Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Cimitero Monumentale di Staglieno’

I suoi occhi si posano su una piazza tanto amata, la sua figura è ospitata in una splendida edicola che si trova in Piazza del Carmine.

E qui, in questo quartiere di creuze e piazzette, trova la sua naturale collocazione la statua della Madonna del Carmine.
L’edicola risale al XVIII Secolo, l’opera d’arte che si trova nella nicchia è invece più recente e ci è stata lasciata dal valente scultore Giacinto Pasciuti.
Ho già avuto modo di scrivere la storia in parte tragica di questo artista, in questo post potrete anche ammirare alcune delle sue statue visibili al Cimitero Monumentale di Staglieno.

Sotto a questi ritagli di cielo, lo sguardo di Lei dolce e benevolo.

Se osservate con attenzione l’edicola noterete che è rifinita con grazia particolare, con fiori delicati e raffinate decorazioni, ha anche i suoi piccoli custodi.

Testimonianza di fede e ricchezza autentica del passato di questa città.

Armonia di gesti e di movimenti, una bellezza antica.

A Genova il culto della Madonna del Carmine era un tempo molto sentito e sono numerose le edicole a Lei dedicate, questo titolo di Nostra Signora del Carmine deriva dal Monte Carmelo in Terra Santa dove certi frati avevano il loro ordine.
In tempi lontani, all’epoca delle Crociate, molti di questi fratelli del Carmelo lasciarono la Terra Santa e raggiunsero diverse parti d’Europa, alcuni si stabilirono in questa parte di Genova ed è a questo che si deve il nome del nostro quartiere.
Visse invece in Inghilterra il monaco Simone Stock, la storia che ci è stata tramandata racconta che la Madonna apparve a questo carmelitano il giorno 16 Luglio 1251 e a lui consegnò uno scapolare, in seguito Maria concesse altre grazie.
Ed è proprio lui, Simone Stock, in ginocchio davanti a Lei.

Tra caruggi e panni stesi, al Carmine.

L’opera di Pasciuti risale al 1907, è raffinata e di grande effetto, rappresenta una vicenda religiosa molto cara ai genovesi.

Sullo sfondo una tinta d’azzurro chiara come il cielo.
E dolce e armoniosa è la postura di Lei, amorevole il Suo sguardo, semplice Madre che tra le braccia stringe suo Figlio.

Read Full Post »

Eternity was in our lips and eyes,
Bliss in our brow’s bent.

L’eternità era sulle nostre labbra e sui nostri occhi,
La felicità nell’arco delle nostre ciglia.

William Shakespeare – Antony and Cleopatra

Cimitero Monumentale di Staglieno

Read Full Post »

Oltre

Oltre a tutto il resto.
Oltre ai fiori dalle fragili corolle, alle preghiere sussurrate e agli sguardi perduti.
Non solo fotografie ormai opache, nomi incisi sul marmo che a mala pena si leggono, storie lontane e memorie dimenticate.
E pizzi, scialli, marsine, scarpette con il passante, gioielli e spille.
Oltre a tutto questo.
Iridescenza.

staglieno-1

Ali di angeli, profili perfetti, mani giunte.
Libri e simboli, il tempo, la vita e l’ombra.
A Staglieno, non solo questo.
Sul fondo, quando la luce si insinua sulle scale.
A volte, in certe ore del giorno, rischiara il Crocifisso appeso al muro.

staglieno-2

Oppure.
Oltre a tutto il resto, a volte.
Un raggio di sole intenso, più forte e potente.

staglieno-3

E ancora.
Oltre.
Sull’acqua instabile.
La luce, sempre.

staglieno-4

Read Full Post »

