estate e di un tempo condiviso con persone care.
Davanti al mare di Liguria, in un altro tempo.