Una sfumatura di arancio

Nel caldo dell’estate, i giardini sono autentiche oasi di pace.
E così, camminando per Fontanigorda, osservo e oltre i cancelli trovo tavolini per pranzare all’aperto, ombrelloni che donano ombra ristoratrice, gatti assonnati che se ne stanno tranquilli sul prato.
E poi, in un certo giardinetto, ecco una fila di vasi con i gerani curati con amore, un muretto in pietra e il sole che illumina l’erba verde e le corolle.
E una sfumatura di arancio, così simile a quei fiori che sbocciano lì accanto, nel pieno della bella estate.

Ortensie e farfalline

Tra le bellezze di Fontanigorda bisogna sempre ricordare le magnifiche ortensie che con i loro colori deliziosi abbelliscono i giardini e fioriscono generose sulle scalinate.
Ci sono ortensie di diversi colori, questo ricco cespuglio ha fiori dai toni color pastello, un trionfo di armoniose sfumature.

Rosa acceso che si ravviva al calore del sole.

E tenue celeste, sulla foglia li accanto si posa una leggera farfallina.

Un’altra, nera e bianca, plana sui petali delicati.

Ed è una sinfonia di colori, una bellezza semplice eppure grandiosa.

Ancora foglie tenere, di verde vivace brillante.

E fiori magnifici, grandi e ondeggianti, così carichi di luce.
Appena un fremito, un battito di ali, il respiro impercettibile della vita.

Tra ortensie e farfalle, nel tempo d’estate, a Fontanigorda.

La fioraia di Via Carlo Felice

I suoi bouquet sono rinomati per eleganza e raffinatezza, la nostra Maria Casareto ha il suo bel negozio di fiori in una delle vie più eleganti della città: quella Via Carlo Felice che un giorno muterà il suo nome e verrà chiamata Via XXV Aprile.
Nel tempo di Maria ecco la sfilata di negozi: in Via Carlo Felice si vendono cappelli alla moda e profumi, abiti per signora, guanti e molti altri articoli interessanti.
Andare a far compere in Via Carlo Felice è una gioia per gli occhi!

Cartolina appartenente alla Collezione di Stefano Finauri

E là, a pochi passi dai fasti di Via Roma ecco anche l’elegante negozio di Maria con i suoi nastri dai colori delicati per raccogliere i fiori, i cesti con le violette e le rose dai petali setosi.
In questa Genova di fine Ottocento l’effimera bellezza dei fiori sembra essere molto gradita e la signora Casareto ha il suo bel da fare per accontentare la sua clientela.
Infatti, sfogliando il mio prezioso Lunario del Signor Regina del 1887 ho trovato la sezione dedicata ai fiorai e non mancano certo le sorprese.
In quel 1887 in Via Carlo Felice non c’è solo la nostra Signora Casareto a vendere fiori, c’è anche il negozio del Signor Bagnasco, quello della Signora Castagnino e quello di Caterina Moro, per non dire poi di Angela Traverso che ha la sua bottega nella vicina Piazza Fontane Marose.
Che concorrenza, quanti fiorai in pochi metri!

Tra tutti loro c’è anche lei: Maria Casareto.
E nel mio gironzolare in cerca di tracce del nostro passato tempo fa, al mercatino, ebbi la fortuna di trovare un cartoncino pubblicitario che rimandava agli anni gloriosi di un certo negozio genovese.
C’erano le rose, c’erano i boccioli, c’era la grazia del tempo perduto: là, nel negozio di Maria Casareto, la fioraia di Via Carlo Felice.

Diverse sfumature di bianco

E poi diverse sfumature di bianco e di estate in Val Trebbia e di rose che dondolano nell’aria tiepida contro il cielo limpido.

Mentre il vento sospinge il bucato in una danza gentile.

Bianco di gigli, simbolo assoluto di purezza.

Bianco di teneri petali sui quali si posa la farfalla leggera.

Diverse sfumature di questo candore di margherite assetate di luce che si aprono al sole.

E ancora bianco di luce abbacinante che inonda nobili fiori odorosi.

Bianco lucidato da brezza fresca, bianco di lenzuola e profumo di Sapone di Marsiglia.

Bianco di nuvole lievi che attraversano il cielo e bianco di rose, candide e meravigliose in un giorno d’estate a Fontanigorda.

