Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Caruggi’

C’è solo una maniera per ricordarlo, anche se in realtà nessuno lo ha dimenticato mai.
Ascoltare la sua voce, il suono della sua chitarra e le sue canzoni.
Così è rimasto sempre tra di noi Fabrizio De André, con la potenza eterna delle sue parole e con le sue note.
Eppure lui mi manca, mi manca il suo racconto dei nostri giorni, molto spesso mi chiedo come canterebbe certe realtà che stiamo vivendo e che lui non ha veduto.
Oggi è il 18 Febbraio, oggi è il suo compleanno e allora ho scelto per voi dieci canzoni di Fabrizio.
Non è stato semplice selezionarne soltanto dieci, sono tra quelle che io amo di più e ve le propongo senza la pretesa di volervele spiegare, solo per condividere con voi le emozioni che lasciano certe note e certi accordi.
Quella sua dolcezza in Amore che vieni, amore che vai:

Quei giorni perduti a rincorrere il vento,
a chiederci un bacio e volerne altri cento,
un giorno qualunque li ricorderai,
amore che fuggi da me tornerai.

E anche allo stesso modo in La canzone dell’amore perduto e nella sua Ave Maria.
E poi Genova nelle sue canzoni, nessuno per noi ha saputo metterla in note meglio di lui: Genova è Creuza de mä, Genova è Bocca di Rosa, Genova è Via del Campo.


Da ragazzina poi ricordo di aver cantato spesso Il testamento di Tito, forse è una delle prime canzoni di De André che ho imparato a memoria perché alcuni miei amici la suonavano con le loro chitarre.
Il pescatore, noi di Genova ogni volta che vediamo un tramonto sul mare e qualcuno che regge fiducioso una canna da pesca pensiamo subito alla canzone di Fabrizio, siamo gente fatta così.
E ancora, Fiume Sand Creek:

Sognai talmente forte che mi uscì il sangue dal naso
Il lampo in un orecchio nell’altro il paradiso 

E di tutte le canzoni del mondo ne esiste una sola capace di farmi sentire ogni volta un brivido sempre identico ed è una canzone di Fabrizio De André.
È un testo dedicato agli ultimi, alla pietà umana, alla fragilità degli uomini e alla caducità della vita.
Recitativo (due invocazioni e un atto di accusa) tratto da Tutti Morimmo a Stento.
Non si può neppure definire una canzone, è una poesia di parole intense e vi invito ad ascoltarla, la trovate qui.
Sentiamo la sua voce e allora è come se lui fosse ancora qui.
Buon compleanno Fabrizio, grazie di aver parlato anche a noi.

Annunci

Read Full Post »

Le prospettive di Vico del Duca non si smetterebbe mai di scoprirle, accade così a noi che amiamo questi caruggi.
È solo un semplice vicoletto eppure ci sono tante maniere per poterlo ammirare, a seconda del punto di vista.
A volte, con uno sguardo al passato oppure con gli occhi rivolti al cielo che lo sovrasta, così vi ho mostrato Vico del Duca in queste immagini di ieri e di oggi.
E poi, a volte, ci pensa il sole a ravvivare i suoi caldi colori.

Un caruggio che si trova in una posizione quasi privilegiata, sale da Via della Maddalena e termina esattamente di fronte a Palazzo Tursi, dimora nobiliare e ora sede del Comune di Genova.

Il fasto di una ricca dimora e un vicolo di semplici case che svettano alte, uno degli spettacolari contrasti della Superba.
E se volete cogliere una delle prospettive più affascinanti della città vecchia salite i gradini della scalinata di Palazzo Tursi e poi voltatevi indietro.
E aspettate uno di quei giorni di sfumature di luce come questa, lo sguardo si perderà nella discesa dove i colori si fondono in una sola calda tinta biscotto.

Tra curve, linee, distanze e incanti, non so dirvi quante volte mi sono ritrovata ad ammirare questa prospettiva.

E poi, in certi giorni, c’è proprio il sole che si schianta in mezzo al vicolo e lo illumina glorioso prima di virare per rischiarare altri luoghi.

Ma io ritorno sempre in cima a quella scala, solo per guardare lontano, solo per scoprire ancora la bellezza di Vico del Duca.

Read Full Post »

Noi che siamo nati a Genova non siamo tanto abituati alla neve, noi che abitiamo davanti al mare finiamo persino per stupirci quando una magia di bianco circonda la Superba.
L’hai vista la neve sui monti? Guarda!

