La Pineta

E poi, d’improvviso, il desiderio di camminare tra gli alberi.
Nella pineta.
La pineta ad agosto, questa si trova sulla strada che da Ottone porta al Castello di Cariseto.
Curva dopo curva, tra i rami che si protendono verso la strada.

Pineta

La pineta, a differenza di altri boschi, ti sovrasta ma non nasconde l’orizzonte e il cielo.
La pineta è una magia di incantati silenzi e di oscillazioni, la pineta è quieta calma.

Pineta (2)

La pineta è un’armonia verticale.

Pineta (3)

Ed è una sinfonia di alberi dove ti addentri con fiducia, è aria e azzurro che si intravede e aromi e profumi di bosco.
E in questa pineta correvano leggeri i daini, qui li ho incontrati la scorsa estate.

Pineta (4)

La pineta accompagna il tuo sguardo.

Pineta (5)

E poi a terra, il bosco generoso lascia cadere i suoi doni preziosi.

Pineta (6)

Quindi raccogli le pigne, le metti nelle tasche, nello zainetto e poi a casa le riporrai insieme alle altre, in un cesto di vimini, ricordi delle passeggiate nelle pinete.
Quelli che non raccolgono le pigne si perdono qualcosa, secondo me.

Pineta (7)

E il silenzio, quel silenzio della pineta, è costantemente rotto dagli allegri cinguettii degli uccelli, tra i tanti ho anche sentito un picchio.
Poi questi abitanti del bosco frusciano, svolazzano, si chiamano, bisticciano, discutono ma è difficile che si facciano vedere, se ne stanno sui rami alti.
Ecco, anche quelli che non ascoltano gli uccellini si perdono qualcosa, ne sono più che certa.

Pineta (8)

Quindi tu sei lì e cammini tra quegli alberi.
Con quella fiducia, sì.
E vai oltre, oltre, oltre.
La pineta è una delle musiche della natura, nulla è fuori posto.

Pineta (12)

Ti circonda è sopra di te, davanti a te, alle tue spalle.
E ti protegge.
Respira, respira, respira.
E’ aria limpida e pura, profumo fresco e rigenerante.

Pineta (10)

E poi guarda verso il cielo, verso le nuvole, verso quegli alberi, uno dei doni immensi della madre terra.

Pineta (11)

Annunci