Torno ancora a raccontarvi vicende del passato tratte da un mio prezioso libro, Genova Nuova, questo volume risale al 1902 e narra con dovizia di particolari la crescita e lo sviluppo della Superba sul finire dell’Ottocento.
Alcune pagine sono dedicate a Cesare Gamba, protagonista indiscusso delle innovazioni urbanistiche e del riassetto della città: egli fu un professionista eclettico ed intuitivo, un uomo dai molteplici interessi e dal variegato ingegno.
Architetto ed ingegnere, abile uomo d’affari, apparteneva ad una famiglia molto abbiente, era alpinista e amante della musica, in particolare aveva un debole per Wagner, fu anche un automobilista e il suo nome figura tra i fondatori dell’ACI.
Trascrivo qui una citazione tratta da Genova Nuova, queste parole sottolineano la tempra di Gamba e la sua vivace intelligenza:

L’ingegnere Cesare Gamba è uno dei fortunati che riescono simpatici a tutti, perché favoriti da madre natura delle più invidiabili doti: quelle della mente e del cuore.

cesare-gamba

Immagine tratta da Genova Nuova – Volume di mia proprietà

La sua figura si lega in particolare alla realizzazione di Via XX Settembre, operazione che comportò importanti demolizioni e che cambiò del tutto l’aspetto della città, fu lui a progettare il Ponte Monumentale e il Palazzo della Navigazione Generale Italiana a De Ferrari attualmente sede della Regione Liguria.

ponte-monumentale

Ed è evidente che queste poche righe a lui dedicate non rendono giustizia alla complessità del personaggio e alla sua spiccata personalità, fu certo un uomo affascinante e protagonista del suo tempo, la sua idea di città sembra ancora adattarsi alla perfezione alle esigenze della nostra epoca.

via-xx-settembre

Sul finire dell’Ottocento Cesare Gamba acquistò una villa che era appartenuta ai Marchesi Ricci, l’edificio si trovava sulla ridente collina di Montesano, alle spalle della Stazione Brignole.
Gamba avviò una serie di lavori che comprendevano demolizioni e ristrutturazioni, progettò la dimora secondo il suo gusto: quella sarebbe divenuta la sua casa.

vialla-gamba-1

Immagine tratta da Genova Nuova – volume di mia proprietà

E sempre sulle pagine di Genova Nuova si legge che il piano terreno fu destinato alla vita quotidiana e di ricevimento, con tutti gli agi e le comodità.
L’appartamento vero e proprio si trovava invece al primo piano dove era situata anche la ricca biblioteca dell’ingegnere, nei fondi e nel sottotetto c’erano tutti i servizi.
La villa aveva una spaziosa hall e grandi vetrate, uno scalone di marmo rosa, una balaustra in ferro battuto e bronzo, fastose colonne di marmo giallo.
Un’abitazione grandiosa per un uomo che mutò l’aspetto della sua città, ecco la villa nel dettaglio di una cartolina di proprietà del mio amico Pier Giorgio Gagna che qui ringrazio per il cortese prestito.

villa-gamba-2

Ovviamente la bella villa dell’ingegner Gamba aveva attorno un vasto giardino, era una dimora incantevole in una zona all’epoca non ancora soffocata dal cemento.
Eccola sullo sfondo, nella cartolina del mio amico Eugenio Terzo, è l’unica abitazione che svetta sui dolci rilievi alle spalle di Brignole.

Piazza Verdi

Sembra che la dimora non abbia subito danni durante la Seconda Guerra Mondiale, tuttavia in seguito venne demolita per lasciar spazio a moderne costruzioni.
Da Via Fiume volgete lo sguardo verso Via Montesano, dove un tempo era la villa di Gamba, questo è il panorama che si presenta ai vostri occhi.

stazione-brignole

Come tutti i grandi genovesi anche l’illustre architetto ed ingegnere dorme il suo sonno eterno a Staglieno, lo trovate nel porticato inferiore a ponente, nella stessa tomba riposano i suoi genitori.
Il monumento è opera di Giovanni Battista Cevasco.

tomba-gamba

Alto intelletto e nobile spirito, le parole che lo ricordano rendono onore ai suoi molti talenti.

