La luce in Vico delle Compere

E arriva così la luce in Vico delle Compere: si schianta sui muri antichi e li rischiara, in uno di quei momenti miracolosi ancora più affascinanti perché a volte così brevi.
Questo vicolo non distante dal mare deve il suo toponimo alla sua vicinanza con l’antico Banco di San Giorgio un tempo sede della Compagnia di San Giorgio nota anche come Casa delle Compere e dei Banchi di San Giorgio.
La gloria di Genova è legata a doppio filo a questa antica istituzione, in tempi lontani a Genova si ricorreva appunto alle Compere e cioè a dei capitali presi in prestito da privati i quali ricevevano in cambio sonanti interessi.
E si cammina nella storia, nei luoghi dove il sole ritorna, a questa maniera.

Dove in certe giornate di luce così intensa e vivace è sempre una sorpresa trovare con lo sguardo le prospettive verticali di Genova.

E resta, anche questo, uno dei miei luoghi.
È un caruggio che porta al mare, a pochi passi c’è il Porto Antico con i suoi moli e le sue ariose vastità.
Ed è un caruggio che conduce in Piazza De Marini, dove è sempre piacevole andare a sbirciare le vetrine della libreria antiquaria Dallai.
E così, di volta in volta, mi capita spesso di passare da queste parti.
Tra antichi muri e tracce di vite passate.

Qui il sole rilascia il suo calore su questa pietra nera dove al centro è scolpito il trigramma di Cristo.
Pensate a tutti gli sguardi che si sono posati per qualche istante su queste pietre vetuste che ancora adornano le nostre strade.

La vita, poi, ha il profumo dell’aria del mare.
E ognuno cammina nel proprio destino, sotto il portici, in un tiepido pomeriggio primaverile.
E ognuno ha la propria meta, è il viaggio di ogni giorno, scandito dai ritmi del quotidiano, nei pressi dell’antico Palazzo San Giorgio.
A quel tempo distante ci accomuna questa luce brillante di porto e di mediterraneo, intrisa della vitalità di una stagione nuova, nel gioco di incredibili ombre che cadono tra i muri dei caruggi.
Misteriosa e magnifica, così è la luce in Vico delle Compere.

Annunci

Theodore Roosevelt: un turista americano a Genova

È un giorno di aprile del 1910 quando a Genova giunge un illustre visitatore, è stato presidente degli Stati Uniti d’America e con lui viaggiano la sua consorte e i suoi figli.
I Roosevelt sono stati prima a Roma e poi hanno raggiunto la ridente riviera ligure, hanno trascorso una notte all’Hotel Miramare di Sestri Levante e in seguito si sono fermati a Rapallo, da lì sono ripartiti alla volta della Superba.

A Genova tutti li attendono con trepidazione, a dar loro il benvenuto c’è il Console Generale degli Stati Uniti d’America, non manca un drappello di giornalisti americani ed italiani pronti ad incontrare il celebre ospite.
Lo aspettano nell’albergo che Theodore Roosevelt ha scelto per il suo soggiorno: l’Hotel Britannia in Via Balbi.

E come potrete immaginare ad accoglierlo giungono tutte le massime autorità cittadine, c’è una certa fierezza nell’omaggiare un personaggio così importante, il Comune gli donerà alcune pubblicazioni, una di esse è la riproduzione degli Annali del Caffaro.
Tutti si offrono di accompagnare lui e la sua famiglia alla scoperta della città: il presidente del Consorzio Autonomo del Porto, Nino Ronco, si propone per fargli visitare Palazzo San Giorgio, il solerte assessore Caveri si mette a disposizione di Roosevelt per un giro nei musei.

Roosevelt è amabile e cortese, spende parole generose per l’Italia e per Genova, è grato per l’accoglienza riservatagli.
Spiega ai suoi ospiti che lui è già stato nella nostra città, è accaduto durante il suo viaggio di nozze e comunque riguardo ai programmi delle sue ore genovesi dice che dovrà sentire la sua signora.
Ed è proprio sua moglie, dopo breve tempo, a farlo chiamare dal direttore dell’albergo, è l’ora del tè e la bevanda si raffredda.
Per Roosevelt non è semplice accomiatarsi dalla folla di gente che gli gira intorno, tutti si affannano nel proporgli il loro aiuto ma l’ex presidente degli Stati Uniti declina cortesemente e dice che la sua è una visita privata, si fermerà solo un paio di giorni e poi proseguirà alla volta di Porto Maurizio.
La mattina dopo la sveglia suona di buon mattino, Roosevelt sbriga la corrispondenza e poi si gode una buona colazione all’Hotel Britannia assieme alla sua compagna di viaggio e di vita.
Inutile dire che la Direzione dell’Albergo è giustamente fiera di annoverare tra i suoi ospiti una figura così importante, un timbro apposto sul retro di certe cartoline ricorderà quel memorabile evento.

La giornata genovese di Theodore Roosevelt inizia in compagnia di un caro amico, insieme a lui egli visita la Chiesa di San Matteo e le tombe dei Doria.

Poi il nostro turista americano si gode una bella passeggiata in Strada Nuova, vedrà Palazzo Rosso e Palazzo Bianco e avrà modo di apprezzare i capolavori artistici di Genova.

