I benefattori dell’Asilo della Foce, una storia genovese

Chiudi gli occhi, Battistino, chiudi gli occhi e dormi.
E sogna un cerchio, un cavallino di legno, una manciata di zuccherini, un sacchetto di stoffa scura con dentro le biglie.
E una scuola, per te e per i bambini come te.
Verrà costruita dove tu abiti, nella frazione dove il Bisagno si getta nel mare, là dove le onde battono sulla riva.

Foce

I componenti del comitato si sono dati da fare e alla fin fine l’hanno avuta vinta loro, nel 1882 con Regio Decreto del Re Umberto I l’Asilo della Foce è stato persino riconosciuto come Corpo Morale.
La scuola è stata edificata principalmente con i denari di facoltosi e prodighi cittadini, ben 20.000 Lire sono state donate dal benefattore Paolo Sconnio, la memoria del suo generoso lascito è scolpita sul marmo.

Paolo Sconnio

E su un’identica lastra sono incise parole in memoria di una celebre figura che legò il suo nome a questa istituzione.
Si tratta di Raffaele Rubattino, armatore e patriota, fu lui a fornire il Piemonte e il Lombardo, i leggendari piroscafi con i quali si compì l’impresa dei Mille.
In onore del loro illustre parente gli eredi donarono 8.000 Lire all’Asilo.
Apri gli occhi, Battistino, non è più un sogno.

Raffaele Rubattino

Le due lastre sono visibili sui muri all’ingresso della scuola, nella sua attuale sede di Corso Torino.

Asilo della Foce

Non fu questa però la prima collocazione della scuola che in origine si trovava invece in Via del Cantiere, strada che oggi è dedicata ad Enrico Cravero, abile industriale e proprietario di un cantiere navale alla Foce, egli viene definito dallo storico Amedeo Pescio “cittadino benemerito della Pubblica Amministrazione e della Beneficenza“.
E c’è anche il nome di lui nell’atrio di questa scuola.

Enrico Cravero

A Enrico Cravero si lega anche una fastosa manifestazione che si tenne a Genova nell’anno 1892 per i 400 anni della scoperta dell’America: la grandiosa Esposizione Italo-Americana comprendeva una serie di imperdibili eventi nella zona della Spianata del Bisagno.
Cravero è parte del Comitato che organizza l’esposizione e anche in questa circostanza non ci si dimentica dei bambini della Foce, di nuovo la storia ci rimanda a certe targhe che si trovano all’interno della scuola.

Asilo della Foce (2)

Tra i miei libri ne ho uno di Mario Bottaro dal titolo “Genova 1892 e le Celebrazioni Colombiane”, da queste pagine sono emersi dettagli interessanti che riporto qui per voi.
Li vedete quei piccini? Sì, proprio loro, gli scolari della Foce!
Sono tutti schierati lungo i viali dell’Esposizione e offrono agli avventori certe bottigliette fornite dalla Ditta Fratelli Branca, il ricavato andrà a favore dell’Asilo e nel contempo il lungimirante industriale ne guadagnerà una bella pubblicità.
E osservate con attenzione, nell’anno 1892, tra i nomi dei benefattori dell’Asilo incisi su uno dei marmi che sovrasta le scale della scuola c’è anche la celebre Ditta Fratelli Branca alla quale si deve la donazione di 1054 lire.

Asilo della Foce (3)

Al di sotto di quel nome ne figura un altro: Vittorio Parodi.
E chi sarà mai questo munifico genovese che elargì 621 Lire?
Lo narra il libro di Bottaro dove si legge che questo gioielliere di Via San Lorenzo fornì un suo lavoro: tre caravelle d’oro che fluttuavano nell’acqua di una vasca.
E per poterle ammirare meglio si poteva noleggiare un cannocchiale, il ricavato naturalmente finì nelle casse dell’asilo, il solerte commerciante si era pure studiato degli oggettini ricordo, sempre a forma di caravella.

Asilo della Foce (4)

Storie di genovesi dimenticati come l’avvocato Lorenzo Quartara e suo padre, il banchiere Emmanuele.

Quartara

E alla memoria dei posteri viene tramandato anche il nome di una compianta direttrice.

Ferraris

Come lei sono diversi coloro che meritano l’onore del ricordo.

