Gli illustri custodi di Corso Solferino

Accadde un bel giorno e del tutto per caso, camminando in una strada del mio quartiere mi capitò di notare certi dettagli che non avevo mai veduto prima: non si finisce davvero mai di scoprire la propria città, così dice un mio caro amico e non saprei dargli torto.
Dunque mi trovavo a passeggiare sotto gli alberi di Corso Solferino, una pianeggiante ed elegante arteria della nostra Circonvallazione a Monte.
Ad un tratto, alzando lo sguardo verso un certo edificio tardo ottocentesco, vidi con mio stupore i volti di alcuni illustri italiani effigiati in sculture apposte sopra ad alcune finestre.

Chi progettò questo edificio volle, con tutta evidenza, rendere omaggio al genio italico, all’estro, alla creatività, al talento e all’unicità che resero questi uomini immortali.
E così sulla facciata di questo edificio si può ammirare il volto saggio e severo di Dante Alighieri, tra l’altro questo 2021 sarà l’anno delle celebrazioni per i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta, croce e delizia degli studenti e autore di versi davvero imperituri.

A vigilare attento su Corso Solferino c’è anche un celebre genovese, è il più grande dei navigatori, è il nostro Cristoforo Colombo.

E ancora, ecco il volto pensoso di uno dei padri della scienza, l’illustre Galileo Galilei.

L’Italia è terra di artisti e ha donato al mondo alcuni dei più stimati ed eccelsi pittori, tra di essi viene qui ricordato Raffaello Sanzio dai tratti così delicati e regolari.

E infine, a concludere questa galleria di celebri italiani, ecco il viso austero di Michelangelo Buonarroti.

Sono figure importanti e personalità che hanno dato lustro alla nostra nazione: questi sono gli illustri custodi di Corso Solferino.

Il Presepe della Chiesa di Sant’Anna

È uno dei presepi di Circonvallazione a Monte, lo potete ammirare nella Chiesa di Sant’Anna che si affaccia sull’omonima piazza e che è collegata al Convento dei Frati Carmelitani Scalzi e all’apprezzata Antica Farmacia e Erboristeria della quale molte volte vi ho narrato.
E là, nella bella chiesa, viene allestito un raffinato presepe napoletano donato dall’artista Silvana Giannotti che lo ha progettato e realizzato con l’aiuto Marco Ferrigno, maestro di presepe napoletano al quale si devono le teste di ceramica delle statuine e le mani e i piedi di legno.
Il presepe è collocato in uno scenario di straordinaria bellezza, si trova infatti davanti all’altare della Cappella di Sant’Orsola dove si può ammirare il dipinto denominato Il Martirio di Sant’Orsola e opera di Domenico Fiasella.

In questo presepe gli angeli indossano abiti sontuosi.

E in una dimora rischiarata dalla luce della speranza così avviene l’Annunciazione.

Il popolo del presepe vive con il suo ritmo operoso e costante l’attesa del Redentore, con stupore si volge lo sguardo verso il luogo dove Egli nascerà.

E sono raffinati e preziosi i tessuti degli abiti di queste statuine, sono stoffe antiche, passamanerie e pizzi di un’altra epoca con i quali sono stati confezionati questi magnifici vestiti così ricchi e sfarzosi.

I pastori portano le loro ceste colme di cose semplici e buone.

Ed ecco ancora l’oro brillante e le braccia aperte in un gesto che invita a raccogliersi in preghiera.

In questa splendida armonia, nella bella Chiesa genovese di Sant’Anna, nasce alla luce mondo il Bambino Gesù.

Un terrazzino tra le nuvole

È un terrazzino del mio quartiere, abbarbicato lassù sul tetto di palazzo di Circonvallazione a Monte.
Tra le ardesie, i comignoli, così si staglia in una lucentezza di nuvole.
Il luogo perfetto per cercare il sole che si tuffa nel mare in queste sere d’inverno e il fascio di luce della lanterna che luccica in lontananza.
Un terrazzino su un tetto è un angolo magico e prezioso dove far crescere il rosmarino odoroso e la salvia profumata, dove le rose sbocciano gentili nel tempo di maggio.
In quel terrazzino lassù si può sognare, leggere, fantasticare e ridere e poi addormentarsi al sole nella bella stagione, ascoltare il canto del vento e svagarsi a cercare altri tetti e altri terrazzini.

E così quando passo da quelle parti il mio sguardo cerca sempre quella ringhiera, quella prospettiva, quella vertigine lassù.
Un semplice terrazzino: a volte perduto in una vaghezza incerta che preannuncia la pioggia, a volte sovrastato da nubi maestose e candide.
E anche questa, a modo suo, è una delle magie di Genova: un terrazzino tra le nuvole.