E proprio in Via Garibaldi va a succedere uno spiacevole disguido!
Eh già, infatti il nostro desidererebbe visitare un certo palazzo ma a sbarrargli il passo trova due irremovibili portieri i quali, malgrado le rimostranze dei giornalisti presenti, si rifiutano di far entrare Roosevelt.
I due continuano a ripetere di non aver ricevuto alcuna direttiva dal padrone di casa e quindi non ci pensano neanche a far entrare visitatori non autorizzati!
Eh insomma, un po’ di elasticità, caspita!
Roosevelt non fa un piega e torna verso Via Balbi, dopo una rapida visita a Palazzo Durazzo Pallavicini rientra all’Hotel Britannia.

Qui attende di incontrare un celebre italiano, è lo scrittore Antonio Fogazzaro, uno dei massimi rappresentanti della nostra letteratura.
L’atteso incontro non si verificherà in quando Fogazzaro non si presenterà all’Hotel, purtroppo non conosco le circostanze di questo mancato appuntamento.
Roosevelt e la sua famiglia lasceranno Genova salutati dalle autorità cittadine con tutte le dovute celebrazioni e proseguiranno alla volta di Porto Maurizio con il treno, alla famiglia viene riservato dalle Ferrovie un vagone di prima classe.

Se vi interessa posso anche dirvi che il convoglio lasciò la stazione Principe in perfetto orario, il giornalista che ha raccontato questi giorni genovesi di Roosevelt ha precisato anche questo dettaglio.
Tutte le notizie che avete letto sono tratte dal quotidiano Il Lavoro del 9 e 10 Aprile 1910, le belle immagini antiche dell’Hotel Britannia appartengono al mio amico Eugenio Terzo che come sempre ringrazio.
A leggere i vecchi giornali si hanno sempre piacevoli sorprese, si scoprono frammenti del passato sempre degni di essere raccontati.
Accadde in primavera, era un giorno d’aprile e a Genova giunse un illustre visitatore: era Theodore Roseevelt, un turista americano nella Superba.

Piazza della Raibetta, camminando nel nostro passato

Vi porto ancora a fare un viaggio nel passato, in una parte della città che non è poi mutata così tanto.
Andremo alla Raibetta, un tempo questa zona era sede di mercato, spiega il solito impareggiabile Pescio che l’origine di questo toponimo è araba e si riferisce alla vendita dei legumi e della biada.

piazza-della-raibetta

La mia personale macchina del tempo funziona perfettamente, si direbbe.
E quei colori che ora ravvivano le case e la prospettiva davanti a San Giorgio lasciano il posto al bianco e nero di antica memoria.
Tic tac, così gli anni scorrono, all’indietro.

via-frate-oliverio

E ad attraversare la Piazza è un signore immerso nei suoi pensieri.
Ferve la vita e ha i suoi ritmi definiti, si snodano a terra certe rotaie, penso che siano quelle del tram.
E i giorni fuggono, non si saprebbe nemmeno dire in quale maniera accada.

via-frate-oliverio-2

E poi le finestre.
Aperte, spalancate ad accogliere una ventata di aria intrisa di profumo di mare mentre le voci della strada pervadono le stanze.

via-frate-oliverio-3

Le case antiche celano notti insonni, promesse e parole.
E lacrime di gioia e addii, il pianto di un neonato che viene alla luce, l’ultimo respiro di un uomo che lascia le cose del mondo.
Le case antiche conservano vite e ricordi che nessuno sa più ricordare, a volte.
E quelle finestre sono ancora identiche, solo il lume della pubblica illuminazione non c’è più, una diversa luce rischiara questa zona.

via-frate-oliverio-4

Sembra che tutto sia rimasto immutato eppure ad osservare con attenzione si notano alcune differenze.
L’arco del portico, in questo scorcio di un altro secolo.

via-frate-oliverio-4a

E come è adesso, sgombro della parte superiore.

via-frate-oliverio-4b

E ancora una finestra dietro alla quale respira la vita.
Un manifesto pubblicitario: da Gilardini si vendono ventagli e paracqua, ombrellini e pelletteria, un negozio chic che soddisfa le ambizioni delle signore di Genova!

via-frate-oliverio-5

Serve un albergo? C’è l’Hotel Nettuno!

via-frate-oliverio-6

E non mancano i profumi e i belletti di gran marca, nell’elegante Via Roma c’è il negozio delle macchine da cucire Singer e chi volesse rincuorarsi con un buon Fernet sceglierà certo un marchio ancora adesso celebre.

via-frate-oliverio-7

Tic, tac, il tempo vola via.
Come tutti coloro che affollano la via, un gentiluomo con un’elegante bombetta e un soprabito di buon taglio segue il suo destino, poco distante una coppia di sposi se ne va a passeggio.
Li osserviamo di spalle, senza conoscere i loro volti.
E resta una domanda, un interrogativo sospeso senza risposta.
Per loro cosa era la felicità?
Una casa accogliente, una famiglia, un lavoro sicuro, i bambini che crescono sani e sereni.
Una vita tranquilla, insomma.
Poi, sai, la felicità è quasi sempre simile a se stessa, in ogni tempo.

