Chiesa di San Filippo Neri: la Pietà di Maragliano

Per ammirare questa opera perfetta di Anton Maria Maragliano dovrete recarvi nella suggestiva Chiesa di San Filippo Neri in Via Lomellini.
Qui, in questa vivace parte dei caruggi, tra le case alte di Genova si staglia l’antica chiesa.

Molte sono le ricchezze ospitate in questo luogo di fede e preghiera, la Chiesa di San Filippo Neri riluce nelle sue bellezze e nel suo autentico splendore.

Sotto questo chiarore e in questa mistica atmosfera è collocata anche la Pietà opera del talento dello scultore Anton Maria Maragliano.
Il gruppo scultoreo risale agli inizi del ‘700 ed è in legno dipinto, di recente è stato sottoposto ad un accurato restauro, i fedeli e i visitatori possono così meglio apprezzarne i magnifici particolari.
Sono in molte chiese della Liguria le opere di questo celebrato artista capace di rendere vibranti e drammatiche le sue sculture, le figure di Maragliano hanno il dono di un’assoluta intensità.
E c’è grazia e armonia nel volto dolce e amorevole della Madonna: un manto celeste copre il suo capo, i suoi occhi sono rivolti a Dio.

E poi un altro sguardo e una preghiera sussurrata, le mani giunte, la fronte aggrottata, la consapevolezza del dono immenso di Cristo.

E c’è una forte drammaticità nella posa di Maria, madre afflitta che tiene sul suo petto suo Figlio e lo offre a Dio, a Dio sembra poi parlare con quel suo sguardo che a noi appare appare quasi velato di lacrime.
È il senso del movimento a rendere magnifica questa scultura, per la ricchezza dei manti, per i contrasti di colore e per il gioco di linee creato dalla postura delle mani di ognuna delle figure rappresentate da Maragliano.

E poi i capelli che cadono sul collo, il profilo perfetto, le labbra che sfiorano la mano di Gesù in un bacio che chiede e dona amore, accoglimento e cura.
È un gesto bellissimo, ha tutta l’intensità di un sentimento puro e vero.

E questa è la Pietà scolpita da Anton Maria Maragliano, potete ammirarla in tutta la sua armoniosa bellezza nella Chiesa di San Filippo Neri.

La tradizione dei Sepolcri nelle chiese dei caruggi

È un rito di questi giorni che precedono la Pasqua, è una tradizione molto sentita dai genovesi.
Durante il Giovedì Santo nelle chiese si allestiscono gli Altari della Reposizione dove viene appunto riposta l’Eucarestia, questi altari vengono riccamente decorati con fiori e candele, con tessuti preziosi e foglie e così restano fino al Venerdì Santo.
La visita ai Sepolcri è una consuetudine molto cara in questa città, a Genova si usa in genere visitarli in numero dispari e così io oggi ve ne mostrerò sette, sono per me tra i più suggestivi.
So di avere tra i miei lettori alcuni genovesi che abitano lontano e credo che forse a loro farà piacere ritrovarsi, pur brevemente, nelle chiese dei nostri caruggi, quelle più amate e frequentate da chi vive sotto la Lanterna.
E inizio così, con una chiesa a me molto cara sita nella nostra antica Via Prè: questo è l’altare della bella Chiesa di San Sisto.

Ci sono invece fiori rosa e fucsia su queste scale, nella Basilica della Santissima Annunziata del Vastato.

E così è l’altare della nostra Chiesa della Maddalena, nella cesta a terra il pane e l’uva.

Ravvivato di gerbere dai toni di arancio e di giallo risplende l’oro lucente dell’altare della Basilica di Santa Maria delle Vigne.
Ci sono anche i cartelami, sagome di cartone con soggetti sacri tipici della tradizione ligure, in questo caso sono rappresentati Gesù e gli Apostoli durante l’ultima cena.

In Piazza Matteotti nella chiesa del Gesù i fiori compongono una vela bianca che salpa sul mare blu, a fare da sfondo c’è un celebre dipinto di Rubens, una delle tante opere magnifiche che si possono ammirare in questa chiesa.

Ed è ricco e sempre molto fastoso l’altare allestito in questa maniera nell’antica Chiesa di San Donato.

In questi giorni si ripete e si rinnova questa tradizione, con questo fervore, nelle chiese della città vecchia.
Tra opere d’arte, tra fiori e candele, con la cura della devozione.
Ed è ricco e armonioso l’altare che si ammira nella Chiesa di San Filippo Neri in Via Lomellini, nel cuore dei caruggi di Genova, nel tempo che precede la Santa Pasqua.