E hai visto le cime sullo sfondo stagliarsi candide dietro la Lanterna?
La neve le fa sembrare persino più vicine.

Nell’abbraccio dell’inverno, mentre le nuvole evanescenti si posano leggere tra la terra e il cielo.
Ed è un incanto di bianco e di azzurro di Genova.

E poi tetti, campanili e ancora neve, aria frizzante.

L’hai vista tu la neve sui monti?
Io l’ho scorta da lontano, stavo passando in autobus in Piazza Carignano e allora sono scesa solo per ammirare lo spettacolo del porto e delle gru e e poi sarei rimasta ancora.

A guardare Genova, di celeste e di bianco, nell’abbraccio della neve.

Read Full Post »

Il primo l’ho incontrato qualche giorno fa nei caruggi e aveva veramente altro da fare, non mi ha minimamente considerata.
Se ne stava lì a pisolare sul tetto di una macchina in Piazza Sarzano.

Per qualche istante mi è sembrato persino di notare una palpebra socchiusa ma deve essere stata appunto un’impressione perché poi l’affaticato micione ha continuato a dormire come se niente fosse.

Il secondo è uno del mio quartiere e come si può vedere pure lui era impegnatissimo.

Il terzo è sempre uno che bazzica qui in zona, credo che abiti nelle vicinanze.
Toh, finalmente incontro un tipo bello sveglio ma questo non significa certo che il felino in questione abbia voglia di socializzare, figuriamoci!
Infatti mi ha riservato uno sguardo distratto, si capiva chiaramente che da parte sua c’era una certa annoiata indifferenza.

Invece in quel giardino là sotto, vuoi mettere?
Oh, lì devono esserci cose molto interessanti, di sicuro!

Gatti di Zena, tipi che si incontrano in giro e va sempre bene, anche se loro fanno gli indifferenti.

Read Full Post »

I panni stesi d’inverno sono colorati come nelle altre stagioni, ravvivano i caruggi e regalano allegria a coloro che come me amano le sfumature e i contrasti.
E così attendi il sole, una giornata tersa e la luce catturerà questa bellezza per te.
In Piazza delle Lavandaie, dove un tempo dai truogoli si spandeva odoroso il profumo del sapone.

E più oltre, dove il vento attorciglia il bucato sulle corde.

Azzurro, bianco, tende, salita.
Voci di caruggi, vita, semplicemente.

E un bagliore di giallo e di arancio, denso della luce che fende i caruggi.

Poi sali e scendi, su e giù, sempre in quei vicoli che piacciono a me, ritrovo sempre un arcobaleno di colori e scalette e ocra in Salita della Seta.

E un’edicola, un Piazza Santa Croce, arrivo laggiù e mi siedo un po’ sulla panchina, immagino che lo facciate anche voi!

C’è più bellezza nelle cose semplici e la ritrovi quando la vita di ogni giorno palpita in luoghi dalla lunga storia.
E pare strano, eppure a volte certe tovaglie o certi accessori sembrano perfetti per stare davanti a certe finestre di pietre antiche e contro muri di mattoni.

E a volte, ancora, è rosso su rosso, con toni di bianco candido e verde brillante.

E poi io lo so che devo sempre andare dalle parti di San Bernardo, certi luoghi non mi deludono mai.

E puoi vedere persiane, antichi stemmi, pietra nera e pianticelle.
Sono le cose di caruggi che piacciono a me, in qualsiasi stagione.

Read Full Post »

Se desiderate visitare Genova per qualche giorno oppure più a lungo oggi su queste pagine troverete un consiglio per me prezioso e spero che possa esservi utile.
Vi porto nei caruggi, in una zona comoda, elegante e tranquilla.
In questa piazza aveva la sua dimora l’Ammiraglio Andrea Doria e questa è San Matteo, la chiesa gentilizia della sua nobile famiglia.
Il caruggio che vedete sulla destra è Salita di San Matteo, percorrendola vi troverete in Piazza De Ferrari, in pieno centro città.

In questa antica strada c’è questo edificio custodito da una bella Madonnetta, il palazzo è tenuto alla perfezione, è dotato di ascensore e completamente restaurato.
Al terzo piano si trova un appartamento che potrete affittare per il vostro soggiorno.

È una casa spaziosa e silenziosa, adatta a famiglie e a un gruppo di amici, con poca spesa vi troverete nel cuore della Superba e avrete a breve distanza musei, botteghe storiche, locali, ristorantini tipici e luoghi imperdibili di questa città.