via-frate-oliverio-8

Sotto al portico, fianco a fianco, due amiche si concedono un pomeriggio per negozi.
Superano il posto dove si vendono i vini, sospetto che non fosse proprio il luogo adatto a due signorine perbene!
E sentite le loro voci?
Parlano piano, come si conviene, con il giusto garbo, una certa inflessione dialettale tradisce la loro origine, le due signorine sono proprio genovesi.

via-frate-oliverio-9

Il tempo trascorso e il tempo presente si assomigliano, si sovrappongono, si sfiorano e quasi si confondono.
In questo tratto di strada che così spesso percorriamo.

via-frate-oliverio-10

Così era ieri, in un tempo distante che non abbiamo vissuto.

via-frate-oliverio-11

Un terrazzino sopra Via San Luca

Accadde un po’ di tempo fa: ero sulla terrazza panoramica del Museo di Palazzo Spinola di Pellicceria.
E lì di fronte c’è un terrazzino.
Sapete, una di quelle meraviglie incastonate tra i tetti e l’azzurro del cielo.

Tetti di Genova (3)

Faccio una foto, la condivido su Twitter e scopro che questa è la casa di coloro che dispensano preziosi consigli sulla Superba: Genova4Tourist, dritte e bellezze per chi visita Genova direttamente da chi vive in città.
E ieri, sotto un sole scintillante, sono salita lassù.
E così oggi vi racconto Genova da quel terrazzino, è sempre un’emozione grande scoprire la Superba da un nuovo punto di vista.
Una scaletta, le geometrie spioventi del tetto, qualche gradino.

Tetti di Genova (4)

E ad ogni passo Genova si svela.

Tetti di Genova (5)

Guarda, ecco la celebre terrazza di Palazzo Spinola, è a breve distanza.

Tetti di Genova (5a)

Cielo azzurro, niente vento, il caldo d’inizio estate.

Tetti di Genova (6)

E i consueti stupori.
Da un palazzo all’altro, nella città vecchia, il panorama muta e ogni volta puoi scoprire nuove bellezze.
E vedi la linea del mare,  la vita di una città portuale, la curva della sopraelevata che si snoda tra le case alte.

Tetti di Genova (7)

Guarda lassù, i palazzi della Spianata e l’ascensore di Castelletto.

Tetti di Genova (8)

Mentre sbocciano i fiori e davanti a te si estendono gli splendori della Superba.

Tetti di Genova (9)

Ed è un continuo susseguirsi di campanili, finestrelle, altri terrazzi, il tempo di Genova sfiora il cielo.

Tetti di Genova (10)

E svetta maestosa la Torre degli Embriaci.

Tetti di Genova (11)

A sinistra dell’immagine si vede parzialmente la chiesa di San Luca, su tutto predomina la Cattedrale di San Lorenzo.

Tetti di Genova (12)

E poi persiane aperte ed abbaini.

Tetti di Genova (13)

Vicoli, caruggi e piazzette sono sotto di te.
Ed è proprio quella città, la sua poesia è in certe parole di Giorgio Caproni che amo sempre citare:

Genova città pulita.
Brezza e luce in salita.
Genova verticale,
vertigine, aria, scale.

Tetti di Genova (14)

E se hai un terrazzino come questo cosa fai?
Ci metti un tavolino, le sedie e ti lasci accarezzare dalla luce delle calde sere d’estate.

Tetti di Genova (15)

Tra comignoli, profili di caruggi ed ancora campanili.

Tetti di Genova (16)

E non potrai mai dire di aver veduto Genova se non hai ammirato la distesa dei suoi tetti, lo sanno bene i visitatori che salgono la scaletta che porta al terrazzino di Palazzo Rosso.

Tetti di Genova (17)

C’è un silenzio magico sopra San Luca, mentre osservo la città nella cornice della ringhiera.

Tetti di Genova (18)

Sono queste le armonie che svelano la sua identità, il suo spirito fiero, quella bellezza che dovremmo saper esaltare.

Tetti di Genova (19)

Cartoline da Genova, da un terrazzino sopra i tetti, in una mattina di giugno.

Tetti di Genova (19a)

E tutto attorno è un trionfo di fiori, piante e alberelli che respirano l’aria del mare.

Tetti di Genova (20)

Genova d’azzurro, di acqua e di cielo.
Si staglia candido il profilo di Palazzo San Giorgio, non lo avevo mai veduto da questa prospettiva.

Tetti di Genova (21)

E poi.
E poi, chiacchiere tra amici, ancora ardesia, estate e focaccia.
Lassù, sui tetti.

Tetti di Genova (26)

E petali che si aprono al sole e si dischiudono generosi.

Tetti di Genova (23)

Le campane suonano, i gabbiani si librano alti e un aereo sorvola la città.

Tetti di Genova (24)

Ringrazio gli amici che mi hanno ospitato, mi hanno regalato ancora nuove meraviglie.
Questa è la mia Genova, la città che amo, vorrei che tutti potessero vederla così.
Splendente, nella sua unicità.
Vera e Superba, da un terrazzino sopra Via San Luca.

