La magia del patchwork e l’arte di Fabia Delise

Metti una piovosa mattina d’ottobre immersa in un cupo grigiore, metti che ti trovi a Palazzo Ducale dove ha sede l’Associazione Culturale Artelier.
Qui ha il suo studio Fabia Delise, triestina di nascita e genovese d’adozione, quilter e raffinata artista, profonda conoscitrice delle tecniche del patchwork.
Una passione che diviene respiro quotidiano, davanti a questa finestra che è già poesia per me.

Patchwork (2)

Com’è lo studio di una vera artista?
Ci sono gli attrezzi del mestiere, le opere appese al muro, i manifesti delle mostre alle quali Fabia ha partecipato.

Patchwork (3)

Metti di trovarti lì e tu del patchwork non ne sai proprio nulla, riesci però a cogliere armonia in ogni dettaglio.
Lo scorcio di una cornice, i cartellini con il nome di lei, tutto è curato con amorevole presenza.

Patchwork (5)

Poi ci sono i contenitori e le stoffe che si usano per il patchwork, quante saranno?
Tante, colorate e bellissime.

Patchwork (6)

Tutte le sfumature del batik e la potenza della fantasia.

Patchwork (7)

Fili, fili, fili che scivolano tra le dita sapienti di Fabia.

Patchwork (8)

Manualità, precisione ed estro rendono unici i suoi lavori, da quanto ho visto credo che lei ami sperimentare.
L’ho immaginata davanti alle sue stoffe, in un gioco di accostamenti e di contrasti.

Patchwork (9a)

Lei con pazienza mi ha spiegato le tecniche del patchwork, non sapevo che è composto di tre differenti strati.

Patchwork (10)

Fabia Delise espone i suoi lavori anche al di fuori dell’Italia, la Francia è uno dei paesi nei quali il patchwork è molto apprezzato.
E poi tiene dei corsi nei quali svela i segreti di quest’arte alle sue allieve, si possono fare cose meravigliose con una macchina da cucire, si può scrivere a questa maniera ad esempio.

Patchwork (11)

Metti di trovarti nello studio di Fabia e d’un tratto lei apre sul tavolo una delle sue meraviglie, realizzata cucendo insieme decine di esagoni di ogni colore.
Bianco, grigio e tutte le declinazioni del rosso.

Patchwork (12)

E ogni opera ha il suo nome, naturalmente.

Patchwork (13)

Questi esagoni sono realizzati con l’ausilio di piccole sagome di cartone, immaginate quanto tempo occorre e quale dedizione sia necessaria per portare a compimento un quilt come questo.
E come per il punto croce,  prova a rovesciare il lavoro e ad osservare il retro: è perfetto.

Patchwork (14)

Questa magia di nero, grigio e antracite ha un nome fantastico e sognante, Supernova.

Patchwork (15)

E ancora rosa, lampone, rosso.
E righe, fiori e disegni, in armonia assoluta.

Patchwork (16)

E ancora, le sfumature della notte, piccole lune e stelle scintillanti, i tessuti usati per questo quilt appartengono alla Collezione Nocturne di Janet Clare, variazioni di blu e celeste in una notte lucente.

Patchwork (17)

Patchwork

Metti di trovarti nello studio di Fabia Delise,  la terra e il cielo sono vicini, nei colori di sabbia e ocra e negli azzurri freddi di certe giornate invernali.

Patchwork (19)

E poi guarda, lei realizza disegni sulla stoffa con una tecnica complessa che certo richiede molto esercizio.

Patchwork (20)

E poi, all’arte e al colore aggiungi parole scritte dai poeti.

Patchwork (21)

E poi, metti che lei ami tanto Walt Whitman e allora da quelle stoffe e da quei versi nasceranno delle cartoline speciali.

Patchwork (22)

E poi? Se invece diventassero dei piccoli quadri?

Patchwork (22a)

Doni della fantasia e della creatività, doti di che sa vedere e immaginare oltre la materia.
E allora metti che in un giorno d’ottobre ti trovi nello studio di una vera artista.
E il tuo sguardo trova un quilt, ti sembra di distinguere confusamente frasi e sensazioni.
Sembra.
C’è un filo rosso, circonda due sole parole.
E tutto il resto è un turbine, come le emozioni, come le cose che non sai dire, come i pensieri che si accavallano lasciando emergere solo ciò che è più importante.
Doti di che sa vedere e immaginare oltre la materia.

Patchwork (23)

Annunci