Una panchina tra i fiori

È una panchina tra i fiori, in un angolo di semplice bellezza, qui a Fontanigorda.
Vicina ad orti curati con amore, dove crescono tenere insalatine mentre le api ronzano e gli uccellini dispettosi planano tra le foglie.
È una panchina tra i fiori, poco distante sbocciano rose rosse, gialle, bianche e dai toni delicati dell’arancio, si aprono al sole grosse margherite e le piante aromatiche spandono nell’aria i loro profumi.
C’è uno steccato di legno, i vasi allineati ospitano gerani allegri e colorati.
E tutto è cosi semplice, accogliente, autentico.
E tutto freme, fiorisce, rinasce a nuova vita, attorno a una panchina tra i fiori.

Vivace come l’estate

Vivace come l’estate è l’erba verde, fresca e ondeggiante.
Vivace è il cielo, brillante di blu, luminoso e frizzante di aria pulita.
Le persiane chiuse, a garantire benefica ombra in un pomeriggio pigro.
Un tavolino, due sedie, una sdraio rossa in armonia con i petali profumati delle rose e tutto è perfetto in un giorno dalla bellezza gloriosa e vivace come l’estate, qui a Fontanigorda.

Il primo giorno di una nuova estate

Il primo giorno di una nuova estate arriva leggero e gentile.
Ci si lascia alle spalle un tempo incerto e davanti, luminosa e bella, ci attendono i mesi del sole.
Il primo giorno d’estate porta, in genere, progetti di svago, di mete da raggiungere, di un tempo più lento di cui godere, di una dolcezza unica da assaporare.
Ed è una tiepida pigrizia, un nuovo inizio e un nuovo spirito.
Il primo giorno d’estate, qui in Val Trebbia, ha in sottofondo il canto di uccellini a volte fin troppo mattinieri che cinguettano sul tetto e serate chiare e sole che si getta nei monti.
E davanti a certe case ci sono boccioli e petali di rose e ciotole colme di fiori e tutto sboccia e rinasce, ancora una volta.
E così è arrivato, il primo giorno di una stagione nuova: benvenuta, cara e bella estate!

Il tempo del maggiociondolo

È un albero maestoso, si sporge da un giardino oltre lo steccato e così cerca il sole.
Ha un fogliame ricco, intenso e lucente.

E nella tarda primavera si copre di fiori gialli: questo è il maggiociondolo, una persona di Fontanigorda mi ha detto che qui nel genovese è noto anche come laburno e che un tempo era detto albero del Corpus Domini e veniva usato come ornamento.
Tuttavia bisogna prestare attenzione perché la sua è una bellezza davvero pericolosa: questo albero infatti è molto velenoso.

Osserviamolo così cautamente da lontano, mentre i suoi fiori dondolano nell’aria.

Una bellezza gloriosa e magnifica.

L’albero, come chiaramente si intuisce dal suo poetico nome, è più ricco e generoso nel mese di maggio.

Ancora resta, in questa aria leggera e calda, con i suoi fiorellini gialli.

È una danza di petali leggiadri e colmi della luce del sole.
Contro le montagne e contro il cielo azzurro.

In questi giorni di giugno così ancora si ammira la beltà superba del maggiociondolo.

Lo splendore del lilium

Ha dormito per alcune stagioni e per diversi mesi, quieto, sotto la terra che lo ha protetto.
E dire che mi ero anche dimenticata di avere questa pianta acquistata lo scorso anno a Fontanigorda, sul finire dell’estate.
È rimasta là, poi le sue foglie sono spuntate piano piano, ci ho messo pure parecchi giorni a riconoscerla, quando poi i suoi boccioli si sono aperti si è svelata la rigogliosa vitalità del lilium.

È una pianta bellissima e davvero ricca di fiori.

Rosa intenso, dai petali setosi.

Incurante del fatto che io mi sia davvero scordata della sua esistenza, il lilium ha così manifestato la sia prepotente bellezza, certo di non farsi mai più dimenticare.

Giorno dopo giorno, fiore dopo fiore, sotto le gocce di pioggia ristoratrice.

Sbocciata sotto il sole di giugno, questa è la splendida eleganza del lilium.