Asilo della Foce (5)

E davvero, bisognerebbe tentare di ricostruire la storia di ognuno e svelare le vicende di certi comitati cittadini.

Asilo della Foce (6)

Asilo della Foce (12)

E poi ci sono le vite che puoi solo immaginare, sono quelle dei piccini, Ida e Checchin, Ersilia e Luigino.
Uno dei benefattori conservò un prezioso ricordo di quella scuola e di quegli anni, è un biglietto di auguri, osservate il retro, ci sono gli indirizzi ai quali rivolgersi per la beneficenza.

Asilo della Foce (7)

E tra questi noterete un certo C. Peragallo, ottico di Banchi, questo cognome ricorre nelle edificanti vicende passate dell’asilo della Foce.

Peragallo

All’interno di questo cartoncino c’è una poesia, è scritta con lo stile del tempo, struggente e commovente, a tratti lacrimevole, è in dialetto genovese.
Ed è un bambino a parlare, queste sono alcune delle sue parole:

Di figgioeu dell’Asilo da Foxe
In quest’anno o ciù grande son mi
L’è per quello che porto a bandea
Che dipinta e spiegâ veddei chi

Dei bambini dell’Asilo della Foce
Quest’anno il più grande sono io
E per quello che porto la bandiera
Che vedete qui dipinta e spiegata

Asilo della Foce (8)

Segue poi una serie di elogi, il bimbo dice che le maestre e la direttrice decantano sempre il buon cuore di quei signori ai quali si deve l’Asilo, parla a nome dei compagni e usa parole di affetto e gratitudine in tempi sicuramente difficili.

Asilo della Foce (9)

Come vi dicevo, la scuola rimase per un certo periodo in Via del Cantiere.
Venne poi trasferita in Corso Torino, nell’immagine sottostante noterete uno spazio vuoto nella parte destra della strada, quello è il luogo dove sorgerà il nuovo asilo.

Corso Torino

E lì ancora adesso si trova.

Corso Torino (1)

Si tratta dell’edificio che notate sulla destra, in primo piano.

Corso Torino (2)

Su questo mondo di munifici benefattori e di bambini sui quali si posò la mano della Provvidenza ci sarebbe ancora molto da scrivere, credo che tornerò a cercare notizie su alcune figure che sono ricordate su quelle lastre.

Asilo della Foce (10)

Di questa scuola e delle sue memorie scolpite sul marmo fino a poco tempo fa io non ne sapevo proprio nulla, a svelarmene l’esistenza è stato un amico, lui si chiama Gian Carlo Moreschi e abita alla Foce, colleziona fotografie, documenti e cartoline d’epoca del suo quartiere, sono sue tutte le immagini antiche che avete veduto, lo ringrazio anche da qui per avermele prestate e per avermi fatto conoscere questa bella storia.

Asilo della Foce (13)

E poi ci sono loro, i bambini.
Letizia o Luisa, Gaetanin o Battistino, visetti sconosciuti, perduti nel tempo, nonni e parenti dei genovesi di adesso.
Piccini che hanno sognato un cerchio o un cavallino di legno, una bambola di pezza o un sacchettino con le biglie.
Bambini di Genova, bambini della Foce.

Asilo della Foce (11)

Asilo della Foce – I Figli dei Richiamati 1915

Annunci

Santo Saccomanno, un artista e il suo studio

Il tempo del rispetto, il tempo dei giorni di un certo Luigi Roggero, cittadino genovese che volle dimostrare la sua infinita stima ad un illustre sodale, Giuseppe Mazzini.
Roggero condivideva le idee di Mazzini e nella sua casa aveva ospitato la sua amica Jessie White Mario, tratta poi in arresto dalle autorità, sorte che toccò in seguito allo stesso Roggero.
Egli scelse una maniera particolare per onorare Mazzini, prese contatto con uno scultore e a lui commissionò un monumento per il patriota, la statua venne eretta a spese di Luigi Roggero e venne donata alla città.
E tutti i genovesi la conoscono, basta che siate entrati una volta a Palazzo Tursi, sede del Comune, passato il cortile e percorsa la prima rampa di scale trovate Mazzini in posa solenne e pensosa, la statua è opera dello scultore Santo Saccomanno.