Tetti di Genova (25)

La Croce di San Giorgio

Oggi, 23 Aprile, è il giorno di San Giorgio, eroica figura che da molti secoli ha un posto speciale nel cuore dei genovesi.
La memoria di San Giorgio e delle sue gesta è scolpita sopra i portoni dei palazzi della città vecchia e se non sapete per quale ragione la sua immagine si trovi su certi edifici invece che su altri qui trovate la spiegazione e potrete leggere anche la storia avventurosa di questo Santo che sconfisse un terribile drago.

Vico dell'Oliva

E nel giorno a lui dedicato io desidero celebrare il Santo valoroso e anche il vessillo della Superba sul quale campeggia fiera proprio la Croce di San Giorgio.
Pe Zêna e pe Sàn Zòrzo, queste parole risuonano in questa città dagli albori della Repubblica di Genova.
Per Genova e per San Giorgio!

Bandiera di Genova

Genova celebre per le sue imprese, Genova temuta e rispettata.
Croce rossa in campo bianco, simbolo dell’eroismo dei Crociati in Terra Santa, la Croce di San Giorgio figura anche sulla bandiera inglese: sul finire del 1100 fu proprio la Repubblica di Genova a concederne l’uso al Re d’Inghilterra.
In cambio di moneta sonante il Doge della Superba si impegnava a proteggere con la sua flotta le navi inglesi che, battendo la celebre bandiera genovese, si avventuravano nel Mediterraneo all’epoca infestato da minacciosi pirati.

Bandiera di Genova (5)

Ancora adesso il simbolo di Genova La Superba sventola nelle strade un tempo percorse da valenti uomini di mare.
Non so dirvi quante volte ho incontrato la Croce di San Giorgio, scorgere questi colori per le vie della mia città suscita in me un autentico senso di appartenenza.
Bianco e rosso, l’ho veduto in ogni luogo, davanti una finestra di Campetto e sopra l’orologio che scandisce le nostre giornate.

Bandiera di Genova (3)

Bandiera di Genova (4)

Simbolo di Genova e della sua grandezza.

Stemma di Genova

Sventola in cima alle torri di Porta Soprana.

Porta Soprana

Davanti al Palazzo che trae il nome proprio da San Giorgio, oggi sede dell’Autorità Portuale.

Palazzo San Giorgio

Ed è nel vessillo dei prodi Balestrieri del Mandraccio.

Balestrieri del Mandraccio

Di fronte al fastoso Palazzo della Meridiana.

Palazzo della Meridiana

Bianco e rosso, sul lampione che sovrasta una farmacia in Via della Maddalena.

Croce di San Giorgio

Nello stemma della città, a Tursi.

Palazzo Tursi

Sul faro che rischiara l’orizzonte ai naviganti.

Lanterna

In ogni modo, sempre.

Lanterna (2)

Davanti alla casa natale di un suo celebre figlio di nome Giuseppe Mazzini, colui che amava la sua Genova e anche il nostro tricolore.

Casa di Mazzini

Mossa dal vento, sulla sommità della Torre Grimaldina.

Torre Grimaldina

In quella magia di ardesie, abbaini e tetti dai quali affiorano misteriose torri antiche.

Torre Grimaldina (2)

Nello splendore del Salone del Minor Consiglio a Palazzo Ducale ancora sventola orgogliosa la nostra croce di San Giorgio.

Palazzo Ducale

La si scorge su certi cancelli, nelle luci di una sera d’inverno.

Piazza Banchi

Nelle grandi piazze, di fronte a vaste dimore.

Piazza della Nunziata

Nei semplici caruggi, nell’ombra nascosta dei vicoli.

Vico delle Camelie

E là, nel cielo blu che sovrasta Via Garibaldi.

Via Garibaldi

Nel giorno di San Giorgio, davanti al mare che bagna questa terra, simbolo di una fierezza che dovremmo saper conservare.
E in quelle parole che rimangono ancora nostre, fanno parte del nostro cammino nel mondo e della nostra identità.
Pe Zêna e pe Sàn Zòrzo!

Bandiera di Genova (2)

Un’importante elezione a Palazzo San Giorgio

Se ne parlò per giorni di quell’elezione.
Certo, il metodo prescelto per assegnare la carica era da sempre stato quello, imparziale e corretto, a suo modo.
Tuttavia, in città si rumoreggiava.
Chi sarà l’eletto? Chi andrà a coprire quella carica?
Accadeva diverso tempo fa, a Palazzo San Giorgio.

Palazzo San Giorgio  (11)

Il Grimaldi aveva un’idea tutta sua, se fosse dipeso da lui si sarebbe usata ben altra maniera, non faceva che dirlo a tutti eppure pareva che nessuno volesse dargli retta.
Anche quel giorno ribadì il suo pensiero, continuava a ripetere che era necessaria una maggiore accortezza.
Si accalorava, era un tipo dal carattere fumantino e quando c’era da difendere le proprie opinioni non si tirava certo indietro.
E parlava, parlava e intanto saliva le scale, con il fiato spezzato dalla fatica, il Grimaldi aveva una certa età.

Palazzo San Giorgio

Così, si trovarono tutti nuovamente riuniti nella Sala delle Compere e si levò un frusciante brusio.
Ognuno diceva la sua, certi non vedevano l’ora che si sbrigasse tutta la faccenda, era un dovere esserci ma ciascuno di loro aveva importanti affari di cui occuparsi.

