I fiori della Val Trebbia

La bellezza che spontanea sboccia ai margini del bosco e sui verdi prati, i fiori selvatici della Val Trebbia.

Fiori

Fragili e forti, ogni fiore è pura armonia.

Fiori (3)

La natura conosce tutte le sfumature di ogni colore.

Fiori (4)

Ti fa incontrare timide violette.

Fiori (4a)

E pone sul tuo cammino gioiose margherite.

Fiori (5)

Ed è tutta una questione di equilibri che noi non sappiamo comprendere.

Fiori (6)

Sul finire di giugno in questi luoghi ai margini delle strade sbocciano i gigli di San Giovanni, vividi d’arancio e di sole, fugaci splendori di un breve periodo.

Fiori (7)

Ogni stelo è uno stupore.

Fiori (8)

Così è la natura, sa creare accostamenti perfetti: e sono stelline e non ti scordar di me.

Fiori (9)

E sono piccoli petali perfetti intinti nell’azzurro del cielo.

Fiori (10)

E persino il fiore più semplice è come un sole lucente.

Fiori (11)

E poi rosa, rosa di fior di pisello.

Fiori (13)

E ancora così, mescolato a candido bianco.

Fiori (12)

Oppure acceso e vivace di giallo d’estate.

Fiori (14)

E poi questa effimera bellezza, basta un soffio a farla svanire.

Fiori (15)

La natura però è tenace, non si arrende mai.
E sulle rocce è ancora rosa, brillante e luminoso.

Fiori (16)

E poi è rosso di fragili papaveri dai petali di seta.

Fiori (17)

Liberi, selvatici e chiari di luce, sono i fiori della Val Trebbia.

Fiori (18)

Annunci

Il risveglio dell’estate

E che l’estate abbia inizio!
Dopo i tuoni e i temporali, le piogge improvvise e le inattese grandinate finalmente sembra arrivata la bella stagione.
Siamo già al 21 giugno e così diamo il benvenuto a questa bizzosa estate, la ragazzetta capricciosa si è fatta desiderare ma ora sembra essersi risvegliata e ci allieterà con il vento caldo e il suo chiarore intenso.
Scelgo un’immagine scattata lo scorso anno al margine del bosco, con la speranza che sia di buon auspicio.
Questo luminoso fiore dai toni d’arancio è il giglio di San Giovanni che fiorisce in Val Trebbia in questi giorni di giugno.
Ed è una specie protetta, è vietato raccoglierlo, pertanto se lo vedete fermatevi ad ammirarlo, rendete omaggio alla sua bellezza e rispettate la natura, siamo noi per primi a dover difendere la ricchezza che l’universo ci dona.
Ed io attendo i pomeriggi sui prati, le passeggiate all’ombra degli alberi, gli uccellini che svolazzano da un ramo all’altro.
E il giglio di San Giovanni in tutto il suo lucente splendore.

Giglio di San Giovanni