Giuseppe Mazzini

E non è la sola opera di questo artista che potrete ammirare, camminando sotto ai porticati di Staglieno incontrerete visi e sguardi ai quali ha dato vita l’abile mano di Santo Saccomanno.
E là troverete un uomo ritratto nel momento dell’estremo saluto all’anziano Faustino Antonio da Costa.

Tomba  Da Costa

Tra figure eteree, lievi oppure dolenti, vedrete anche un uomo molto anziano.
E’ stanco e temprato da innumerevoli fatiche, ha la pelle rugosa ed avvizzita, lo sguardo spento ed affaticato, sulla sua schiena curva preme il peso di molti anni.
Quest’uomo dai tratti così drammatici è il Tempo ed è simbolicamente seduto sulla scala della vita.

Tomba Mangini

E c’è un altro celebre vecchio, sta a guardia della tomba di Erasmo Piaggio, capitano marittimo, armatore e negoziante.
Ha l’aspetto solido e rassicurante, tiene le braccia conserte, quieto e tranquillo osserva ciò che scorre davanti ai suoi occhi.
Anch’egli è il Tempo, saggio vecchio con grandi ali d’angelo, accanto a lui è posata una clessidra.

Tomba Erasmo Piaggio

E poi troverete figure femminili, prestate attenzione alle seguenti immagini, a mio parere hanno dei punti in comune tra di loro.
Lei è una giovane donna e regge una clessidra, la sua veste scende leggera e non svela le sue forme.

Santo Saccomanno

Un angelo e il suo gesto aggraziato, sul limitare del mistero.

Tomba De Bernardi

La tomba Erba, la ragazza ha gli occhi chiusi e un’espressione arresa, questo è il tempo della fragilità della vita.
Osservate il suo volto e quello delle due statue che seguono, io intravedo delle somiglianze, sia nella postura che in certi tratti del viso, non ne ho la certezza ma credo che Saccomanno abbia ritratto più volte la stessa modella.

Tomba Erba

E ancora una giovane donna seduta, ancora lo stesso drappeggio dell’abito.

Tomba Risso

Si regge il capo con una mano, è seduta sui gradini, serena e calma.

Tomba Lavarello

E’ la fanciulla che trovate davanti alla Tomba Lavarello, un capolavoro di armonia e bellezza.

Tomba Lavarello (2)

E bella e gentile è questa giovane che regge la croce.

Tomba Camillo Campostano

Ed ora andiamo a qualche giorno fa, mi trovavo nel centro di Genova, per la precisione in Corso Torino.
Ho visto una casetta gialla e bassa e in lontananza ho notato una targa, mossa da curiosità sono andata a vedere cosa ci fosse scritto ed ho scoperto che qui aveva il suo studio lo scultore Santo Saccomanno.

Casa di Santo Saccomanno

Celebrato artista di grande talento, la targa ricorda che vennero nel suo studio importanti figure del suo tempo.
E allora per rendere un piccolo e dovuto omaggio a questo scultore ho pensato di mostrarvi la sua casa e alcune delle sue opere.
E così se anche voi capiterete in Corso Torino saprete che lui è l’uomo che scolpì il Tempo e le fanciulle che avete veduto.

Casa di Santo Saccomanno (2)

E c’è una statua a me molto cara che è un dono delle sapienti mani di Santo Saccomanno.
Si trova sotto ad un porticato ed è molto difficile fotografarla in quanto luce ed ombra giocano spesso a sfavore.
E tuttavia resta una delle mie preferite e vado sempre a trovarla.
E’ una fanciulla che legge, credo che tra le mani regga un libro di preghiere.

Tomba Chiarella

Assorta, pensosa, estraniata in un mondo distante.
Ed io vedo in lei l’immagine perfetta di una lettrice immersa nel suo libro, noi amanti dei libri a volte siamo un po’ ritrosi, forse è per questo che lei non si lascia fotografare.

Tomba Chiarella (5)

Indossa un’ampia gonna con tante pieghe, ha i capelli raccolti, la figura aggraziata e sottile.

Tomba Chiarella (3)

Ed è immersa nei suoi pensieri imperscrutabili e forse nel flusso di nostalgici ricordi, leggiadra fanciulla donata ai nostri sguardi da Santo Saccomanno.

Tomba Chiarella (4)