Palazzo San Giorgio (3)
La gente che a Genova fa girare i denari e produce ricchezza è quasi tutta lì, signori, a Palazzo San Giorgio.
D’un tratto il silenzio: vengono fatti girare i bussolotti.

Palazzo San Giorgio (4)

E il Grimaldi è seduto là, in prima fila.
Lo vedete? E’ quello che scuote il capo in maniera sconsolata.
E accanto a lui c’è un gruppo di persone, tra loro ci sono alcuni dei candidati, si è tutti in fremente attesa dell’esito di quell’estrazione.
Il bussolotto si ferma, una mano raccoglie il nome del destino e termina così la tanto sospirata elezione.

Palazzo San Giorgio (6)

Il Banco di San Giorgio ha una lunga storia, emetteva anche moneta, fu sede della Compagnia di San Giorgio anche nota come Casa delle Compere e dei Banchi di San Giorgio.
Per risolvere certe avversità economiche il Governo dal XII secolo aveva stabilito l’usanza di chiedere prestiti ai privati, questi in cambio ricevevano i proventi di alcuni dazi, le così dette Compere.
Potete leggere la storia e le storie di questo celebre palazzo genovese qui, a questo link  invece trovate alcuni eminenti protettori del Banco di San Giorgio, sono effigiati in statue esposte nella Sala del Capitano.

Sala del Capitano (6)

La vicenda che avete letto è un mio gioco di fantasia, Grimaldi è il nome di un’importante ed abbiente famiglia genovese, il personaggio interprete di questo scritto è del tutto immaginario.
E’ vera e reale la suggestione della Sala delle Compere, presto vi farò conoscere le figure scolpite in quelle statue marmoree.

Palazzo San Giorgio (5)

E là, in quella sala, ci sono i bussolotti, risalgono al XVIII secolo, erano detti “Seminari” e venivano utilizzati per assegnare alcune cariche del Banco di San Giorgio.
E se anche voi andrete là vi parrà di assistere a quell’estrazione, tutto attorno sentirete rumoreggiare e poi d’improvviso cadrà il silenzio.
Accadeva diverso tempo fa, a Palazzo San Giorgio.

Palazzo San Giorgio (2)

I caruggi sotto la pioggia

Pazzie di primavera, a volte il cielo si copre di nuvole e piove.
E piove sui tetti spioventi della città vecchia, andar per caruggi sotto la pioggia è un viaggio di luce e riflessi, di ardesie lucide e bagnate.
E a volte, quando il cielo si rovescia impietoso sulla città, andar per caruggi significa doversi districare in una selva di ombrelli, i vicoli sono stretti, si sa.
Alzi la mano chi non è mai rimasto imbottigliato nel centro storico, in un giorno di pioggia, magari sotto le feste!
Sì, succede!
E se invece passi nei vicoli in un orario insolito può capitare di non incontrare nessuno.
Ed è tutto un viaggio di luce e riflessi, in Canneto il Lungo.

Canneto

Laggiù, oltre l’archivolto.

Canneto (2)

Grigio di Genova e di acqua piovana.

Caruggi

La pioggia nei caruggi a volte è gioco di specchi, puoi guardare la città nelle pozzanghere, facciate di palazzi e persiane spalancate in Piazza Banchi.

Piazza Banchi

E il campanile di San Pietro.

Piazza Banchi (2)

Piove sulle finestre e piove sulla loro immagine riflessa a terra.

Piazza Banchi (3)

E poi a volte, tra i vicoli, ti si svela all’improvviso qualche incanto di colore.

Caruggi (2)

Nei caruggi, quando piove, si cammina volentieri in Sottoripa, al riparo sotto i portici.
E poi però devi uscire fuori, magari vai verso il mare e a volte il vento ti piega l’ombrello, te lo spezza senza pietà.

Palazzo San Giorgio

Talvolta le pozzanghere sono generose, a Caricamento puoi vederci le case rosse che si affacciano sulla piazza.

Caricamento

E poi la Torre dei Morchi, un punto di vista insolito, lo so.

Caricamento (2)

E ancora, l’infilata di portici e di case e di luci accese, l’asfalto diventa uno specchio.

Caricamento (3)

Andar per caruggi sotto la pioggia, mentre al centro del vicolo un solo passante scende con l’ombrello aperto.

Caruggi (3)

Salite e discese, a volte si cammina in piano, per fortuna!

Vico di Posta Vecchia

E sì, anche in Via Garibaldi guarda in alto oppure guarda giù.

Via Garibaldi

La pioggia nei caruggi ravviva le tinte, le rende brillanti.

Via Dei Giustinani

Oppure crea l’effetto opposto, se osservi Via dei Giustiniani da questa prospettiva sembra tutto in bianco e nero.

Via dei Giustiniani

Luccica Via San Bernardo  deserta sotto la pioggia battente.

Via San Bernardo

Mi fermo a guardare, io che amo i vicoli, amo andarci anche quando piove, magari proprio quando in giro siamo davvero in pochi.

Vico dietro il Coro di San Cosimo

Cadono le gocce e si sciolgono in piccoli cerchi concentrici.