tomba-gamba-2

Visse 76 anni, in un periodo di profondi cambiamenti per la sua Genova.
Nella casa abbarbicata sulla collina di Montesano sapeva osservare la sua città con sguardo lungimirante, era capace di vederla oltre il proprio tempo.
Io per qualche istante l’ho immaginato ritto davanti a una di quelle alte finestre, pensieroso e assorto.
Davanti ai suoi occhi una città mutata e rinnovata, una Genova diversa, una Genova Nuova.
A noi è rimasto il frutto del lavoro di Cesare Gamba, si è perduta quella casa che fu scenario di parte della vita di un uomo dal grande carisma.

piazza-verdi

Read Full Post »

Sfogliando le pagine del nostro passato emerge spesso una consolidata abitudine: erano molti i benefattori, erano numerosi coloro che lasciavano i propri beni ai più sfortunati.
Non so dire se adesso siamo cambiati o se siano mutate le modalità, forse ai nostri tempi la generosità si manifesta in altre maniere.
Leggendo i libri del nostro passato i nomi di questi benefattori spiccano luminosi, ora magari li abbiamo scordati ma per queste persone doveva essere un onorevole privilegio rendersi utili alla comunità.
Tra di essi merita di essere ricordato Tito Cesare Della Casa, egli lasciò le cose terrene nel maggio del 1875 ma non si dimenticò dei più sfortunati.
Non aveva figli, non aveva eredi, decise così con il suo testamento di donare le sue immense fortune ai meno abbienti.
E a quell’epoca erano davvero numerosi i bambini senza padre e madre, molti venivano accolti nell’Orfanotrofio di San Giovanni Battista in Via Serra.

via-serra-1

Tito Cesare istituì l’Opera Pia della Casa, questa istituzione benefica pagava gli studi ad alcuni bambini di famiglie povere, figli maschi nati in San Francesco d’Albaro, con i soldi del benefattore questi bambini potevano studiare e conseguire una laurea o divenire Capitani Marittimi.
Inoltre l’Opera Pia manteneva nell’Orfanotrofio tre bambini, maschi o femmine, privi di entrambi i genitori e nati in San Francesco d’Albaro.
In entrambi i casi, in mancanza di bambini provenienti da quella zona di Albaro, il diritto all’accesso veniva esteso a piccoli provenienti da altre parti della città.

via-serra-2

L’Opera Pia Della Casa venne eretta in Ente Morale sul finire del 1875, dopo la morte del munifico benefattore, ad amministrarla erano l’Arcivescovo e il Sindaco di Genova, i posti venivano assegnati tramite concorso.
Sfogliando le pagine del nostro passato si leggono storie come queste e non è difficile immaginare quanti bambini abbiano avuto un destino migliore grazie a quest’uomo generoso.
Eppure la patina del tempo ha posato il suo velo sulla sua grandezza morale, per questo ritengo che sia giusto ricordare Tito Cesare Della Casa.
Girando per Staglieno, nella zona del Boschetto Irregolare, mi sono imbattuta nel monumento funebre di lui.
Sulla sua tomba svetta una graziosa figura dallo sguardo dolce e benevolo, certo la statua avrebbe bisogno di restauri.

della-casa-1

A colpirmi è stato il libro che regge in una mano, vi si legge una parola nella quale risiede tutto il senso della vita di Tito Cesare: beneficenza.

della-casa-2

E poi la bella creatura scurita dal tempo tiene tra le dita un crocifisso.

della-casa-3

E allora ho letto la lapide, a dire il vero è piuttosto deteriorata e non si vede così bene.
E poi ho cercato notizie di lui, le ho trovate sulla Guida Pagano del 1926 e poi come sempre mi ha aiutato il mio amico Eugenio che qui ringrazio.
Riporterò le parole scritte in memoria di questa figura di un altro secolo.
Adesso, dopo tanto tempo, in ricordo di un uomo altruista e generoso: Tito Cesare Della Casa, un benefattore.