Tra le foglie

Le panchine di città sono oasi di pace e bellezza, sono i luoghi dove puoi fermarti in compagnia dei tuoi pensieri.
Certe panchine di città sono piacevoli consuetudini, dolci ricordi e luoghi dove ritornare.
In certi giorni, infatti, ti fermi su certe panchine e ti viene in mente di esserci stata magari anche più di venti anni fa e allora ridevi forte e allora seduta accanto a te c’era una persona che non potrai mai dimenticare.
Certe panchine invece nemmeno si conoscono: le vedi per caso e ti domandi per quale motivo non ti sia mai venuto in mente di sederti là, una volta o l’altra.
E così ecco certe panchine di Piazza Sant’Anna.
Immerse nella quiete silenziosa, nella pace assoluta di questa piazzetta genovese.
Panchine affondate nelle foglie cadute, nel tempo dell’autunno, nella città in salita.

Suggestioni orientali alla fermata dell’autobus

L’estate sta finendo e una nuova stagione è alle porte, è quasi tempo di iniziare il cambio degli armadi e intanto si rinnova anche la storica fermata del 375 qui a Castelletto.
Ormai non mi serve quasi più specificarlo, questa infatti è una faccenda che va avanti da anni e anni, di volta in volta la fermata si abbellisce con nuovi arredi e sedie di diversa foggia e fattura, ne ho viste davvero per tutti i gusti e ogni volta ho documentato le novità.
In questo settembre che scivola via alla fermata dell’autobus ho trovato le due comode sedie che già erano lì all’inizio dell’estate e in più ecco un delicato dettaglio che ingentilisce l’attesa: un quadretto in cui è ritratta una giovane fanciulla di terre lontane vestita con il suo abito tradizionale e con il suo grazioso ombrellino.
Con questo garbo ecco così le inaspettate suggestioni orientali alla fermata dell’autobus.

Estate 2020 alla fermata dell’autobus

E così infine l’estate è arrivata anche alla fermata dell’autobus, evviva!
Eh sì, cari affezionati lettori, mi riferisco proprio alla leggendaria fermata del 375 che molti di voi ben conoscono perché ne ho scritto diverse volte e che si trova nel quartiere di Castelletto.
Dunque, alla fermata non mancano mai le sorprese, questa lunga storia è stata da me documentata sulle pagine di questo blog ormai dal lontano 2013, là alla fermata dell’autobus l’arredamento cambia di continuo.
Nel corso degli anni ci ho trovato sedie di fatture diverse, moderne, in stile, da salotto o da cucina, una volta ho visto là un tavolino, poi un dondolo per i più piccini, un passeggino, poltroncine traballanti e sedie da ufficio con le rotelle.
Adesso è estate e allora mettiamoci comodi.
Portiamoci una bibita fresca, una rivista da sfogliare, indossiamo abiti colorati e leggeri.
Magari ci si potrebbe anche appisolare, nell’attesa: l’estate è arrivata alla fermata dell’autobus.

Le bellezze di Salita della Madonnetta

È un’antica creuza, Salita della Madonnetta si inerpica tra le case in questo quartiere di Castelletto collegando Piazzetta Giulio Marchi al Santuario della Madonnetta e se volete evitare la fatica potete percorrerla in discesa, partendo proprio dal Santuario sito al termine di Salita a Porta Chiappe.

Accanto alla chiesa così si snoda Salita della Madonnetta, mentre si stagliano sullo sfondo i corsi della Circonvallazione, il nostro mare di Genova e il porto.
Sono così le creuze, si gettano verso la bellezza della città.

E ancora si scende, verso un incrocio di muretti e verso un luogo dove fermarsi ad ammirare il panorama.

E appena girata la curva ecco un antico tempietto addossato ad una casa, è un’opera finemente decorata e ospita una bella statua della Madonna con il Bambino.

Così Lei si staglia, con il suo amoroso sguardo materno.

Mi piace tutto di questa antica creuza: la sua semplicità, il suo gioco di armonie, quella sequenza di muretti.
E la casa antica a soli due piani, tra quelle mura quanti cuori, quante anime e quanti sogni, quante speranze affidate alla Madre di Dio.

Tra le colonne del piccolo tempio ecco la figura di Lei.

E anche altri dettagli dell’opera meritano certo l’attenzione dei passanti.

E ancora si scende, lasciandosi alle spalle l’antico tempio e la statua di Maria.

Di fronte agli occhi, in questa luce brillante, i muri della creuza incorniciano le case, la veduta del porto, l’azzurro inconfondibile di Genova.

E non è difficile vedere questi luoghi con lo sguardo di un tempo distante, immaginando le fatiche di altre epoche, passo dopo passo su per la salita, verso quel luogo dove si saranno recitate suppliche e preghiere.

Salita della Madonnetta (10A)

Per avere l’aiuto di Lei che tra le braccia stringe il piccolo Gesù.

Protetta da una grata Maria resta ancora là, sulla sommità di una creuza genovese, davanti al nostro mare e sotto il cielo chiaro che sovrasta Salita della Madonnetta.