E chi sono i proprietari?
Vi presento Edoardo e Maddalena Schenardi, sono cari amici e splendide persone.
Ho già scritto di loro in passato, loro sono farmacisti e titolari di Farmacia Serra, tra le altre cose sanno gestire la loro attività con un uso sapiente del web, rendendosi disponibili sui social per consigli e suggerimenti.
Quindi ricapitolando: hanno una farmacia, quattro figli, un cane e volete che non abbiano tempo per questa ulteriore attività?
Figuriamoci, loro due devono avere i superpoteri secondo me, un giorno o l’altro scoprirò il loro segreto!

Il primo motivo per scegliere per le vostre vacanze la loro bella casa è, come ho già scritto, la posizione strategica.
Sarete in centro storico, in una via pedonale e senza traffico, potrete girare per Genova a piedi e senza bisogno di mezzi pubblici, inoltre Via XX Settembre e le altre strade principali della città sono davvero vicine.

Le stanze sono arredate con gusto e attenzione, nulla è lasciato al caso: mobili, tessuti, quadri e pezzi di design rendono questo appartamento una casa vera, calda e accogliente.
La casa può ospitare fino ad otto persone, in sala c’è un divano letto e poi ci sono 3 ampie camere, questa è la matrimoniale.

Ecco invece le altre due stanze, come potete vedere sono vivibili e spaziose e dopo le vostre passeggiate genovesi potrete godervi il meritato relax.

In questo appartamento troverete tutte le comodità che siete abituati ad avere a casa vostra compreso il WI-FI gratuito.
Se avete bimbi piccoli fatelo sapere a Edoardo e Maddalena e loro metteranno a vostra disposizione attrezzature e giochi per neonati.

Sarebbe lungo elencare qui tutti i locali che potrete scegliere per il pranzo e la cena, nelle vicinanze ne trovate davvero per tutti gusti.
Se invece desiderate fare da voi sappiate che disporrete di un ampia sala da pranzo e di una cucina perfettamente attrezzata dove non manca nulla.

E nella casa dei farmacisti chiaramente troverete antiche boccette di un tempo lontano.

E tra le tante cose belle anche queste posate piuttosto particolari.

Per concludere vi mostro ancora uno scorcio della bella sala da bagno.

Aprirete le finestre della vostra camera da letto e vedrete sotto di voi Salita di San Matteo: il tratto che compare nella mia fotografia è quello che dovrete percorrere per arrivare a De Ferrari, come si può notare è veramente poca strada.

Troverete altre immagini ed altre informazioni a questo link che vi servirà anche per le prenotazioni, i miei amici fanno le cose alla loro maniera e quindi ci sarà sempre uno di loro ad accogliere gli ospiti.
Ad Edoardo e Maddalena vanno i miei auguri per questa nuova avventura che certamente sarà un successo, sono contenta di avervi fatto conoscere il loro appartamento nel cuore del centro storico.
E da ultimo vi lascio una raccomandazione: se verrete qui, in Salita di San Matteo, quando uscite di casa alzate lo sguardo.
Questo è uno di quei posti speciali dove si respira la vera essenza di questa di città: sopra di voi un incrocio di caruggi, un’antica edicola e le perfette geometrie di cielo della mia Genova.

 

Read Full Post »

Di mattina mi piace ancora di più gironzolare.
A dire il vero di sabato per me è un appuntamento fisso ormai da molti anni, non riesco a farne a meno.
Sveglia presto, caffè, focaccia, caruggi.
A volte sono in giro ancor prima che aprano tutti i negozi, alcuni tirano su la serranda verso le dieci ma non importa, poi magari ci ripasso davanti.
Di mattina c’è meno confusione, la città è tutta di chi vuole viverla.
Io scendo in Via Lomellini, passo in Fossatello, poi in San Luca, a Banchi e qui faccio una piccola deviazione per salutare il mare.
Quindi riprendo il mio cammino, tra vicoli, piazzette e botteghe, banchetti di libri, chiese nelle quali entro ancora una volta di più, vetrine che mi fermo sempre a guardare, portoni, scale e finestre aperte su certi caruggi.
E i banchi del pesce in Canneto, quei posti dove c’è sempre la coda.
Acciughe, frutta fresca, incensi, profumo di tè, spezie.
Vento, voci, silenzio.
Di mattina in genere va così.
Poi a volte non mi accontento e allora risalgo verso De Ferrari e vado fino a Porta Soprana e da lì inizio un nuovo giro per caruggi.
E poi magari, quando non me lo aspetto, un raggio di sole cattura la mia attenzione e allora mi fermo a seguire il suo viaggio su questi muri antichi.
E penso che non ci sia modo migliore di trascorrere la mattina.