della-casa-4

TITO B. CESARE DELLA CASA
MORTO IL 7 MAGGIO 1875
FONDO’ COL RICCO CENSO
SPECIALE ISTITUTO DI EDUCAZIONE
PER I GIOVANI POVERI E ORFANI

L’AMMINISTRAZIONE DEL PIO LASCITO
A RICORDO DI TANTO BENEFIZIO
QUESTO MARMO POSE
DICEMBRE 1900

Read Full Post »

La trovate nel Porticato Inferiore a Ponente, in quella parte del Cimitero di Staglieno i monumenti sono oggetto di accurati restauri, la tutela di simili opere restituisce così al visitatore l’originaria bellezza di splendide statue forgiate da valenti scultori.

chiappella-de-katt-1

Lei è una figura di donna scaturita dal talento di Domenico Carli, fino a qualche tempo fa la sua candida leggiadria era adombrata da una patina scura.

chiappella-de-katt-1a

Sotto a questo marmo dormono il loro sonno eterno il dottor Giuseppe Chiappella e la sua consorte Virginia De Katt, entrambi se ne andarono nel 1877.

chiappella-de-katt-2

Il restauro del monumento si deve ancora alla generosità di Walter Arnold, lo scultore americano è un attento filantropo e ha davvero a cuore il patrimonio artistico del nostro Cimitero Monumentale.
In passato ho già avuto modo di parlarvi della sua associazione, AFIMS si occupa di raccogliere fondi per questi restauri che vengono poi donati alla città.
E così è stato anche per la fanciulla che custodisce il riposo dei coniugi Chiappella.

chiappella-de-katt-2a

Un gioco di luci e ombre evidenzia le pieghe del manto indossato da questa giovane donna dai tratti dolcemente regolari.

chiappella-de-katt-3

Il tessuto scivola sul suo corpo e cade fino a terra, in parte restano scoperti i piedi e i sandali di lei.

chiappella-de-katt-4

Una bellezza armoniosa e soave, una statua che sembra possedere il palpito della vita.

chiappella-de-katt-5

La giovane scolpita da Domenico Carli regge in una mano uno specchio e attorno al suo braccio è attorcigliato un serpente.
Non è una casualità, questi due simboli sono riconducibili all’allegoria della Prudenza che lei rappresenta: attraverso lo specchio ognuno conosce se stesso e ognuno dovrebbe essere cauto e prudente proprio come i serpenti, entrambe le allegorie si riferiscono a citazioni bibliche.

chiappella-de-katt-5a

La luce lambisce quella mano e quel gesto simbolico.

chiappella-de-katt-6

Nel silenzio del porticato un mistico chiarore accarezza l’incomparabile grazia di questa fanciulla nel suo ritrovato splendore.

chiappella-de-katt-7

Read Full Post »

Lo vedrete e forse anche voi resterete ad ammirarlo, la bellezza di questo monumento ha ammaliato più di un visitatore.
Sul finire dell’Ottocento anche l’Imperatrice Sissi camminò sotto ai porticati di Staglieno, a catturare la sua attenzione fu proprio questo capolavoro di Giovanni Scanzi, Sissi ne fu realmente colpita e affascinata.
Sita nella Galleria Inferiore a Levante, la scultura è stata recentemente restituita al suo originario splendore grazie ad un’accurata pulitura.
Fino a qualche mese fa si presentava in questa maniera, la sua leggiadria era adombrata da una patina scura posata dallo scorrere degli anni.

angelo-nocchiero-1

Ora invece il nocchiero e la barca scolpita da Scanzi nel 1886 rifulgono di nuovo splendore, questa è davvero una delle opere più pregiate del nostro Cimitero Monumentale e si deve ad un artista di grande talento.
Il marmo forgiato dallo scalpello di Scanzi diviene espressione di parole e di metafore, questa barca è il viaggio della vita minacciato da insidie e da pericolosi flutti.

