Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Carbonai’

Se è vero che il lavoro è fatica è altrettanto vero che coloro che ci hanno preceduti hanno conosciuto fatiche per noi inconsuete.
Uno sguardo su quegli anni lo concedono i volumi del passato, in questo caso si tratta del libro La Guida del Porto di Genova dell’Avvocato Cesare Festa pubblicata da Giacomo Luzzatti Editore nel 1922.
Ho già avuto modo di parlarvi di questo volume, oggi proverò a narrarvi di coloro che si occupavano del lavoro dei carboni minerali.
Tralascio le cifre, i numeri, i regolamenti minuziosamente descritti, qui troverete i volti fieri di gente di porto e di mare, a voi l’onere di immaginarli mentre ognuno si dedica al proprio mestiere.

Sudore, fatica e prestanza, è dura la vita di questa gente.
Gli scaricatori di carbone si suddividono in due categorie, il loro è un lavoro sfiancante.
Ci sono gli zappatori che nella stiva zappano il carbone e poi lo ripongono nelle ceste che, tramite un sistema di verricelli e carrucole, vengono sollevate fino al boccaporto.
Il cavo del verricello viene guidato dall’addetto al seguaro, infine le ceste vengono prese in consegna dai pilottatori che stanno in piedi su una tavola fatta a guisa di ponte attraverso l’apertura stessa del boccaporto.
A questo punto le ceste vengono passate al pesatore.

Cartolina appartenente alla Collezione di Eugenio Terzo

Il pesatore lavora insieme al ricevitore.
Questi due uomini tengono una stanga sulle spalle, alla stanga è appesa la stadera con la quale misurano il peso di ogni cesta.
Tocca ora ai facchini, costoro si caricano sulle spalle le pesanti ceste colme di carbone e le portano a terra oppure su un vagone.
I facchini scaricano anche il carbone dalle chiatte e in tal caso fanno anche gli zappatori, sul libro è specificato che il lavoro sulla chiatta era particolarmente pesante, per il fatto che le chiatte si trovavano a un livello più basso rispetto alle calate e questo comportava maggiore fatica.

Cartolina appartenente alla Collezione di Eugenio Terzo

C’è poi un’ulteriore categoria: sono gli antracitisti, essi hanno il compito di rompere con una mazza di ferro i blocchi di antracite seguendo determinate regole e mantenendo le misure previste dalla legge.
Scrive l’autore che nel 1922 il lavoro per questa categoria è fortemente diminuito e così gli antracitisti si sono consorziati con i raccoglitori addetti alla raccolta del carbone caduto sulle calate durante le varie operazioni.

Cartolina appartenente alla Collezione di Eugenio Terzo

Essenziale è anche l’opera dei caricatori o cuffinanti: si occupano di portare il carbone ai piroscafi e di stivarlo in maniera corretta.
Il carbone veniva posto nei cuffini e sollevato da quelle braccia vigorose, a volte invece veniva usato un bigo posto sulla coperta del vapore e azionato da un apposito verricello.
Ci sono infine i chiattaioli da carbone minerale e gli assistenti a fiducia che seguivano le varie operazioni.
Per tutti loro sono indicate regole, norme, tariffe o salari in caso di cottimo.
E si legge che lavoravano per otto ore al giorno, conoscendo fatiche che non so neanche immaginare.
Avevano una casa a cui ritornare, mogli affabili e bambini sorridenti, avevano il mare negli occhi e la pelle brunita dal sole e scurita dal carbone.
Avevano vite diverse dalle nostre: sono i lavoratori del Porto di Genova nel 1922.

Cartolina appartenente alla Collezione di Eugenio Terzo

Annunci

Read Full Post »