Caruggi (4)

Lucidi di acqua e di riflessi, questi sono i caruggi sotto la pioggia.

Caruggi (5)

In bianco e nero

In bianco e nero.
Le città e le sue chiese.
E le sue luci, in bianco e nero.

San Lorenzo (2)

La città e i suoi guardiani, alcuni sembrano piccoli e indifesi, eppure resistono allo scorrere del tempo.

Piazza delle Erbe

Il mondo in bianco e nero è forse più misterioso, ha il fascino di questi luoghi antichi, il passato pare anche più lontano.

Piazza delle Erbe (2)

Alza gli occhi, ovunque andrai incontrerai uno sguardo, a volte espressione di potenza e di grandezza.

Via XX Settembre

In queste strade ampie e spaziose, anche queste sono le mie strade.
E forse a leggere queste pagine si potrebbe pensare che a Genova ci siano solo creuze, piazzette e caruggi.
E invece no, non è così.

Via XX Settembre (2)

E anche qui troverai qualcuno che segue il tuo cammino.
Quanti sono gli sguardi che si posano su di noi?

Via XX Settembre (3)

La città in bianco e nero, la piazza inondata di luce.

Piazza De Ferrari

E scorci sulle case antiche e alte.

Via di Porta Soprana

 Cammino nella storia della città.

Palazzo Ducale

E incontro ancora altri guardiani silenziosi.

Chiesa del Gesù

La città in bianco e nero, l’azzurro del cielo che puoi solo raccontare.
E dire che sì, era terso, limpido e chiaro.

San Lorenzo (3)

E certe prospettive che ti regala solo la città vecchia.

San Lorenzo da Vico del Filo

Finestre, persiane e vetri.

Via San Lorenzo

E i nomi suggestivi, sempre.

Vico del Filo

E Colei che sempre veglia sul cammino degli abitanti di questa città, Colei che ne è Regina e che troverete in tanti caruggi.

Vico del Filo (2)

E qui vi imbatterete nelle storie più strane.
E a volte sono storie di tovaglie e patrioti, cose che non si penserebbe mai di vedere.

Piazza Caricamento

Storie di grandi armatori che guardano verso il mare di Genova.

Monumento a Rubattino

Di chiavi nei muri, di archi, di portici affollati di gente, di tutte le lingue del mondo che puoi udire in queste strade.

Piazza Caricamento (2)

E di piccolo putti dalle guance paffute.

Palazzo San Giorgio

E di angeli gentili e pieni di grazia.

Palazzo San Giorgio (2)

Di luce che danza sulle facciate.

Palazzo San Giorgio (3)

Ancora di archetti e di raggi di sole che tracciano al suolo linee perfette.
E tu sei lì, in quell’esatto istante e quando accade non vorresti davvero essere in nessun altro luogo.

Piazza de Marini da Caricamento

Di armonia di gesti e di misticismo.

Edicola - Via San Pietro della Porta

Di architetture che sorprendono.

Via dei Conservatori del mare

E l’istante.
Quell’istante perfetto.
E davvero non sai come sia possibile capitare lì proprio in quel momento.
Ancora me ne stupisco, i raggi di sole sono sempre imprevisti e imprevedibili in questi caruggi.

Via Conservatori del mare

Eppure accade.
Qui, nella città vecchia.
Cade la luce sull’abito umile.
Cade la luce su quelle mani giunte.
L’ombra misteriosa protegge il viso e quello sguardo benevolo che veglia sul nostro cammino.

Edicola

Transatlantico Rex, il mito e la memoria

L’epopea dell‘oceano, le avventure verso l’America.
Signori, chiudete i vostri bauli, siete pronti ad imbarcarvi su una possente nave?
Vi porto a fare un viaggio su un gigante del mare: il Rex.
La storia di questo transatlantico è in mostra a Palazzo San Giorgio dove troverete un percorso interessante e ricco di fascino.
Costruito dai Cantieri Ansaldo e da O.A.R.N., il Rex fece la sua prima traversata il 27 settembre 1932: la nave era una vera signora del mare come lo era il Conte di Savoia, altro transatlantico dell’epoca del quale troverete notizie e immagini a Palazzo San Giorgio.
E l’occasione della mostra è offerta da un anniversario.
Era una calda giornata d’agosto del 1933: il Rex salpò da Genova e giunse a New York in 4 giorni, 13 ore e 58 minuti compiendo il record della traversata più veloce che gli valse l’assegnazione del Nastro Azzurro, titolo strappato alla nave tedesca Bremen.
Il Rex e la II Guerra Mondiale, la splendida nave passeggeri divenne proprietà tedesca e fu poi bombardata dall’aviazione alleata, la sua demolizione iniziò nel 1947.
E lunghe e complesse sono le vicende del celebre transatlantico durante la guerra, le potrete leggere su un grande pannello che apre il percorso espositivo.
A noi attende un viaggio, un viaggio meraviglioso.
Ed eccolo il Rex, signori, un immenso transatlantico pronto ad affrontare le onde.

Rex

Un allestimento di forte impatto, molto scenografico.
E gli oblò sono tutti illuminati!

Rex (2)

Andiamo a guardare le cabine, signori, ci sarà da meravigliarsi.
Ecco un’elegante camera da letto.