Tra i boccioli, su un tappeto di petali di rosa

Sono ritornata in un luogo a me caro, all’Antica Farmacia dei Frati Carmelitani di Sant’Anna dove molti di noi si recano per i molti preparati della farmacia e per i preziosi consigli di Frate Ezio.
Ed era mattina e dopo la pioggia era uscito il sole così sono andata a camminare tra le bellezze del roseto, mentre i boccioli si aprivano generosi attorno alla statua di Maria.

Io sola, tra i fiori che rigogliosi si nutrono di luce brillante.

E sono rose gialle come il cielo d’estate.

E petali dai toni accesi.

E teneri boccioli che ancora devono schiudersi.

A terra i petali caduti dopo quella pioggia scrosciante e tumultuosa, un soffice tappeto tenero e delicato.

E le gocce che restano in equilibrio per qualche istante prima di scivolare giù.

Cascate di fiori e quella fragranza di profumi deliziosi tipici del tempo di primavera.

E poi, una romantica distesa di candidi petali odorosi.

E un bocciolo di rosa così rosso e così intenso.

Diverse sfumature di primavera, in un giorno di sole dopo la pioggia.

E l’assoluta bellezza conciliatrice della natura, nell’armonia del roseto dei Frati di Sant’Anna.

Una magnifica quiete, nel cuore del mio quartiere.

E il giallo tenue così inondato di luce.

E la bellezza autentica di ritrovarsi in questa quiete, immersi nello splendore e nella meraviglia, tra i boccioli, camminando su un tappeto di petali di rosa.

Scoprendo Salita Superiore San Gerolamo

Vi porto con me, ancora, in questa passeggiata tra i colori di una delle mie creuze.
Si snoda così, in dolce pendenza, la nostra Salita Superiore San Gerolamo, percorrendola in discesa da Via Lorenzo Costa si arriva in breve tempo in Piazza Goffredo Villa.
E questa è per me una creuza di ricordi di corse senza fiato, del mio Walkman nella tasca della giacca, di uno zainetto sulle spalle con i libri per i compiti e quindi sì, è uno di quei luoghi che mi ricorda quegli anni là.

Poi non lo diresti mai, ma se osservi da lassù in cima, là tra quelle case, vedrai persino la linea azzurra del mare.

E poi ancora scendi, passo dopo passo su quei mattoni rossi che in passato ho tante volte percorso e anche spesso fotografato.

E ancora, guardando tra i palazzi, ad un tratto si scorgono una parte di Ponte Caffaro e certe prospettive della nostra Circonvallazione a Monte.

Scendendo ancora mi vengono poi alla mente certi negozietti che un tempo c’erano qui, ricordo alla perfezione una piccola merceria molto fornita, era una di quelle botteghe di quartiere così preziose, con una vetrina di piccole cose belle: bavaglini, strofinacci da ricamare, calze di lana calda e rocchetti di filo.
E no, non c’è più ma io non l’ho dimenticata.
E intanto così cade quella luce potente che illumina la creuza.

Qui, come in molti luoghi genovesi che hanno legami certi con il passato della città, ancora si trovano le tracce di antiche devozioni.

E poi, nel tempo della chiara primavera, nei giardini i fiori sbocciano generosi e colorati.
Così era, in quel giorno di marzo dello scorso anno, dal muraglione ecco il glicine odoroso proteso sulla creuza.

Una meraviglia dal profumo delizioso si stagliava gentile contro il blu di Genova.

Ancora si continua a percorrere Salita Superiore San Gerolamo, a partire da un certo punto i mattoni lasciano il posto all’asfalto, tuttavia resta ancora questa suggestione antica.

Sotto le geometrie del cielo a me così care.

Nella prospettiva di una magnifica creuza, tante volte percorsa con il passo leggero, come sempre accade con i luoghi delle nostre quotidiane consuetudini, nella vertigine colorata di Salita Superiore San Gerolamo.

I gatti della creuza

Ecco lì, su una delle mie creuze si fanno sempre incontri e variano a seconda dei periodi dell’anno, mi è pure capitato di trovare uccellini o ghiandaie serenamente posati sulle ringhiere.
Qui oggi si parla invece di felini e la loro comune caratteristica è quella di avermi colta del tutto di sorpresa.
Avevo comunque la digitale in mano e quindi ecco qui i gatti della creuza, li ho incontrati in momenti diversi e si sono fatti trovare nello stesso tratto di strada, un po’ più un su o un po’ più in giù, da una parte o dall’altra ma comunque nel medesimo punto.
Così, facendo capolino tra le foglie dell’ulivo.

Oppure sul pilastro, forse a guardia del cancello.
Ohibò, non mi ero davvero accorta della sua presenza, quindi ci siamo un po’ osservati, poi il signor gatto ha cominciato a guardare a destra e a sinistra e io ho proseguito per la mia strada.

Infine pochi giorni fa rieccomi a percorrere la solita creuza, questa volta in discesa.
Il tipetto lì però non mi degnata nemmeno di uno sguardo, era troppo impegnato a guardare verso l’alto, si vede che c’era qualcosa di molto interessante lassù.
E comunque so già che farò ancora nuovi incontri, d’altra parte questi sono i gatti della creuza.