Read Full Post »

Custode di uno scorcio di città, la troverete in Via di Scurreria, all’inizio di questa nostra celebre e frequentata strada genovese.

Tra le persiane chiuse, silenziosa veglia sulla folla distratta che attraversa i nostri vicoli, da Campetto sale una fila di gente e ognuno è immerso nei propri pensieri, alcuni però volgono gli occhi verso la figura di Lei.

Tra caruggi, botteghe e fastosi palazzi nobiliari.

Con la sua grazie eterea e la sua dolce armonia, la Madonna della Concezione rivolge a Dio le sue preghiere.

E la circondano piccoli putti radiosi, ai suoi piedi è un tripudio di gioia, sorrisi e vivace bellezza.

Imperet et impetret, regni e interceda, queste parole sono incise alla base della pregiata scultura che adorna un antico edificio genovese.

Nella città che volle Maria come sua Regina, nel luogo dove lo sguardo di Lei si posa benevolo anche su voi.
Nella città vecchia, tra le finestre di Via di Scurreria.

Read Full Post »

E accade, un giorno, di ritrovarsi in Piazza della Nunziata.
A dire il vero tutto appare come sempre è stato e questa rimane la piazza attraversata tante volte per andare all’Università, la mia porta d’ingresso per i caruggi, un luogo che frequento abitualmente.
Non è tanto diversa in questo scorcio di passato però non ci sono macchine e si notano due solerti spazzini intenti a pulire la strada.

Addossata al muro della chiesa si vede una piccola costruzione, gli arredi urbani di certe epoche mi sembrano sempre scelti con buon gusto.
E come al solito ci sono i manifesti pubblicitari, si legge anche la scritta bagni che ho ritrovato anche in altre immagini.

E in questo piccolo slargo così comodo nei pressi della Nunziata in un altro periodo della storia di Genova trovò la sua giusta collocazione il chiosco di un liquorista.
In alto i bicchieri, rincuoriamoci con un buon bicchiere di vino corposo!
E si cammina, in un tempo che non è più.

Un vecchio si regge al suo bastone, i ragazzini se ne stanno ritti in piedi sui gradini della chiesa e una giovane fanciulla osserva un po’ intimidita, lei potrebbe chiamarsi Amalia e magari chissà, abita in uno di questi caruggi vicini alla Nunziata.
E ha tutta la vita da vivere e tutti i suoi sogni da realizzare, ancora.

Si chiacchiera, in questo scorcio di tempo del quale noi non possiamo sentire i suoni anche se ci sembra di indovinare le voci e le parole.
E alcuni osservano con attonito stupore il lavoro del fotografo.
Eccole lì le due sorelle, io penso che siano tali, la più piccola porta la mano alla bocca, l’altra sembra quasi sistemarsi i capelli.

Ancora, in una diversa cartolina, si nota di nuovo il chiosco del liquorista e intanto la vita scorre come sempre.

Appoggiato alla base della colonna della chiesa, sulla sinistra, pare esserci uno degli spazzini, anche lui merita una pausa dal suo duro lavoro.
Le gentildonne si dirigono in chiesa, un bianco destriero trotta verso Via Balbi.

Sembrerebbe tutto esattamente come adesso ma c’è un uomo con un carro, il suo cavallo segna il ritmo di un altro tempo.

Ed è la mia piazza, quella di sempre.
Via Balbi sempre a piedi, in un senso o nell’altro.
E il mio liceo proprio lì dietro, in Via Bellucci.
E le corse per prendere l’autobus o la funicolare, accade sempre così, alla Nunziata.

Più bella ancora se la osservi sotto il cielo blu, lo stesso che avrà sovrastato i genovesi di un altro tempo.

Allora però c’erano le carrozze in sosta davanti alla chiesa, c’era un ritmo forse più lento ma certo più faticoso, c’erano parole che non possiamo sentire e desideri forse simili ai nostri.

E c’era una moltitudine di gente che attraversava la Nunziata.
Ognuno con i suoi pensieri, ognuno con la propria vita: una casa a cui ritornare, una famiglia, un lavoro, le gioie e gli affanni.