angelo-nocchiero-2

Dorme il suo sonno eterno in questo sepolcro Giacomo Carpaneto, valente ed abile commerciante, con lui riposa la sua consorte.
E sono quei versi tratti dalle Sacre Scritture ad essere il complemento perfetto al lavoro di Scanzi: Avventurato chi nel mare della vita ebbe nocchiero sì fido.

angelo-nocchiero-3

L’abile e sapiente Scanzi, capace di toccare il cuore di coloro che ammirano le sue opere.
La vita è questo, una fragile barchetta spesso in balia del vento e di tremende tempeste.

angelo-nocchiero-4

A condurla in un porto sicuro è lui, il giovane angelo nocchiero dalle armoniose fattezze di acerbo adolescente.
Ammaina le vele, accompagna dolcemente la rotta di un viaggio giunto al suo termine.

angelo-nocchiero-5

E la barca sulla quale egli vigila sicuro è un capolavoro di raffinatezza, sulla sua prua un angelico volto dai tratti gentili.

angelo-nocchiero-6

Nulla è lasciato al caso in questa piccola imbarcazione che rappresenta il percorso di certi giorni, guardate la vela fissata e i nodi.

angelo-nocchiero-7

E la cima arrotolata su se stessa.

angelo-nocchiero-8

Il talentuoso Scanzi non ha tralasciato nulla, osservate l’interno della barca, non è facilmente visibile al visitatore, ho soltanto scattato la fotografia senza neppure sapere che avrei trovato altre corde.

angelo-nocchiero-9

L’angelo dalle grandi ali bianche con la sua grazia tutto governa, senza timori ed esitazioni.
Ritto sulla barca, nocchiero del destino.

angelo-nocchiero-10

In una cornice di pura armonia.

angelo-nocchiero-11

In una ricchezza di trine e tessuti preziosi.

angelo-nocchiero-12

angelo-nocchiero-13

C’è un cuscino su questa navicella, è appena sgualcito dal capo di colui che qui navigò.

angelo-nocchiero-14

Emerge sotto la barca la spuma fresca e frizzante del mare.

angelo-nocchiero-15

E il vento si placa, pare quasi perdere il suo vigore, mentre l’angelo tiene salda la presa.
Creatura celeste dai tratti di fanciullo, ha un bel viso incoronato da ricci, sguardo fermo e sicuro, solida guida nelle tempeste dell’esistenza terrena.

angelo-nocchiero-16

La sua mano stringe la cima.

angelo-nocchiero-17

Nel mistero sconosciuto del nostro cammino nel mondo.

angelo-nocchiero-18

Nel tempo di un viaggio che non si sa spiegare, tra il suo inizio e la sua fine, nella complessità di tutte le cose che non possiamo comprendere, angelo nocchiero nel mare della vita.

angelo-nocchiero

angelo-nocchiero-19

Read Full Post »

Nel freddo dell’inverno è bene ritemprarsi e per farlo potremmo scegliere un esclusivo locale della città.
Si tratta di un posto di successo, il locale di Pier Enrico Zolezi ha aperto i battenti nel 1877 come birreria nell’elegante Galleria Mazzini.

galleria-mazzini-1

E lo ritroviamo ancora celebre nel 1882, nel Lunario del Signor Regina di quell’anno ci sono ben 2 pagine dedicate a questo locale e allora andiamo a trovare il Signor Zolezi, i suoi piatti vengono serviti con vini pregiati.
Come potete leggere è possibile anche far una specie di convenzione, una sorta abbonamento mensile.

zolezi-5

E tra l’altro, siccome la pubblicità è l’anima del commercio, in un paio di righe si invita la clientela a fare i dovuti paragoni con i prezzi offerti dagli altri ristoratori, direi che non c’è proprio paragone!
Da Zolezi il pranzo a prezzo fisso comprende le seguenti portate, avrete due scelte ed entrambe a mio parere sono piuttosto generose.
A me basta il pranzo da Lire 2.50, voi che ne dite?