Rex (3)

E qui invece troviamo delle belle poltroncine.

Rex (5)

Un tavolino con fiori freschi.

Rex (4)

E le altre cabine sono ugualmente accoglienti.
Sull’oceano, verso Nuova York.
Troverete immagini della nave e dei suoi locali, sono fotografie che provengono da collezioni private.

Rex (6)

Una gloriosa nave passeggeri, ma com’era un viaggio sul Rex?
Su un dettagliato pannello sono riprodotti i piani isometrici della prima classe.
C’erano divertimenti per tutti i gusti sul glorioso transatlantico: una pedana per la scherma e il pugilato, una galleria coperta per il tiro a segno, terme e campi da tennis, piscine e sale di lettura.
E poi un immenso salone da pranzo con aria condizionata calda o fredda a seconda delle esigenze, una sala da pranzo riservata ai più piccini e alcune altre sale private.
Il meraviglioso Rex.

Rex (9)

La potente campana del transatlantico.

Rex (10)

Le lettere provenienti dallo scafo.

Rex (11)

E poi ancora carte e disegni.

Rex (12)

Frammenti del passato.

Rex (7)

E ricordi che qualcuno ha gelosamente conservato.

Rex (8)

Una mostra particolare ed interessante, troverete anche diversi manifesti.
Si arriva a New York in poco più di sei giorni, scegliete la nave che preferite: il Rex o il Conte di Savoia.
E potrete accomodarvi sul ponte mentre il vento vi accarezza i capelli.
Un’esperienza da non perdere!

Rex (13)

Un’esposizione ricca, in una vetrina troverete i libretti delle due navi.
Ma ditemi, su quale delle due ci imbarcheremo?

Rex (15)

Anche i passeggeri di terza classe sembrano passarsela bene.
Un caro saluto a chi rimane a terra, noi salpiamo!

Rex (16)

E quando saremo di ritorno avremo un’avventura da raccontare!

Rex (17)

Oh, che viaggio, fino in America!

Rex (18)

Un viaggio pieno di sorprese.

Rex (14)

E sapete, la nave era lussuosa ed elegante, nel ‘44 i suoi arredi e le suppellettili vennero asportati dai tedeschi, pertanto è difficile trovare pezzi dei servizi da tavola in uso a bordo del Rex.
Le porcellane erano prodotte da Richard Ginori, c’erano anche servizi in metallo argentato della milanese Fratelli Broggi.
Ogni classe d’imbarco aveva il suo servizio, qui esposto con una copia della lista passeggeri.
La prima classe è sontuosa e regale.

Rex - Prima Classe

C’è anche uno splendido servizio da tè.

Rex - Prima Classe (2)

C’è una lista passeggeri definita classe speciale: il Rex era talmente di lusso che questa sua seconda classe era considerata di gran lunga superiore rispetto a quella degli altri transatlantici.

Rex Classe Speciale

E anche qui si consumavano i pasti servendosi di delicate porcellane.

Rex - Classe Speciale

Ecco la classe turistica.

Rex (30)

E i portacenere di bordo.

Rex - Classe Turistica (2)

Le ricchezze di una bella nave.

Rex (31)

E poi si trova una vetrina nella quale sono esposti menu Kosher: erano destinati ai tanti ebrei che lasciavano le loro case alla volta degli Stati Uniti, in fuga dallo sterminio e dalle persecuzioni di quegli anni cupi.

Rex Menu

Le copertine dei menu e delle liste passeggeri del Rex e del Conte di Savoia sono frutto dell’ingegno di famosi disegnatori e ci si perde a guardarne i dettagli.

Rex (22)

E poi quel giorno, quello splendente giorno di agosto.
Il Comandante  Francesco Tarabotto scrutava il mare, in attesa della meta.
Le onde battevano sullo scafo, la forza dell’oceano contro la potenza di un transatlantico.
Uno sciabordio, il vento, la luce che si riflette sull’acqua.

Rex (20)

Una velocità media di 28,92 nodi.
E il trionfo, il record mondiale di velocità e tempo nella traversata dell’Atlantico.

Rex (19)

E la gloria,  il Nastro Azzurro che sancisce un primato.

Rex (21)

I marinai vengono premiati per l’impresa, ricevono un diploma a memoria di quel giorno.

Rex (23)

Il Nastro Azzurro, chissà che emozione vedere New York e sapere di aver battuto un primato mondiale.

Rex (24)

E che orgoglio nel conservare la medaglietta ricordo!

Rex (25)

Il Comandante dona al sindaco di New York un modellino in scala.

Rex (27)

Una signora del mare, con tutti gli agi e le comodità.

Rex (26)

Vi soffermerete a guardare il ponte e gli ombrelloni aperti, la piscina e le scialuppe di salvataggio.
Una ricostruzione di pregio per una visita che vi lascerà affascinati.