E così accade, un giorno, di ritrovarsi in Piazza della Nunziata.
E allora ti guardi intorno e osservi le persone che di fretta attraversano la strada.
Ognuno è immerso nel proprio presente, ognuno segue il battito del proprio cuore.

Proprio come sempre è accaduto, in quel tempo del quale non possiamo sentire i suoni, in Piazza della Nunziata.

Read Full Post »

Questa è la storia di un uomo che fece fortuna in terre lontane e il suo ricordo ci è stato tramandato da un attento giornalista che scrisse la sua vicenda su Il Lavoro del 20 Dicembre 1928.
Sono passati quasi 90 anni e torniamo a quell’epoca, entriamo in un ristorante di Genova dove troviamo il nostro giornalista in compagnia di 3 persone: sono genovesi DOC, lo si capisce da come parlano in dialetto.
Uno della brigata è molto celebre: si tratta del cantante Mario Cappello, una vera icona della genovesità.
Si chiacchiera amabilmente ed è proprio Cappello a fare le presentazioni: il giornalista sa che uno dei commensali è il famoso re della farinata di Buenos Aires?
Stupore e costernazione, chi se lo sarebbe mai aspettato!
Un italiano di Argentina partito in cerca di miglior sorte, un genovese ritornato a casa sul filo della nostalgia.
Del resto anche il terzo della compagnia viene da quella città, vive là da ben 48 anni ma appena può se ne torna nella Superba a respirare aria di casa.
Il re della farinata è apprezzatissimo in quel Buenos Aires: là tutti lo chiamano Santiago ma in realtà il suo nome è Sangiacomo.

E così il cantante Mario Cappello racconta come si sono conosciuti.
Accadde durante una tournée in Argentina, Cappello narra di essersene andato a fare un giro per le strade di Buenos Aires quando ad un tratto ad attirarlo fu un profumo delizioso.
E mentre stava leggendo l’insegna del negozio sentì un uomo rivolgersi a lui con queste parole:
– Scià intre: son zeneize mi ascì!
E la frase significa: entri, sono genovese anch’io!
L’artista non se lo fece dire due volte e apprezzò talmente quella farinata tanto da dire che gli era parso di essere dalla Bedin in Piazza Ponticello!

Cartolina appartenente alla Collezione di Stefano Finauri

Ma com’era il negozio del re della farinata nella lontana Buenos Aires?
Intanto si trovava in pieno centro, in Piazza del Congresso.
E si trattava appena di una saletta senza posti a sedere, per carità!
E sapete che c’era sempre la coda? Un flusso interminabile di gente si metteva pazientemente in fila per acquistare una gustosa porzione di farinata da mangiare in piedi oppure da portare a casa.
E tra i clienti c’erano gentiluomini e signore eleganti: arrivavano in automobile, scendevano e come tutti si mettevano in coda da Santiago.
Una cosa che a Genova non poteva certo capitare, in quegli anni quelli della buona società non andavano mica a comprare la farinata in Ponticello!
Santiago aveva clienti illustri, da lui si servivano artisti e politici.
E lui parlava a tutti rigorosamente in genovese e diceva che comunque lo capivano tutti.
E sapete cosa capitava? Qualche argentino lo ripagava con la stessa moneta e prima di andarsene lo salutava così: adios, gringo.
E il nostro ci rideva su sostenendo che quello era un termine per loro affettuoso come per noi lo è la parola foresto, veniva detto per scherzo e tenendo presente che gli italiani che andavano in Argentina trovavano davvero l’America.
A quanto pare poi la nostra cucina laggiù era apprezzatissima, così scrive il giornalista.
Sembra strano, prosegue l’autore, vi sembra possibile far fortuna a Buenos Aires servendo solo della farinata e in un locale senza posti a sedere?
Eccome!
Il nostro Sangiacomo se la passava bene e gli affari andavano alla grande tanto che se ne era venuto a Genova proprio per assumere un aiuto e chissà che altro sarà capitato negli anni a seguire.
Il racconto termina qui, il lungo e interessante articolo offre il ritratto di un genovese andato in America in cerca di una vita migliore.
E certo, mentre scrivevo di lui mi è venuta in mente una canzone che tutti conoscete, la più famosa di Mario Cappello, il celebre cantante che portò all’onore delle cronache un genovese di Argentina.
In ricordo di Sangiacomo, detto Santiago, il re della farinata di Buenos Aires.

Read Full Post »

Older Posts »