zolezi-2

Si aggiunga a tutto questo un’autentica specialità che si può gustare esclusivamente da Zolezi: il rinomatissimo Vermouth delle Dame.
Si legge sul Lunario che questo corroborante liquore è fatto con moscato di Canelli ed è poi arricchito con l’aroma di certe radici.
E lo potete bere solo là, in Galleria Mazzini.

galleria-mazzini-2

E ha un sacco di proprietà, sapete?
C’è una paginetta intera sul Vermouth delle Dame, ohibò!
E io non l’ho mai assaggiato, che disdetta!
Ottimo per digerire, per la precisione è apprezzato dalle dame e anche dai gentiluomini, si può bere prima o dopo pranzo e avrà comunque benefici effetti.
E quindi, ecco qualche consiglio su come gustarlo, con il seltz o con la soda sembra perfetto e poi ci sono le bottiglie di lusso, regalatene una ai vostri amici e farete una gran figura, credetemi!

zolezi-3

E poi da Zolezi non ci si annoia mai, sapete?
Ah no, in certi anni in quel locale si tengono sono magnifici spettacoli di varietà e concerti per allietare la clientela, insomma dalle parti di Galleria Mazzini ci sanno fare, fidatevi di me.
Ho questo Lunario del 1882 da parecchio tempo, finalmente sono riuscita a scrivere del signor Zolezi e penso che sentirete ancora parlare di lui su queste pagine.
Tra l’altro la primavera scorsa mi è anche accaduto un fatto curioso, un evento proprio frutto del caso.
Mi trovavo a Staglieno, durante uno dei miei soliti giri e lo sguardo ha trovato un monumento sul quale è inciso proprio quel nome.
Per caso, in un giorno di marzo.

zolezi-4

E allora da questa mia paginetta mando un caro saluto a Pier Enrico Zolezi e mi congratulo per la sua iniziativa imprenditoriale, in qualche modo anche lui è entrato a far parte della storia di questa città.
Brindo alzando un bicchierino immaginario, è ricolmo di Vermouth delle Dame.
Come se fossi in Galleria Mazzini, nel 1882.

galleria-mazzini-3

Read Full Post »

Piano.
Emerge dalla penombra.
Piano, come se sussurrasse tenere parole.
Consola e accarezza certi cuori.
Dolcemente.
Ed è un piccolo angelo di pura luce celeste.

angelo

Cimitero Monumentale di Staglieno

Read Full Post »

La piccola Ada stringe la mano della sua mamma, cammina accanto a lei, come ogni giorno.
In un’epoca in cui sono comuni le famiglie numerose Ada Carrena è una peculiare eccezione: è figlia unica, è una piccolina adorata e vezzeggiata dai genitori.
Lei è una bambina dell’Ottocento, la mamma la veste con quegli abitini alla moda cuciti apposta per lei, sono fatti di tessuti leggeri orlati di pizzi e rifiniti con fiocchi, sono vestine delicate e candide.
Ada è bionda, ha poco più di 5 anni, ha gli occhi scuri e neri come la notte, è un fiorellino di dolcezza.

ada-carrena-1

La bimba accompagna sempre la mamma Enrichetta al Camposanto di Staglieno dove riposano i suoi parenti.
E nel corso di una di quelle visite Ada incontra lo sguardo di un’altra piccina: il suo nome è Giuseppina Grillo e  qui trovate l’articolo che le ho dedicato.

giuseppina-grillo-8

Dolce e tenera, è una bimbetta che Ada non ha mai conosciuto.
Eppure le resta nel cuore, eppure la osserva e la sente come un’amica, è una sua simile alla quale voler bene.
E torna a trovarla e insistentemente chiede alla sua mamma di portarla da lei, da Giuseppina.
E quando ancora deve lasciarla la saluta con parole amorose, promettendo di tornare presto da lei.
Un incontro, un destino che non si sa comprendere, un affetto che non si sa spiegare.