Rex (29)

E c’è tanto altro da vedere, ci sono strumenti nautici e sezioni dello scafo, altri manifesti e molte fotografie che mostrano la bellezza delle sale e delle cabine, immagini in bianco e nero che ricordano il Rex.
La mostra Transatlantico Rex, il mito e la memoria  a cura dell’Autorità Portuale di Genova è a ingresso libero e sarà aperta fino al 30 Settembre.
E’ anche una bella occasione per entrare in questo meraviglioso palazzo, è allestita nello splendido Salone delle Compere, sarete circondati da statue di illustri uomini di una città di mare.
E vedrete la storia del Rex, una leggenda del mare.
Ringrazio il Dottor Oddone per aver reso possibile questo articolo, a Palazzo San Giorgio mi accolgono sempre con grandi sorrisi e con una gentilezza che mi fa davvero piacere.
E lasciando il palazzo troverete una passiera che ricopre lo scalone.

San Giorgio

E’ il colore del Nastro Azzurro, il premio che sancì il primato del Rex.

Rex (28)

Palazzo San Giorgio, laggioni e maioliche nella Sala del Capitano

Torniamo a Palazzo San Giorgio, davanti al mare.
Innanzi tutto desidero porgere un ringraziamento a una persona che pochi giorni fa ha lasciato un commento sotto ad uno dei miei articoli dedicati a questo meraviglioso edificio.
E’ una restauratrice di affreschi, con il suo lavoro ha contribuito a rendere questo palazzo così come oggi lo vediamo, ha un blog professionale e qui trovate una delle pagine dedicate a San Giorgio.
Il suo è davvero un lavoro prezioso che ha restituito una ricchezza a questa città.
Torniamo lassù, guardiamo le scale dall’alto.

Palazzo San Giorgio (2)

E torniamo nella Sala del Capitano, tra i benefattori e i benemeriti del Banco di San Giorgio.
Questa sala ha una particolarità: il suo pavimento e parte delle pareti sono ricoperti dai cosiddetti laggioni, mosaici in maiolica in stile moresco che spesso si trovano nei palazzi del centro storico e certamente avrò occasione di mostrarvene altri.
Questa sala venne allestita e restaurata dal D’Andrade e i suoi laggioni sono la copia fedele di quelli che vi erano in origine.

Palazzo San Giorgio

Un’incredibile accuratezza di dettagli.

Palazzo San Giorgio (3)

Le piastrelle contornano le lapidi e sono alla base delle statue.

Palazzo San Giorgio (4)

E conferiscono ancor più bellezza a questo luogo dove vive la magia del passato.

Palazzo San Giorgio (5)

Ma qui bisogna dirigere lo sguardo in ogni direzione per non perdere nessuna meraviglia, non ci sono solo piastrelle, ma anche pannelli di legno nella Sala del Capitano.

Palazzo San Giorgio (6)

E ancora legno sul soffitto, ognuna di queste travi ha un diverso intaglio, il risultato è armonioso e importante.

Palazzo San Giorgio (7)

E se come me siete dei sognatori, in questa sala sentirete il respiro del Medioevo, quell’atmosfera di secoli lontani, tempo di scudi e di spade, di lance e di armature.
Verrete qui e guarderete anche voi al di là della grata, dove sono le dame e i cavalieri?
E i benemeriti e gli illustri uomini che camminarono in questo cortile dove sono?

Palazzo San Giorgio (8)

Medioevo di chiaroscuri e di contrasti, di luce che prepotente filtra attraverso il vetro.

Palazzo San Giorgio (9)

Un luogo che parla di una grandezza antica, incisa per sempre a beneficio dei posteri.

Palazzo San Giorgio (10)

Tramandata sulla pietra che qui è viva è ha questa voce così presente e vera, una voce che sussurra nomi e nobili gesta.

Palazzo San GIorgio (11)

Il richiamo del passato, così forte e reale.

Palazzo San Giorgio (12)

E tutto attorno accurate decorazioni.

Palazzo San GIorgio (13)

Lo splendore dei laggioni con questi colori vividi e accesi.

Laggioni

Ma davvero qui bisogna osservare bene, abbassate lo sguardo verso il pavimento.

Palazzo San Giorgio - Pavimento  (2)

E seguite anche voi le geometrie e le curve.

Palazzo San Giorgio - Pavimento  (3)

Un effetto ottico di grande impatto.

Palazzo San Giorgio - Pavimento  (4)

Sfumano i colori, si susseguono disegni di diverse dimensioni.

Palazzo San Giorgio - Pavimento  (5)

Un gioco di armonia e di simmetria.

Palazzo San Giorgio - Pavimento  (6)

L’arte raffinata della maiolica, un magnifico lavoro.

Palazzo San Giorgio - Pavimento

Il silenzio avvolge questa sala, nella misteriosa malia della storia, l’incanto della gloria e di un mondo che è stato nostro e lo è ancora, tuttora è presente.
Siamo forse poco attenti e prestiamo poco riguardo a ciò che siamo stati mentre invece dovremmo sentire orgoglio e senso di appartenenza, in luoghi come questi dovremmo provare ammirazione e fierezza.
Qui si è circondati da vera bellezza e di questo non si può che essere grati.
Un aggraziato angioletto è posto a decoro della statua di uno dei benefattori.

Palazzo San Giorgio (14)

Là fuori spira il vento di mare, l’aria salmastra sale dalle calate nella città dei dogi e dei naviganti, nella città dei capitani del Popolo e dei benemeriti di San Giorgio.

Palazzo San Giorgio (15)