giuseppina-grillo-9

E giunge il primo di Aprile del 1880, in questo giorno Ada abbandona per sempre la sua mamma e la sua famiglia, a portarla via dal suo piccolo mondo è una tremenda meningite.
E il dolore travolge Enrichetta, non c’è consolazione per una simile perdita, non ci sono neppure parole.
La madre, nella sua disperazione, rammenta bene i moti di affetto di Ada verso Giuseppina e decide così di recarsi da Giovanni Scanzi, autore del monumento funebre della piccola Grillo.
Enrichetta è una dolente figura tragica, di lei e della sua storia ci narra Ferdinando Resasco nel suo testo La Necropoli di Staglieno.
E la descrive, racconta di questa madre che davanti allo scultore parla della sua bambina e di quella morte prematura, a lui chiede di immortalare nel marmo la sua unica figlia perduta.
E secondo Resasco pronuncia queste parole:

“Badi che una bambina più bella della mia non è mai esistita, non esisterà mai.”

ada-carrena-2

E Scanzi si mette all’opera.
Con il suo talento, con il suo cuore, con la sua sensibilità di artista.
E l’immagine di lei è grazia, lievità e candore.
Il suo abitino è appena smosso dal vento, in una mano Ada stringe un fiorellino.
Delicata e innocente, per sempre ritratta nei suoi pochi anni.

ada-carrena-2a

Due sono le lapidi che raccontano di lei e del suo breve cammino nel mondo.

ada-carrena-3a

ada-carrena-4

Ada Carrena incede tra piccoli fiori e boccioli di rose.
E narra Resasco che Scanzi si recò in un giardino di una villa privata per poterli scolpire al meglio, ebbe la natura come modello per i fiori che accompagnano il cammino di Ada.

Rose

E poi con il suo scalpello fece sbocciare le rose sulle quali posa i piedini la piccola Ada.
Nessuno di questi fiori ha spine, così volle la madre di lei.

ada-carrena-7

Il monumento di Ada Carrena venne sistemato nelle vicinanze di quello di Giuseppina Grillo, in seguito la sua tomba venne trasferita nella sua attuale collocazione, sotto a questo tempietto, nel Boschetto Irregolare.

ada-carrena-5

La storia di questa bimba ancora non è terminata.
Immaginate Staglieno, nel 1892.
Lungo uno dei viali c’è un uomo che tramanderà ai posteri le vicende di coloro che riposano nel nostro Cimitero Monumentale: è proprio lui, Ferdinando Resasco.
Sul suo cammino incontra una donna prostrata dal dolore: è colei che sempre adorna di fiori la tomba di Ada, è colei che non può dimenticare, è colei che ancora la ricorda nei suoi tratti di piccolina adorata.
Dodici anni anni dopo Enrichetta torna ancora dalla sua Ada.
E parla di lei a Resasco, racconta ancora la sua storia, dice che l’opera di Scanzi e è il ritratto perfetto della sua figliolina.
Enrichetta e la sua bambina, a lei la mamma porta i fiori freschi ogni tre giorni.

ada-carrena-9

E poi il tempo scorre e riunisce ciò che il tempo ha separato, così termina la storia drammatica di una mamma sconsolata e della sua piccina.

ada-carrena-6

Un filo sottile unisce il destino tragico Giuseppina Grillo e Ada Carrena, due bimbe troppo presto perdute, entrambe ritratte dal talento di Giovanni Scanzi.
Entrambe amavano i fiori, entrambe hanno gli occhi aperti per sempre sul tempo che non hanno veduto.
Ada cammina sui petali, su quei rami senza spine, tenero fiore gentile di quasi sei anni.

ada-carrena-8

Read Full Post »

Older Posts »